Cerca

Dopo la bimba affidata a coppia omosex

Il garante dei bimbi
apre alle adozioni gay

Spadafora: "E' tempo di confrontarsi sul tema". Ma a colpi di sentenze e "aperture" si va verso la disgregazione della famiglia

Il garante dei bimbi
apre alle adozioni gay

Papà, zio, mamma, genitore uno o due, tutte categorie ormai superate, per alcuni giudici e perfino a giudizio del Garante per l’infanzia e l’adolescenza. Quest’ultimo, Vincenzo Spadafora, ha tracciato ieri la rotta, con un’affermazione rivoluzionaria: «È ormai giunto il momento che nel nostro Paese si apra un dibattito in tema di diritti civili e quindi anche un confronto sulle adozioni alle coppie omosessuali».

Se,  nei Paesi cosiddetti evoluti, la disgregazione della famiglia si è realizzata con successo, in Italia si procede per tappe successive. A colpi di sentenze, di interpretazioni delle norme giuridiche, più che con il confronto auspicato da Spadafora a margine del convegno nazionale «Per una giustizia a misura di minore», organizzato dall’Associazione italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la Famiglia, in corso a Salerno. Sul provvedimento adottato dal Tribunale di Bologna che ha concesso l’affidamento di una bambina a una coppia di omosessuali, il Garante nazionale per i minori sostiene che «vi è una sostanziale differenza tra affidamento e adozione. Il primo è un istituto temporaneo, e quindi la bambina in questione di sicuro sarà riportata nella sua famiglia di origine. Non ci sono ora particolari novità in merito, dal momento che la legge prevede che nei casi di affido i bambini possano essere dati a famiglie, preferibilmente con figli, ma anche a single o a coppie omosessuali».

Succede, quando ci si fa un’idea tutta personale delle leggi, come la 149 del 2001, che disciplina l’istituto dell’affido. Occorre proprio mettercela tutta per distorcere l’art. 2, dove dispone che il minore temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo, sia «affidato ad una famiglia, preferibilmente con figli minori, o ad una persona singola, in grado di assicurargli il mantenimento, l’educazione, l’istruzione e le relazioni affettive di cui egli ha bisogno». E a nessuno, nemmeno quando si consente «l’inserimento del minore in una comunità di tipo familiare o, in mancanza, in un istituto di assistenza pubblico o privato», può venire in mente una coppia gay. Si tratta delle cosiddette «case famiglia», strutture destinate all’accoglienza di minori, anziani e soggetti problematici. Ma la decisione del Tribunale per i minorenni dell'Emilia-Romagna che, contro l’opinione della Procura, ha deciso di affidare una minorenne a due omosessuali nel Parmense, è giustificata ufficiosamente dal fatto che la bambina «è consapevole del ruolo non genitoriale svolto dagli affidatari» ed è «coinvolta nella vita di questi ultimi anche unitamente agli altri componenti della sua famiglia originaria».

Perciò, osserva l’onorevole Eugenia Roccella, eletta con il Pdl, «il Garante inoltre dovrebbe chiarire in quale punto della legge si prevede esplicitamente la possibilità di affidare un minore a una coppia omosessuale». E comunque, se «è necessario aprire un dibattito sulla questione delle adozioni da parte degli omosessuali», non vanno percorse scorciatoie che privilegino le fughe in avanti della magistratura ed escludano la società civile dalle decisioni che riguardano tutti. Quindi, «bisogna aprirlo nella sede pertinente, e cioè il Parlamento italiano, in modo che l’opinione pubblica sia coinvolta e possa conoscere gli orientamenti in materia di ogni forza politica».

Nel frattempo, continua la Roccella «il Garante per l’Infanzia, se volesse garantire davvero l’infanzia, invece di fare dichiarazioni ideologiche e inesatte, dovrebbe chiedere al Tribunale di Bologna in base a quali criteri, rispettando l’indiscusso principio del migliore interesse del minore, sia stata scelta per l’affido della bambina una coppia omosessuale. Dove è la letteratura specialistica a cui gli esperti e i magistrati hanno fatto riferimento? Qual è il modello di famiglia, paternità e maternità che si vuole trasmettere alla bambina?». 

Il retroterra culturale e politico di Spadafora, Presidente dell'Uniucef Italia, del resto non è esattamente quello della democrazia partecipativa. L’organizzazione che rappresentava fino alla sua nomina istituzionale, cioè il Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia, è un organo sussidiario dell’Onu che sfugge al controllo di ogni rappresentanza politica. Ma non certo alle influenze ideologiche, visto che da almeno due decenni promuove l’aborto spacciandolo come una misura di salute riproduttiva, soprattutto nel Terzo Mondo.

di Andrea Morigi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • leo74

    30 Novembre 2013 - 17:05

    Non avrai relazioni carnali con un uomo, come si hanno con una donna: è cosa abominevole. (Levitico 18:22) Se uno ha relazioni carnali con un uomo come si hanno con una donna, ambedue hanno commesso cosa abominevole; saranno certamente messi a morte; il loro sangue ricadrà su di loro. (Levitico 20:13) Perché in verità vi dico: Finché il cielo e la terra non passeranno, neppure un iota, o un solo apice della legge passerà, prima che tutto sia adempiuto. (Matteo 5:18)

    Report

    Rispondi

  • leo74

    30 Novembre 2013 - 17:05

    Non avrai relazioni carnali con un uomo, come si hanno con una donna: è cosa abominevole. (Levitico 18:22) Se uno ha relazioni carnali con un uomo come si hanno con una donna, ambedue hanno commesso cosa abominevole; saranno certamente messi a morte; il loro sangue ricadrà su di loro. (Levitico 20:13) Perché in verità vi dico: Finché il cielo e la terra non passeranno, neppure un iota, o un solo apice della legge passerà, prima che tutto sia adempiuto. (Matteo 5:18)

    Report

    Rispondi

  • white warrior

    18 Novembre 2013 - 17:05

    Il diritto di un bambino a avere genitori che corrispondano all'immagine della coppia di individui sessualmente complementari che gli hanno dato la vita è prioritario rispetto a ogni considerazione riguardo il benessere che può dare a coppie o triple omo o etero cui fosse consegnato da una legge che non ha alcun diritto di decidere ciò che non le spetta. Se si dovesse dare un bambino a chi è in grado di garantirne sulla carta il benessere, perchè non affidarlo a un'équipe socio-pedagogica, a un collegio di Clarisse o una commissione di bioetica o a un comitato di educatori laureati nei migliori ateneni? Un bambino è una persona, un 'valore in sé', non è un bene che può essere oggetto del desiderio di 'genitorialità' da parte di altri che le figure escluse dalla riproduzione che non possono accampare diritti presunti su una vita che viene prima di ogni diritto sancito dalla legge.

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    18 Novembre 2013 - 14:02

    Se il papa non è in grado di giudicare i gay allora lo vuoi essere tu ? Ti hanno eletto al conclave come supporto spirituale del Santo Padre?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog