Cerca

Il palazzo sprecone

Consip, bando di gara per 210 auto blu blindate

Consip, bando di gara per 210 auto blu blindate

Il Consip (società per azioni controllata interamente dal ministero dell'Economia e delle Finanze) ha indetto un bando di gara per l'acquisto di 210 auto blu blindate. E così mentre nei palazzi del potere si discute di dieta della spesa pubblica e le piazze italiane si affollano di Forconi, la Casta si mette al sicuro facendo nuova spesa di berline e vetture d'alta classe. La gara si struttura in due due lotti. Il primo è per la fornitura di un massimo di 150 auto berlina tre volumi, con base d'asta di 18 milioni di euro Iva esclusa. Il secondo lotto è invece per 60 vetture 5 porte a trazione integrale, con base d'asta fissata a 7 milioni e 200mila euro. L'incetta di 210 auto blu nuove di zecca è per "soggetti istituzionali incaricati di tutelare l’ordine e la sicurezza pubblica", si legge sul comunicato emesso dal Consip. La gara sarà aggiudicata con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, darà luogo a convenzioni di 24 mesi (prorogabili al massimo per altri 12) e non rappresenta, come si legge nello stesso comunicato, "un acquisto diretto" per il Consip.

Parcheggio affollato - Certo non si può dire che mancassero le auto blu ai rappresentanti a vario titolo della Repubblica Italiana. Stando alle cifre del ministero della Pubblica Amministrazione, al primo dicembre la flotta vede 1663 vetture in dotazione dello Stato centrale, 1290 a disposizione dei ministeri, 4557 a per le amministrazioni regionali e locali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • caciuttillo

    19 Dicembre 2013 - 23:11

    Potrebbe pure starci ma devono interpellare ditte italiane che costruiscono su territorio italiano ,in questo modo mettono liquidità in giro, e cosi dovrebbero fare anche per tutti altri acquisti,tipo Autobus con contributo regionale (dove danno il 75% a fondo perso e gli autobus li comprano in germania) comunque personalmente NON penso sia da aggiornare il parco macchine di auto blu.

    Report

    Rispondi

  • mich123

    19 Dicembre 2013 - 14:02

    I politici italiani si sono inventati la Democrazia Ecclesiastica: tutti nominati e accessoriati di auto blu (e altre amenità). Fino a ieri. Perché oggi la Consulta ha emesso una Bolla: NON PLACET. Ma l'analogia con la religione finisce qui. Se in religione lo scontento si manifesta con le chiese vuote, in politica si manifesta coi forconi. Se fossi rimasto in Italia troverei tutto questo normale, ma sono un blade runner, ho visto cose che non immaginate nemmeno. Ho visto un primo ministro perdere le elezioni, dimettersi e il giorno dopo recarsi al vecchio lavoro. A piedi, con la cartella, senza auto blu, senza scorta, senza segretaria. É questa dignità che manca al Paese, molto più dei parcheggi.

    Report

    Rispondi

  • secchione

    19 Dicembre 2013 - 12:12

    Solo questo è il dubbio nei confronti dell'ignoto articolista. Lo Stato infatti NON sta spendendo i 25 mln denunciati. Quella è una base d'asta (su cui vi sarà un ribasso, in genere elevato) per arrivare a una convenzione tra la Pubblica Amministrazione e un costruttore, che s'impegna a tenere fermo il prezzo di acquisto di una certa auto (fino, appunto, a 150 e 60) per un certo numero di anni. In questi anni, gli Enti che ne avranno bisogno, invece di fare la gara per comprare una singola auto, dovranno solo ordinarla via internet, a prezzi e condizioni prefissate. Ovviamente NON è obbligatorio comprarle tutte e 210: anzi, alla fine potrebbero non essere acquistate affatto (ogni Ente ha dei vincoli molto restrittivi, da qualche anno in qua). Quanto al tipo di automobili: prima di sparare il titolone, siete certi certi certi che si tratti di "auto blu" e non di vetture per le forze dell'ordine, ecc.? 60 sono "CINQUE PORTE TRAZIONE INTEGRALE", alias fuoristrada...

    Report

    Rispondi

  • giannistecca

    19 Dicembre 2013 - 10:10

    non ha ancora capito che l'Italia è ormai come una pentola a pressione senza valvola di sfogo. E prima o poi questa pentola scoppierà. Loro non vedono cosa succede nella realtà dell'Italia, giovani che non trovano lavoro, giovani e meno giovani che lo perdono, famiglie senza reddito, la massa di gente che marcia verso lo stato di povertà che cresce ogni giorno, pensionati che fanno la spesa ai supermercati e vanno carrello con la frutta e la verdura in offerta a pochi centesimi perché affiappita: questa è l'Italia che state governando politici incapaci e profittatori di regime. E la mia rabbia è perché continuate a prenderci per il culo, ogni giorno e continuate a sperperare quel poco che ci è ancora rimasto. Io sono vecchio e dovrei fregarmene; e invece sono incazzato, incazzato nero perché vedo che non avete alcun ravvedimento e nemmeno alcuno scrupolo nel perseverare nei vostri errori. E questa è la cosa peggiore. Attenti, la misura è ormai colma e se tracima ......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog