Cerca

Filo diretto

Papa Francesco telefona a una donna argentina stuprata: "Non sei sola"

Bergoglio prosegue con le "chiamate senza filtri". La 44enne Alejandra gli aveva scritto una lettera e lui domenica l'ha contattata: "Ora mi riceverà in Vaticano"

Papa Francesco

Papa Francesco

"Non sei sola". E' l'assicurazione che Papa Francesco ha voluto dare telefonando a una donna argentina di 44 anni, Alejandra Pereyra, vittima di stupro da parte di un agente di polizia, che aveva inviato una mail al pontefice dieci giorni fa. Jorge Mario Bergoglio l'ha chiamata al telefono domenica scorsa, come la stessa donna ha poi rivelato al Canale 10, secondo quanto riferisce il sito cattolico Il Sismografo. "Quando ho sentito la voce del Papa al telefono, mi è sembrato di essere stata toccata dalla mano di Dio - confessa Alejandra alla tv  argentina -. E' squillato il mio cellulare e quando ho chiesto chi era mi sono sentita rispondere Il Papa: sono rimasta pietrificata. Il   Papa ha ascoltato con molta attenzione il mio racconto e mi ha detto che mi avrebbe ricevuto in Vaticano. Mi ha detto che non sono sola e mi ha chiesto di avere fiducia nella giustizia". Il filo diretto, è proprio il caso di dirlo, tra Pontefice e fedeli dunque continua. Negli ultimi mesi ha già contattato telefonicamente, senza intermediari, una libraia, un edicolante e un calzolaio, mentre ad agosto aveva parlato con un giovane studente padovano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    27 Agosto 2013 - 14:02

    e ci sono anche tanti altri.... ma sono sparsi per il mondo e non possono darti nulla di serio e di concreto, purtroppo.... ma ci siamo eh, tu stà tranquilla e leggiti le favole dei preti....

    Report

    Rispondi

  • Megas Alexandros

    27 Agosto 2013 - 12:12

    ma questi imbecilli, senza offesa, come anche il ragazzo 19enne della settimana scorsa, lo sanno o no che Gesù Cristo lo trovano REALMENTE presente in anima e corpo nel Santissimo Sacramento dell'Altare che invece resta tutti i giorni nelle Chiese senza che anima viva se lo fili!!! Cristo è vivo e ci aspetta nei tabernacoli di tutto il mondo. Il Papa questo concetto dovrebbe chiarirlo una volta per tutte invece di legittimare malsane eccessive devozioni nei confronti delle creature, foss'anche una di queste il Vicario di Cristo in terra...

    Report

    Rispondi

blog