Cerca

Paghiamo noi

Il Csm non bada a spese
Panini e brioches d’oro
ai buffet dei magistrati

Nonostante la richiesta di risparmiare, lievitano le spese per straordinari e catering del Csm: migliaia di euro a colazione

Michele Vietti, vicepresidente Csm

Attenti, si spende troppo, e non riuscite a stare dentro la riduzione dei costi chiesta dalla legge. L’allarme viene suonato ormai ripetutamente al Consiglio superiore della magistratura dal presidente del Collegio dei revisori dei conti dell’organo di autogoverno della magistratura. È accaduto nel 2012, riaccade in questo 2013, visto che ancora una volta vengono integrati  capitoli di spesa che riguardano forfait per le sedute dei componenti del consiglio (che hanno sostituito i gettoni di presenza) e alcuni trattamenti accessori, dagli straordinari alle spese di staff. 

I revisori inviano lettere con formule di rito, autorizzando senza coinvolgersi troppo le maggiori spese «prendendo atto che le proposte variazioni sono ritenute corrispondenti alle effettive esigenze dell’amministrazione». Ma poi aggiungono sempre di volere verificare a consuntivo se queste improvvise integrazioni di bilancio si «rapporti alle economie di spesa a suo tempo perseguite, nella materia, con apposite modifiche regolamentari». 

Straordinari  Nel bilancio 2012 il problema si era presentato con un aumento rispetto alle previsioni di 248 mila euro al capitolo stipendi e assegni fissi a favore del personale di ruolo, e di 70 mila euro per il capitolo «spese per indennità di sedute dei componenti del Consiglio», che pure era divenuto forfettario proprio per non doverlo integrare con questo o quel gettone extra di presenza. Eppure su personale e staff si continua ad integrare i bilanci di previsione. 

Evidentemente Michele Vietti e i suoi principali collaboratori sono lavoratori instancabili. Tanto è che aumenta sempre la voce delle spese per straordinario che riguardano quegli staff. Si capisce anche dal consuntivo per gli straordinari militari. Al Csm si lavora così tanto da dovere pagare circa 10 mila euro di straordinari (circa 900 euro al mese) all’unico vigile urbano che nei momenti di punta deve regolare il traffico davanti alla sede Csm di piazza Indipendenza. 

Lo stesso Vietti deve fare le ore piccole al lavoro, visto che vengono pagati in media circa 600 euro al mese di straordinari a ciascuno dei sei militari che compongono la sua scorta. Un po’ di più - circa 700 euro medi al mese di straordinari  vengono pagati dal Csm  per l’extra lavoro compiuto da ciascuno degli 8 militari che fanno da autisti e scorta al primo presidente e al procuratore generale della Corte di Cassazione. E circa 500 euro al mese di straordinari vengono pagati regolarmente a ciascuno dei 13 carabinieri distaccati presso l’organo di autogoverno della magistratura. Evidentemente i carichi di lavoro sono così alti che bisogna fare le ore piccole. 

E ovviamente si spende non poco pure per gli straordinari del personale civile. Ma non è solo questa voce a preoccupare i revisori dei conti del Csm. Qualche problema è nato quest’anno dall’appalto biennale per il catering necessario per eventi (convegni, presentazioni, conferenze) organizzati dal Csm. 

Pranzi di lusso  La cifra in sé non sembra enorme: 50 mila euro. Ma si è scoperto che è quanto si è speso a consuntivo nel 2012 per 20 appuntamenti. In media dunque si è speso 2.500 euro di catering a presentazione. Naturalmente la spesa dipende dagli invitati e da che cosa si offre loro. In metà dei casi si è trattato di organizzare un buon coffee break. Negli altri un «light lunch» o un buffet durante la pausa pranzo dei lavori. Partecipanti? Risposta dell’amministrazione: «Da un minimo di 10 a un massimo di 80 persone». Tradotto in numeri: la spesa pro capite per evento oscillerebbe fra 31 e 250 euro. In ogni caso una follia se si tratta di semplici coffee break, ma improponibile anche in caso di pranzi-buffet di 10, 20 o 30 persone, a meno che sia usanza del Csm fare scorrere champagne a fiumi e servire agli ospiti tartine al caviale e terrine di fois gras. E così si è aperto un «dossier catering» in tempi di crisi che può fare andare di traverso il boccone ai vertici del Csm...

Franco Bechis

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • granchio714

    24 Novembre 2013 - 22:10

    potrebbe essere che questo giornale attacchi i magistrati perche hanno condannato Berlusconi , oppure che i magistrati , dal momento che sono riusciti dove la politica non è riuscita , è cioè eliminare Berlusconi , possano ormai fare ciò che vogliono , contravvenendo a tutte le regole con cui il resto dell'italia deve fare i conti . comunque la cosa non stupisce , se vuoi vivere bene in italia , devi essere di sx ....

    Report

    Rispondi

  • alejob

    23 Novembre 2013 - 12:12

    Studiare cosa, quello che non capiscono?. Per capire ci vuole non uno studio approfondido ma un intuito profondo e chi ha intuito non serve un grande studio. Solo le persone con molto, molto di basso comprendonio, hanno bisogno di uno studio per capire, quello che non potranno mai capire, anche dopo averlo studiato, perechè l'interpretano sbagliato. Gli uomini non sono ONNISCIENTI, al massimo DEFICIENTI.

    Report

    Rispondi

  • alejob

    23 Novembre 2013 - 12:12

    perchè non dargli da mangiare fino a farli scoppiare?

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    23 Novembre 2013 - 11:11

    Quello che dici non mi rallegra affatto, perché forti di siffatto civile esempio, schiere di piccoli spendaccioni crescono e già sgomitano per trovare posto al desco.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog