Cerca

Il caso

Roma, giudice rimanda a casa il vicino-pedofilo Per la bimba ricomincia l'incubo

Condannato in secondo grado, aveva il divieto di domicilio nell'ex appartamento Ora può tornare a casa, vicino alla vittima

Roma, giudice rimanda a casa il vicino-pedofilo Per la bimba ricomincia l'incubo

Un incubo durato tre anni. Una bambina violentata fisicamente e psicologicamente dal suo vicino di casa, al quale la mamma la lasciava, inconsapevole di quello che accadeva nell'appartamento di Roma. Sembrava tutto finito, - scrive Repubblica - invece l'incubo ricomincia. Nel 2011 l'uomo fu condannato a tre anni di reclusione (tramutati in domiciliari per anzianità) per pedofilia: ora la Corte d'Appello di Roma ha revocato il divieto di dimora. Ciò significa che l'uomo può tornare a vivere accanto alla sua vittima. La bimba, ormai di 13 anni, ricomincia a non dormire la notte, a non voler più uscire di casa. 

Il pedofilo, "lo zio", come lo chiamavano affettuosamente prima di sapere, era stato condannato con rito abbreviato. Poi aveva violato il divieto d dimora nei pressi dell'abitazione della bimba. Il divieto viene esteso a tutto il Lazio. A maggio 2013 la condanna viene confermata in secondo grado. A luglio la marcia indietro: i magistrati revocano il divieto di dimora per la caduta delle esigenze cautelari, dato "il tempo trascorso dall'adozione della misura" e "l'età avanzata dell'imputato". 

La mamma della bambina è disperata: porta sua figlia lontano da Roma. "Il rientro a casa del ... che abita proprio sopra il suo appartamento, ha portato ad un nuovo, improvviso e grave peggioramento del suo stato emotivo ... si rifiuta di uscire da casa, ha disturbi del sonno, ha paura di vederlo e di incontrarlo nel timore che possa farle ancora del male...", scrive in un referto la neuropsichiatra che dopo le violenze ha in cura la bambina da due anni e mezzo. Ma la legge è legge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pedralb

    23 Agosto 2013 - 13:01

    Caro gidice il miglior augurio è che te lo metta in culo!!!!!

    Report

    Rispondi

  • routier

    23 Agosto 2013 - 13:01

    Italia patria del diritto. Lo "ius" dei latini. Meglio cento colpevoli in libertà che un solo innocente in galera. Cesare Beccaria e il "Dei delitti e delle pene".La presunzione di innocenza. La terzietà del giudice. Ma chi ci crede più ???

    Report

    Rispondi

  • delfino47

    23 Agosto 2013 - 13:01

    Il mio AUGURIO: al pedofilo una "caduta" dalle scale e al giudice le sofferenze che ha provato e proverà la Bambina.

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    23 Agosto 2013 - 13:01

    deve pagare , non si può l asciar correre un comportamento simile. Io penso al bene della ragazza non del pedofilo. Evidentemente chi l'ha giudicato sta dalla parte opposta. Va eliminato subito dall'ordine!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog