Cerca

Torino, gli antagonisti non mollano. Occupata la facoltà di matematica

Dopo i cortei di ieri e i disordini a Milano e Palermo, continua la protesta nel capoluogo piemontese

Torino, gli antagonisti non mollano. Occupata la facoltà di matematica
Gli antagonisti di Torino non mollano: l'occupazione della storica sede della Facoltà di Matematica, Palazzo Campana, continuerà anche oggi. La sede, dove nel novembre del '68 prese piede il movimento studentesco del capoluogo piemontese, è stata occupata mercoledì, al termine dei cortei di protesta contro la riforma della scuola firmata dal ministro Maria Stella Gelmini. Ma a Torino continua l'occupazione anche di altri istituti superiori, tra i quali i licei classici Cavour e D'Azeglio, e lo scientifico Gobetti.

Le proteste di mercoledì - Gli studenti sono scesi in piazza contro la riforma Gelmini. Cortei sono stati organizzati in tutta Italia, da Milano a Palermo, per la Giornata internazionale del diritto allo studio. Insieme agli studenti in qualche città manifestano anche docenti e genitori. A Roma sono stati occupati i licei Virgilio e Visconti. E il doppio corteo, composto da studenti delle superiori e universitari, che approderà a piazza Navona, potrebbe prendere possesso anche di altri istituti. Al circolo didattico Montessori, la scuola primaria in via di Santa Maria Goretti, è prevista un’assemblea permanente, costituita da genitori, insegnanti e personale non docente, che dovrebbe sfociare in occupazione, "per denunciare - spiegano gli organizzatori - le gravissime difficoltà in cui si sta dibattendo la scuola pubblica a causa dei tagli imposti dai ministri Gelmini e Tremonti, con la conseguente impossibilità di assicurare ai bambini un percorso didattico di qualità". 

Disordini a Milano e Palermo - La protesta non sempre è pacifica. Danni alle vetrine e agli edifici si sono registrati nel capoluogo lombardo. Un manifestante con il volto coperto da un cappuccio ha colpito due volte il vetro della Banca Fideuram di corso di Porta Romana con una mazza al passaggio del corteo per il "No Gelmini Day". Il giovane è stato visto da quattro clienti che si sono chiusi riparati nell’atrio d’entrata. A Palermo i liceali hanno lanciato uova contro il Banco di Sicilia, "per ribadire che questa crisi gli studenti non la vogliono pagare". Mentre gli universitari hanno fatto irruzione nella sede del rettorato: hanno invaso e bloccato il senato accademico per protestare contro il taglio del 90% delle borse di studio, contro la riforma Gelmini la cui discussione alla Camera è prevista per domani, e contro l'offerta formativa "scadente e rattoppata" varata per questo anno accademico dal rettore Roberto Lagalla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    26 Novembre 2010 - 06:06

    In tutta sincerità ti dico che se uno di loro per disgrazia fosse riuscito a salire il primo gradino della biscagina...l'avrebbe fatta finita subito.Figuriamoci il solo vederla da lontano....Ti posso assicurare che la dentro gli avrebbero fatto piegare in primis la schiena con del SANO STUDIO E DURO BUON LAVORO,e subito dopo...gli avrebbero raddrizzato le corna con altri sistemi....68ini,estremisti,ragazzi difficili,incorreggibili...di problemi non ce ne erano.Bastavano 15 giorni di tavolaccio all'Hotel Bristol"un tozzo di pane raffermo ed un poco di brodo freddo e nei casi piu' recidivi associata a qualche sapiente sverzellata sul loro regale CULO da non sedersi per una settimana....che se non cambiavano idea e testa subito,l'avrebbero cambiata in meno di 24 ore.La forza della Garaventa?DISCIPLINA FERREA.Sai quanti ne hanno salvati da una carriera delinquenziale?Piu' di 12.000.SALUTI.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    18 Novembre 2010 - 12:12

    Se vuoi sapere cosa accade nei centri sociali basta che ci vai, sono aperti a tutti, come gli zoo. Io di cocaina nei centri sociali non ne ho mai vista. Quella la trovi molto più facilmente ai festini politici... :)

    Report

    Rispondi

  • adaniel

    18 Novembre 2010 - 11:11

    vorrei che qualcuno, redazione o lettore, mi desse una informazione: le persone che vivono nei centri sociali (e tra i quali vi sono anche ultraquarantenni) e che accorrono in qualsiasiasi manifestazione a dar prova della loro perizia nelle arti marziali, come campano? hanno un reddito? come comprano da mangiare, gli spinelli e la coca?? chi li mantiene? - Grazie

    Report

    Rispondi

  • laveciadespade

    18 Novembre 2010 - 11:11

    ogni occasione era buona per non far lezione....a suon di slogan, nelle piazze, gridati dai soliti idioti che poi, dopo dieci anni, erano quasi tutti impiegati di banca, militari, ecc. Oggi non è cambiato niente, la sinistra protesta per una scuola che ha sfasciato solo lei...come allora.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog