Cerca

Dopo la strage dei migranti

Lampedusa contesta Letta e Alfano:
"Assassini, vergogna"

Fischi e urla all'arrivo dei politici che accompagnavano Barroso all'hangar con i corpi delle vittime del mare

La protesta dei pescatori di Lampedusa

"Vergogna, assassini", con queste grida i cittadini lampedusani ha accolto l'arrivo di Enrico Letta, di Manuel Barroso, e di Angelino Alfano a Lampedusa.  "Andate via", hanno urlato i cittadini tra salve di fischi contro il capo del governo e il presidente della commissione europea. I lampedusani per protesta mostrano grandi fotografie dei naufragi precedenti. "Il problema -dice uno di loro- è in Africa. La prima cosa che si deve fare è istituire corridoi umanitari. Proporre il Nobel per Lampeusa è solo ipocrisia da parte della politica. Lo sanno che in quei paesi ci sono torture, violenze". Ai cronisti non è stato consentito di accere nel perimetro dell'aeroporto.  "Dovete andare al centro d'accoglienza -gridano dalla recinzione dell'aeroporto ai delegati Ue e dell'Italia- vergognatevi. Dovete vedere le condizioni dei profughi. Assassini".

Guarda le foto della contestazione nella Gallery
Guarda il video su Libero Tv

"Cambiare la Bossi-Fini" - Dopo le proteste, le parole. Se Angelino Alfano ha spiegato che abolire la legge Bossi-Fini, al centro delle più recenti discussioni, "temo non sia la soluzione del problema". Il ministro dell'Interno si dice convinto che "non serve ad evitare tragedie come quelle della scorsa settimana. Se servisse a evitare il dramma delle carrette del mare procederemmo subito, ma temo non sia la soluzione". Diverso il pensiero di Letta, favorevole a una modifica o alla cancellazione della norma, che spiega: "Affronteremo il tema, lo affronteremo da posizioni diverse. Lo dico da capo di un governo di grande coalizione. Ci sono posizioni diverse, troveremo un'intesa. Ne discuteremo".

L'incontro con i migranti - Il presidente della Commissione europea Manuel Barroso, il premier Enrico Letta, il vicepremier Angelino Alfano e il commissario europeo Cecilia Malmstrom sono andati dell'hangar dell'aeroporto di Lampedusa per rendere omaggio alle oltre 280 vittime del naufragio del barcone a Lampedusa poi si sono recati al Comune di Lampedusa con il sindaco, Giusi Nicolini. Il programma iniziale prevedeva la visita al molo Favaloro e successivamente un incontro con le associazioni e i migranti nella sede dell'Aeronautica militare. A sorpresa, però, i politici sono anche andati nel centro di accoglienza di Lampedusa nel quale si sono trattenuti una decina di minuti a parlare con i migranti. Barroso ha addirittura twittato una sua foto che lo ritrae insieme a Enrico Letta, mentre ascolta una delegazione dei rifugiati: "Listening to refugees in Lampedusa together with PM", ha scritto. 

Funerale di Stato - "Ho visto sofferenza e dolore", gli ha fatto eco il premier italiano all'uscita del Centro di accoglienza. Quella di Lampedusa "è una tragedia immane mai accaduta nel Mediterraneo", ha detto Letta chiedendo "scusa per le inadempienze del nostro Paese, rispetto a una tragedia come questa". Il presidente del Consiglio ha poi annunciato che le vittime del naufragio di Lampedusa avranno un funerale di Stato. Letta ha ricordato che il governo aveva deciso il 4 ottobre un giorno di lutto nazionale ed ha spiegato che l'Italia vuole cosi' chiedere "scusa per le inadempienze del nostro paese" che si sono evidenziate in drammi come queste ma anche come promessa che "l'Italia può fare e prenderà concretamente delle misure". Prima fra tutte, nella legge di stabilità, gli interventi concreti per le necessità dell'isola di Lampedusa. Questo pomeriggio poi, durante la riunione del consiglio dei Ministri, il governo stanzierà risorse per l'accoglienza dei minori non accompagnati e in breve interverrà sul tema del diritto di asilo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cecco61

    10 Ottobre 2013 - 09:09

    Letta afferma che chiederà scusa a nome dell'Italia per le inadempienze. Parli per sé stesso e non per un Paese che non rappresenta. Arrivano in massa: li vestiamo, gli diamo da mangiare, da fumare, qualche soldo per andare al bar e pure la pensione ai parenti anziani e dobbiamo pure chiedergli scusa? Ma siamo impazziti. Mi spiace per i morti recenti ma non dimentichiamo che si sono incendiati la barca da soli. Dove vivo di immigrati ce ne sono parecchi ma non uno che faccia la coda per i pasti gratuiti: solo italiani, anziani e non, ridotti allo stremo da tasse forsennate per aiutare questi disgraziati. Letta pagaglieli tu aiuti e sussidi, assieme a Boldrini, Kyenge e co.

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    10 Ottobre 2013 - 06:06

    Anzichè a carico dello stato a tutti coloro, queste spese dovrebbero essere addebita alla cecile, boldrini e franceschiello e a tutti coloro che li sostengono

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    10 Ottobre 2013 - 06:06

    Erano colonizzati, hanno voluto la libertà, gli è stata data ed ora cosa vogliono?

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    10 Ottobre 2013 - 06:06

    Quanto ci costa tutta queste gente? Dove le prende i soldi per farsi traghettare? Sono accolti e protestano ancora, che stiano a casa loro e non vengano quì a rompere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog