Cerca

La storia

"Ci rubi il lavoro"
Diciannovenne brianzolo
ammazzato di botte nel Kent

Il ragazzo era stato assunto in un ristorante italiano come cameriere. Pestato l'amico, otto in manette. Solo uno è inglese

Joele Leotta

Joele Leotta

Tutto si sarebbe aspettato di trovare in Inghilterra, tranne che la morte. Voleva studiare e lavorare invece Joele Leotta, 19enne brianzolo, è stato ucciso a Maidstone, capitale del Kent, per un motivo assurdo: era italiano e aveva rubato il lavoro ai sudditi di Sua Maestà. 

Pestaggio mortale - "Ho trovato lavoro in un ristorante italiano, con origini napoletane, e ora sto imparando a fare il cameriere davvero tutto perfetto", scriveva appena una settimana fa Joele su Facebook Joele. Era arrivato a Maidstone,appena una decina di giorni fa e, come raccontava ai suoi amici su Facebook stava "cercando di sistemarsi". Poi, l’assurdo epilogo: Joele è stato ucciso a botte nell’appartamento in cui era appena andato a vivere. A picchiarlo fino a farlo morire, spiega il Giorno, otto ragazzi inglesi fra i 21 e i 25 anni. Il motivo di tanta ferocia ha dell’incredibile: "Italiano di merda. tu rubi il lavoro agli inglesi". Così gli avrebbero detto i suoi assassini secondo la testimonianza dell'amico Alex Galbiati che stava condividendo con lui questa esperienza all'estero rimasto anche lui vittima della violenza degli inglesi.

guarda le foto pubblicate da Joele nella Gallery

Otto inglesi in manette - La lite, secondo il racconto del Giorno, sarebbe inziata domenica sera al ristorante alcuni clienti avrebbero infatti più volte importunato i due ragazzi italiani, accusandoli di aver occupato il letto di un loro connazionale e di rubare il lavoro agli inglesi. La discussione sembrava terminata, ma dopo la fine del turno, quando i due lecchesi stavano per andare a letto, nel loro appartamento hanno fatto irruzione gli otto balordi e li hanno picchiato a sangue. Joele è morto poco dopo l'arrivo in ospedale, Alex, nonostante le numerose ferite al volto e all'addome, sarebbe fuori pericolo. La polizia inglese, che ha arrestatoi nove presunti colpevo sostiene che gli aggressori "sono otto di nazionalità straniera, e uno inglese". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianko

    24 Ottobre 2013 - 16:04

    che i padani sono dei vigliacchi e i terry no? tieni conto che i magistrati, che se ti difendi ti ROVINANO LA VITA, sono al 95% tutti terry?.. tu pensi che al sud i terry/magistrati siano buonisti come al nord? (al motto di 'nessuno tocchi caino'?) qui al nord chi ha sparato sui delinquenti (nostrani, cioè terry in massima parte o immigrati) è finito male..la legittima difesa di fatto NON ESISTE PIU'.. questo è il problema.. di gente armata ce n'è tanta anche al nord, ma con 'ste leggi e con questi giudici.. devi pagare PENALMENTE E CIVILMENTE .. hanno risarcito i parenti dei delinquenti "morti sul lavoro"

    Report

    Rispondi

  • cabass

    24 Ottobre 2013 - 12:12

    Brucia eh?! Brucia non poter più starnazzare contro i "razzistacci nostrani", mettendoli in guardia sul fatto che "c'è sempre qualcuno più a nord" e bischerate simili...

    Report

    Rispondi

  • bfrizzante

    24 Ottobre 2013 - 11:11

    non mi sono dimenticato ma sono stato zitto. siccome provochi allora perchè un paio di quei che tu chiami poveretti sovraffollati non li prendi in casa tua? Solo per un anno, poi troveranno la loro strada. Ti saluto caramente, alla prossima

    Report

    Rispondi

  • pedralb

    24 Ottobre 2013 - 11:11

    Vendetta Subito

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog