Cerca

L'editoriale

Marò, Belpietro processa Monti, Letta e Renzi: In più di due anni solo parole. Ne è rimasta una: vergogna

Marò, Belpietro processa Monti, Letta e Renzi: In più di due anni solo parole. Ne è rimasta una: vergogna

«Il premier indiano Manmohan Singh mi ha assicurato che si occuperà personalmente dell’obiettivo di trovare una soluzione amichevole del caso dei due marò». (26 marzo 2012, il presidente del Consiglio Mario Monti a margine del summit nucleare a Seul). «Il nostro team legale sta proseguendo la sua azione, segno che vi sono delle questioni procedurali che sono valutate molto attentamente. È comunque importante l’incontro tra il premier Monti e l’indiano Singh perché conferma la volontà di collaborazione delle autorità indiane alla soluzione di questo caso». (27 marzo 2012, il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata sul trasferimento del processo all’Alta Corte del Kerala). «L’Italia intende agire secondo le norme del diritto internazionale e in nome del rispetto di queste regole continuerà ad esigere con fermezza e determinazione che l’India si uniformi ad esse. È la linea che perseguiamo, mossi non da prudenza né da audacia, ma dalla certezza di essere dalla parte della ragione e dall’obiettivo di riportare a casa i nostri due ragazzi». (14 agosto 2012, il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata rispondendo a un’interrogazione parlamentare).



«I marò torneranno a casa. È un impegno del governo, del Parlamento e di coloro che positivamente, costantemente, offrono il loro contributo di lavoro, di sostegno, e di coesione nazionale. L’attenzione è costante e non c’è tregua, né bisogno di mettere foto sulla scrivania, perché l’attenzione dello stato è quotidiana». (2 settembre 2012, il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata rispondendo a una lettera dell’assessore regionale veneto Elena Donazzan). «Confidiamo che la Corte riconoscerà le ragioni del diritto. In caso contrario intraprenderemo tutte le opportune iniziative, sia sul piano bilaterale che europeo e multilaterale» (7 dicembre 2012, il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata in un’intervista al sito online Linkiesta).
«I nostri marò sono tornati a casa. Grande emozione nel riabbracciare Massimiliano e Salvatore, valorosi servitori dello Stato». (22 dicembre 2012, il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata accogliendo i due militari in Italia ma con l’impegno di ritornare in India).

«Mi dimetto perché per 40 anni ho ritenuto e ritengo oggi in maniera ancora più forte che vada salvaguardata l’onorabilità del Paese, delle forze armate e della diplomazia italiana. Mi dimetto perché solidale con i nostri due marò e con le loro famiglie. Ero contrario al loro ritorno in India, ma la mia voce è stata inascoltata. Ho aspettato a presentare le mie dimissioni qui in Parlamento per esprimere pubblicamente la mia posizione: non posso più far parte di questo governo». (26 marzo 2013, il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata alla Camera dopo che il governo Monti aveva preso la decisione di rispedire in India i due marò). «Massimiliano e Salvatore mi hanno chiesto “non abbandonateci”. Sarebbe facile ora lasciare, ma per rispetto delle istituzioni e delle scelte fatte non abbandonerò la nave in difficoltà fino all’ultimo giorno di governo. Ho sempre agito solo per il bene dei due fucilieri e dell’Italia. Se non ci sono riuscito me ne scuso con tutti e prima con loro due». (26 marzo 2013, il ministro della Difesa Giampaolo Di Paola, rispondendo alla Camera alle dimissioni del ministro degli Esteri).
«Una strategia di contrapposizione frontale non avrebbe portato a risultati diversi perché i due fucilieri si trovavano in India, il governo ha avviato un dialogo difficile e costante con l’esecutivo indiano, ma sul caso dei due marò il mio impegno e quello del governo sono stati assoluti». (27 marzo 2013, il presidente del Consiglio Mario Monti, rispondendo alla Camera dopo le dimissioni del ministro degli Esteri).

«Il presidente del Consiglio Mario Monti ha oggi avuto una lunga conversazione con il primo ministro indiano Manmohan Singh sul caso dei Fucilieri di Marina Latorre e Girone. Il primo ministro Singh ha apprezzato la decisione presa dal governo italiano e dai due Marò - dopo le assicurazioni fornite dalle autorità indiane - di rispettare l’impegno al rientro in India al termine della licenza per le elezioni. Nel colloquio telefonico si è quindi convenuto, al più alto livello politico, che tale responsabile decisione da parte italiana contribuirà a rendere più sollecita una positiva soluzione del caso». (9 aprile 2013, comunicato di Palazzo Chigi). «Lavoreremo per trovare una soluzione equa e rapida alla dolorosa vicenda dei due fucilieri di Marina trattenuti in India, che ne consenta il legittimo rientro in Italia nel più breve tempo possibile». (29 aprile 2013, Enrico Letta, presentando il suo governo alla Camera).
«L’ho detto nel discorso programmatico, il rientro in patria è un impegno del nostro governo. Ho formato subito un comitato di ministri, in cui abbiamo nominato Staffan De Mistura inviato della presidenza del Consiglio in India. De Mistura si è recato in India tre volte in 70 giorni. Il nostro obiettivo resta risolvere la questione in modo equo». (10 luglio 2013, Enrico Letta, rispondendo a Giorgia Meloni durante un question time alla Camera).

«Sono molto fiduciosa che i due marò trattenuti in India possano tornare in Italia entro Natale». (18 luglio 2013, il ministro degli Esteri Emma Bonino).
«In attesa di sviluppi, chiederemo alla Corte Suprema indiana di far rientrare in Italia i due fucilieri. Per difendere i due marò siamo pronti a bloccare gli accordi tra Ue e India». (17 gennaio 2014, il ministro degli Esteri Emma Bonino). «Il capo dello Stato proseguirà e intensificherà i contatti già stabiliti sul tema con i capi di Stato di Paesi amici, presso i quali ha già incontrato attenzione e comprensione per questo caso doloroso». (31 gennaio 2014, nota del Quirinale diffusa al termine dell’incontro tra Giorgio Napolitano e la delegazione parlamentare ritornata da una missione in India). «Tornerete con onore» (Giorgio Napolitano ai due marò in una telefonata del 31 gennaio 2014). «La ministro Emma Bonino a Davos dove partecipa al “World Economic Forum”, dopo colloqui con i ministri delle Finanze e del Commercio indiani, ha detto che hanno assicurato l’impegno a far sì che il loro governo decida sui marò il 3 febbraio». (24 gennaio 2014, comunicato del ministero degli Esteri italiano). «Dopo la pronuncia di oggi della Corte Suprema indiana che ha stabilito un termine perentorio di sette giorni per la formulazione da parte del giudice di una posizione definitiva nei confronti dei Fucilieri di Marina Latorre e Girone, il governo proseguirà il suo impegno caparbio in tutte le sedi europee e internazionali per una soluzione più favorevole rapida del caso». (3 febbraio 2014, il ministro degli Esteri Emma Bonino).
«La mia visita a Nuova Delhi è un monito per ricordare che il governo italiano reputa inaccettabile, illogico e fortemente contraddittorio, fare ricorso a una legislazione antiterrorismo e antipirateria per inserire in un quadro di giudizio due persone che si battevano contro il terrorismo e la pirateria». (10 febbraio 2014, il ministro della Difesa Mario Mauro dopo che la Procura generale indiana ha deciso di accusare i due marò di pirateria).
«Oggi voglio ribadire i miei sentimenti di vicinanza a Salvatore Girone e Massimiliano Latorre e alle loro famiglie. Sono certo che l’impegno delle istituzioni italiane e dell’Italia intera continuerà con determinazione fino alla soluzione della vicenda». (10 febbraio 2014, Enrico Letta al termine di una riunione interministeriale sul caso dei due marò).
«Nel loro primo giorno da ministri degli Esteri e della Difesa, l’on. Federica Mogherini e la sen. Roberta Pinotti hanno telefonato ai due fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. “Siete il mio primo pensiero e il primo del nuovo governo”, ha dichiarato con parole affettuose il ministro Pinotti». (22 febbraio 2014, Ansa).
«Ieri ho scelto di fare alcune telefonate simboliche ma non solo simboliche, ho chiamato i marò in India, coinvolti in un’assurda e allucinante vicenda per la quale garantisco un assoluto impegno del governo». (24 febbraio 2014, Matteo Renzi nel corso del suo intervento in aula al Senato, dove sarà votata la fiducia al nuovo esecutivo).
«Con l’invio dell’ultima nota verbale a Nuova Delhi, il 18 aprile scorso è stato avviato un percorso di procedura internazionale e si apre una fase nuova, che esaurisce quella avviata dall’inviato Staffan De Mistura». (4 luglio 2014, il ministro degli Esteri Federica Mogherini al Parlamento).

«Credo che rispetto al passato ci sia stato un significativo cambio di passo e che entrambi i Paesi vogliano risolvere rapidamente il caso nell’ambito del profondo rapporto di amicizia che li lega». (1 novembre 2014, il ministro degli esteri Paolo Gentiloni nel corso dell’audizione alle Commissioni esteri di Camera e Senato).
«Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, fortemente contrariato dalle notizie giunte da Nuova Delhi circa gli ultimi negativi sviluppi della vicenda dei marò, resterà in stretto contatto con il governo e seguirà con attenzione gli orientamenti che si determineranno in Parlamento». (16 dicembre 2014, comunicato del Quirinale dopo che la Corte Suprema indiana ha respinto le istanze dei due fucilieri di Marina). Un capo dello Stato, tre presidenti del Consiglio, quattro ministri degli Esteri e tre ministri della Difesa per lasciarli a marcire laggiù. Non ci sono parole, solo vergogna.

di Maurizio Belpietro
maurizio.belpietro@liberoquotidiano.it
@BelpietroTweet

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    18 Dicembre 2014 - 18:06

    Siamo lo zimbello degli stati esteri

    Report

    Rispondi

  • afadri

    18 Dicembre 2014 - 18:06

    Si però ne abbiamo piene le balle di questo paese Italia che si lascia prendere in giro da Indiani qualsiasi. Gente che ancora mendica per strada e che nella stragrande maggioranza è analfabeta e vive peggio dei barboni.Anzi i barboni, come quelli che conosciamo noi, sono molto più dignitosi.!

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    18 Dicembre 2014 - 14:02

    Non comprare madre in india'boicottare.questi non sanno cosa e' il diritto.hanno solo la logica del baratto e della casta

    Report

    Rispondi

    • afadri

      18 Dicembre 2014 - 18:06

      hai ragione....sono degli ex-coloni, che non hanno ancora imparato la cosa fondamentale. Rispettare tutti. Guardati intorno nella regione dell'oceano Indiano e dimmi se trovi un paese civile. Io ne vedo pochissimi. Di sicuro non l'India.!

      Report

      Rispondi

  • fulcus

    18 Dicembre 2014 - 13:01

    Credo che si dovrebbe proporre uno scambio, riportare in Italia definitivamente i due maro' e mandare in India il sen. Mario Monti e il dott. Corrado Passera come ostaggi e responsabili del ritorno in India del marzo 2013. Dovrebbero restare fino alla soluzione della vertenza come garanzia delle autorita'indiane.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog