Cerca

Dietro la follia di Milano

Pm "soft" e avvocati gratis: perché gli immigrati clandestini in Italia sono intoccabili

Così le espulsioni sono diventate impossibili:  gli assi nella manica degli illegali
Pm "soft" e avvocati gratis: perché gli immigrati clandestini in Italia sono intoccabili

 

di Andrea Morigi

Da quando il pacchetto sicurezza, approvato già piuttosto monco dal governo Berlusconi nel 2009, è stato smontato pezzo per pezzo, è diventata un’impresa costosa e faticosa rimpatriare un immigrato illegale. Prima i magistrati e la Corte europea di Giustizia, poi la Corte Costituzionale si sono accaniti in particolare contro il reato d’immigrazione clandestina, depotenziando l’efficacia dei decreti di espulsione o di allontanamento. Basta che il destinatario sia povero per giustificarne la permanenza. Non aveva i mezzi economici per tornare a casa, quindi rimane e fa come gli pare. Anche perché non esiste più l’aggravante del reato di clandestinità né la pena detentiva per l’ingresso illegale nel territorio dello Stato, originariamente prevista con la reclusione fino a quattro anni. Tutto abolito per compiacere i tifosi dello ius soli, nella versione che pretende che, una volta toccato il suolo italiano non lo si abbandoni più.

Una fra tutte è Laura Boldrini, la quale quand’era a capo della struttura italiana dell’Unhcr, l’agenzia Onu per i rifugiati, si era spesa per purificare il linguaggio giornalistico e la politica da ogni possibile accenno all’illegalità del soggiorno degli stranieri. Era prevalsa l’idea che potrebbe trattarsi di migranti richiedenti asilo. Intoccabili anche nel caso di bocciatura delle loro legittime istanze, finché non si sia concluso l’iter dei ricorsi, per i quali godono del gratuito patrocinio legale. Sono povere vittime, in fuga da un pericolo di morte o da un’emergenza umanitaria. Tanto che la legislazione li protegge a oltranza e, davanti all’eventualità di allontanare dal territorio nazionale un perseguitato o uno scampato a un disastro naturale, finiscono per passare in secondo piano anche le esigenze della legalità e dell’ordine pubblico.

Leggi l'articolo integrale di Andrea Morigi su Libero in edicola oggi, domenica 12 maggio 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FAUSTOMASS

    23 Maggio 2013 - 08:08

    nell'ottica della integraazione razziale, la sigra quienge si preoccupi di iniziare dal suo paese e dai paesi viciniori dove il razzismo è endemico. in Italia incominciamo a rimandare a casa loro i delinquenti in carcere e quelli peer la strada, gli spacciatori e le puttane bianche e nere, gli strupratori e i rapinatori, e chi più ne ha più ne metta. in merito a pm e avvocati il mio augurio è che loro o i loro familiari subiscano le violenze che sono graaziate dagli stessi. occhio per occhio dente per dente.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    17 Maggio 2013 - 21:09

    Signori,è inutile continuare a fare chiacchiere da Bar...o il Fascismo riprende il Potere in Italia,o fra 50 anni saremo destinati a pregare Allah !

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    13 Maggio 2013 - 14:02

    Mai che succedesse ad un magistrato o a qualche politico o ad un loro familiare. La musica cambierebbe certamente.

    Report

    Rispondi

  • gino45

    13 Maggio 2013 - 08:08

    da sardosardo sono pienamente d'accordo con lei.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog