Cerca

La nuova Chiesa

Comunione ai divorziati
La tentazione di Bergoglio

Pubblicata l'Esortazione "Evangelii Gaudium" in cui il Papa disegna il pontificato: condanna l'aborto ma apre all'Eucarestia per chi si risposa

Jorge Mario Bergoglio

Jorge Mario Bergoglio

L’Eucaristia, sebbene costituisca la pienezza della vita sacramentale, non è un premio per i perfetti ma un generoso rimedio e un alimento per i deboli». Una frase contenuta nell’esortazione apostolica di Papa Francesco «Evangelii Gaudium», la «gioia del Vangelo», che da ieri è stata diffusa pubblicamente, probabilmente è destinata a rilanciare l’annosa  questione della comunione ai divorziati e ai risposati. Una frase che certamente offre una riflessione ma che in molti saranno disposti a leggere come una «apertura» straordinaria offerta dal Pontefice, se non addirittura usata per sostenere tesi che il Papa non presenta.   In realtà, l’indicazione è quella di una visione pastorale della Chiesa e quindi anche del sacramento dell’Eucarestia, che appunto Francesco definisce, tra l’altro,  un «aiuto» ai più deboli: «Queste convinzioni hanno anche conseguenze pastorali che siamo chiamati a considerare con prudenza e audacia. Di frequente ci comportiamo come controllori della grazia e non come facilitatori. Ma la Chiesa non è una dogana, è la casa paterna dove c’è posto o per ciascuno con la sua vita faticosa». Quindi si tratta di un percorso da intraprendere, lungo la strada della misercordia verso chi, come i divorziati, vivono la loro fede in una condizione difficile.

Parole molto più dure e chiare il Papa le riserva alla questione dell’aborto e alla difesa della vita e dei più deboli: «Tra questi deboli», scrive Francesco, «di cui la Chiesa vuol prendersi cura con predilezione, ci sono anche i bambini nascituri, che sono i più indifesi e innocenti di tutti, cui oggi si vuole negare la dignità umana al fine di poterne fare quello che si vuole, togliendo loro la vita e promuovendo legislazioni in modo che nessuno possa impedirlo. Frequentemente, per ridicolizzare allegramente la difesa che la Chiesa fa delle vite dei nascituri, si fa in modo di presentare la sua posizione come qualcosa di ideologico, oscurantista e conservatore. Eppure questa difesa della vita nascente è intimamente legata alla difesa di qualsiasi diritto umano». 

E poi avverte chi si attende grandi stravolgimenti della Chiesa sui valori fondamentali: «Non ci si deve attendere che la Chiesa cambi la sua posizione su questa questione. Voglio essere del tutto onesto al riguardo. Questo non è un argomento soggetto a presunte riforme o a modernizzazioni. Non è progressista pretendere di risolvere i problemi eliminando una vita umana». 

Va ricordato che questo testo non è una enciclica, ma comunque si tratta di uno scritto ampio e denso che rappresenta una summa dei primi otto mesi del magistero di Bergoglio, la sua visione della Chiesa, soprattutto connotata dall’opzione preferenziale per i poveri e aperta al mondo, nemmeno centralizzata, a cominciare dalle gerarchie ecclesiatiche, dalla Curia, dalle Conferenze episcopali.  

Tra le molte indicazioni pastorali anche una speciale per la attenzione alla omelia nelle messe. Il Papa mostra anche di avere chiaro come funziona il meccanismo dei media e delle sue distorsioni: «Nel mondo di oggi, con la velocità delle comunicazioni e la selezione interessata dei contenuti operata dai media, il messaggio che annunciamo corre più che mai il rischio di apparire mutilato e ridotto ad alcuni suoi aspetti secondari». La soluzione? La conversione autentica di chi si definisce cristiano. A cominciare proprio da lui, il capo della Chiesa: «Dal momento che sono chiamato a vivere quanto chiedo agli altri, devo anche pensare a una conversione del papato». 

Caterina Maniaci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubik

    19 Agosto 2014 - 18:06

    sono vegetariano il corpo di cristo mi rimane sullo stomaco

    Report

    Rispondi

  • stef56

    11 Marzo 2014 - 21:09

    Dov'è che il Papa parla della "comunione ai divorziati"? Ho letto più volte la citata frase dell'esortazione apostolica e non c'è neanche il minimo accenno ai divorziati. Chi parla di una "apertura" ai divorziati è solo la redattrice dell'articolo. Crede che siamo così stupidi da non sapere distinguere le parole del Sommo Pontefice dalle sue, sig.ra o sig.na Maniaci?

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    28 Dicembre 2013 - 01:01

    mi convince sempre meno...anzi non lo sopporto proprio, è un falso profeta. Comunque sta sfasciando la Chiesa.

    Report

    Rispondi

  • baffos

    28 Novembre 2013 - 09:09

    redazione di Libero ,ma vi piace proprio questo papa del cazzo, vi comportate come gli imbecilli comunisti o dementi vari che si sperticavano, per santificarlo, raccontare mille insignificanti e melensi episodi o frasi del neopresidente americano, il negro Obama, rivelatosi poi per gli americani una delle peggiori ciofeche. In definitiva questo papa parla di poveri e di donare ,ha mai donato lui qualcosa di suo? ( cioè non raccolto con l'8 per mille o per donazioni)il vaticano è a quanto si dice lo stato più ricco del mondo ,mezza Roma è sua ,ha mai dato gratis in affitto le sue proprietà? La sua banca ha mai dato prestiti alle persone in difficoltà senza esigere garanzie ,ma per solo spirito cristiano? finchè non farà tutte queste cose sarà uguale al papa descritto da Gribaldi nel discorso al popolo di Napoli "un metro cubo di letame che siede in Roma

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog