Cerca

una storia italiana

Sandra Yura, la escort che deve al fisco 50mila euro

La vicenda di Yura, raggiunta da una cartella dell'Agenzia delle entrate: "La sua è una ditta individuale"

Sandra Yura

Sandra Yura

La società cambia e il fisco si aggiorna: adesso, anche le escort pagano le tasse. Almeno una di loro. S. R., alias Sandra Yura, si è vista recapitare una cartella da 50mila euro. L'Agenzia delle Entrate la accusa di non aver dichiarato gli introiti provenienti dalla sua "ditta individuale". I finanzieri di Salò hanno deciso di avviare un'indagine sul suo conto dopo aver scovato l'esistenza di alcuni siti internet che promuovevano le prestazioni offerte dalla donna. Dopo aver spulciato il listino prezzi, proposto ai facoltosi clienti, gli inquirenti sono riusciti a ricostruire il giro d'affari della signora.

"Io volevo pagare, ma..." - Lei, all'arrivo degli esattori, non ha battuto ciglio e ha dichiarato spontaneamente l'entità dei suoi guadagni. Intervistata dal Corriere della Sera, la donna ha raccontato di essersi recata più volte presso l'Agenzia delle Entrate e la Camera di Commercio nel tentativo di regolarizzare la sua situazione fiscale. Sandra ha però lamentato di essersi sempre sentita rispondere nello stesso modo: "La sua è un’attività che non risulta inquadrabile in alcuna categoria". A quanto pare, adesso, anche il fisco si è accorto dell'esistenza delle escort. S. R., in ogni caso, non ha nulla in contrario e anzi rilancia. "Tutte quelle che fanno la mia professione dovrebbero pagare le tasse".   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    28 Marzo 2015 - 19:07

    Appunto,essendo un mestiere NON riconosciuto dallo stato perchè ILLEGALE.Se dobbiamo fare pagare le tasse alle puttane,allora le facciano pagare anche agli spacciatori,questi più inquadrabili nel setore commerciale essendo a pieno titolo dettaglianti al minuto.Ma queste idee a chi cazzo vengono in testa?

    Report

    Rispondi

  • antoniofasano

    21 Febbraio 2014 - 13:01

    dovrebbe chiamarsi TSU (Tassa sulle uscite)?

    Report

    Rispondi

  • cabass

    20 Febbraio 2014 - 17:05

    Secondo me le signorine potrebbero tranquillamente aprire partita iva come libere professioniste, utilizzando il codice ATECO 2007 - 960909 ATTIVITA' DI SERVIZI PER LA PERSONA NCA (dove NCA sta per "non classificate altrove"). Se non hanno "organizzazione", a mio giudizio sono anche esonerate dall'Irap. ;-)

    Report

    Rispondi

  • gosel

    19 Febbraio 2014 - 18:06

    Questa è la categoria che andrebbe inserita dal fisco per poter far pagare le tasse a chi fà del proprio corpo un business. Quanto alla tassa si potrebbe chiamare TSE (tassa sulle entrate) più appropriata di così!!!

    Report

    Rispondi

blog