Cerca

La beffa nel "salva Roma"

Governo e senato salvano gli statali: sui licenziamenti decide il sindacato

Intesa bipartisan in Senato sull'emendamento del forzista Aracri: sulle municipalizzate Cgil & co. avranno potere di veto sui tagli al personale

Enrico Letta

Enrico Letta

Sui licenziamenti nelle municipalizzate i sindacati avranno il potere di veto, per legge. Come dire: vietato licenziare i dipendenti delle aziende comunali. Il "Salva Roma" regala un altro emendamento-beffa, questa volta firmao dal senatore di Forza Italia Francesco Aracri e approvato anche grazie ai voti del centrosinistra. D'altrone, le municipalizzate sono spesso un bacino elettorale inesauribile e preziosissimo, cassaforte di voti e poltrone che piace a ogni colore e latitudine: perché fare un dispetto?

La svolta filo-sindacale - E' il Corriere della Sera, a puntare il dito contro Aracri, ex assessore ai Trasporti in Regione Lazio col governatore Storace e da molti indicato come referente politico del Fast, il sindacato autonomo dell'Atac, la pachidermica azienda comunale dei trasporti romani. E così nell'emendamento insierito nel "Sala Roma" è spuntata la formula "nel quadro degli accordi con le organizzazioni sindacali" che, sottolinea Sergio Rizzo sul Corsera, di fatto introducono la golden share dei sindacati sulle eventuali riduzioni di personale. Cgil, Cisl, Uil e altre sigle potranno cogestire trasferimenti, esodi e licenziamenti di società, è bene ricordarlo, che operano (o dovrebbero operare) in regime privatistico. Praticamente, il sogno di Cofferati, Epifani e Camusso trasformato in realtà. E una scelta altrettanto filo-sindacale è stata fatta anche a proposito dell'Acea (la l romana di energia e acqua)  per cui Linda Lanzillotta (Scelta civica) prevedeva la possibilità di privatizzazione e licenziamento di dipendenti in esubero. Apriti cielo: prontamente mutilato dall'emendamento ogni riferimento ai licenziamenti.

Milioni di voti in ballo - D'altronde, parlano i numeri: a Roma i dipendenti comunali sono 25mila, quelli delle municipalizzate sono 37mila. Pazienza se solo l'Atac ha accumulato negli ultimi 10 anni un passivo di 1,6 miliardi di euro e se il debito del Campidoglio (per cui si è dovuto muovere il governo) abbia raggiunto gli 864 milioni di euro. Qua si parla di 62mila impiegati pubblici. E visto che tengono famiglia, magari anche il doppio, se non il triplo, di voti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • abbe81

    04 Gennaio 2014 - 16:04

    se un' azienda privata e' in difficolta' cerca di tagliare i costi, tra questi anche i dipendenti in esubero (aggiungo giustamente se non e' solo un approfittarsi della situazione)..lo Stato e' nella medesima situazione e cosa dovrebbe fare?? una persona normale, la quale non sei tu, direbbe che dovrebbe tagliare i costi, tra i quali i dipendenti in esubero, a maggior ragione all' interno dello Stato dove in 5 non fanno quello che 1 fa in un' azienda privata e per di piu' non creano nessuna ricchezza. ti chiedo, perche' tutti noi non statali dovremmo mantenere queste persone?? perche' noi dovremmo pagare per tutti loro?? spiegalo ai dipendenti di aziende private che hanno perso il lavoro per favore...

    Report

    Rispondi

  • Prof. AuroraAronsson

    04 Gennaio 2014 - 06:06

    e che in Italia destra e sinistra sono entrambe stataliste.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    03 Gennaio 2014 - 23:11

    In nulla.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    03 Gennaio 2014 - 23:11

    Statalismo contro privato. Leadership dei privati contro lo Stato. Questi discorsi sono da politica antidiluviana e retrograde.Ideologia pura e stantia. La definizione dei romani di diritto pubblico é adattabile anche fuori dal diritto: ''Ius publicum est quod ad statum rei romanae (spectat)'' Togliamo 'jus' e ''pubblico é cio' che spetta allo Stato' senza limiti preconcetti, senza invasioni non necessarie in senso opposto. Percio' - ancora una volta - tocca alla politica. al legislatore, stabilire ciò che é più consono all'interesse collettivo. Le leggi si fanno e si possono disfare o emendare. Se in questo momento si é deciso di non aumentare la disoccupazione, prendiamone atto e discutiamo di quello e non di principi inviolabili così cari alla teoria maldestra di Don Silvio. ''Salvano gli statali''. Perché, occorreva ucciderli?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog