Cerca

Usa, una moglie su 5 guadagna più del marito

La crisi accelera questo processo

Usa, una moglie su 5 guadagna più del marito

Rivoluzione nelle coppie made in Usa, se è vero che una moglie su cinque ormai guadagna più del marito, e il 28% che ha un titolo di studio più alto. A raccontarla è un rapporto del Pew Research center, che traccia il cambiamento dei rapporti economici fra i coniugi nell'arco di 40 anni. Lo studio è stato condotto fra le donne di età compresa fra i 30 e i 40 anni, un gruppo che per la prima volta nella storia americana comprende più donne che uomini laureati. I mariti continuano a guadagnare di più nel 78% dei matrimoni, ma la percentuale delle mogli che portano a casa il maggiore stipendio è più che quadruplicata dagli anni settanta: allora erano il 4%, oggi sono il 22%.
Del resto, il divario fra i guadagni degli uomini e delle donne si è ridotto in tutto il Paese: nel 2007 le donne guadagnavano in media in un anno 33mila dollari, ovvero il 71%della media degli uomini, pari a 46mila dollari, ma nel 1970, i guadagni delle donne erano il 52% di quelli degli uomini.
La crisi economica sembra accelerare questo processo, dato che gli uomini rimangono più facilmente disoccupati delle donne: nel 2008 gli uomini nella prima fascia di età lavorativa rappresentavano i due terzi delle persone che avevano perso il lavoro, mentre per le donne la disoccupazione è stata minore.
Negli anni settanta gli uomini tendevano a sposare donne con un titolo di studio più basso, ma oggi più della metà dei coniugi ha un titolo di studio equivalente, nel 28% dei casi la moglie ha un titolo di studio più alto e nel 19% ce l'ha il marito.
Il cambiamento è ancora più forte fra gli afroamericani, dove già negli anni settanta molte donne lavoravano e spesso avevano studiato di più. Nel 2007 un terzo delle donne afroamericane aveva un titolo di studio più alto del marito e nel 26% delle coppie con un marito laureato le mogli guadagnavano di più.
«Abbiamo assistito ad uno storico cambiamento nel patto del matrimonio sin dalla metà del ventesimo secolo - commenta il sociologo Andrew Cherlin della John Hopkins University - il vecchio patto era che il marito guadagnava e la moglie si occupava della casa. Il nuovo è che tutti e due lavorano e mettono insieme i guadagni». Questo processo, aggiunge, «ha accresciuto l'autorità e il potere decisionale» delle donne, ora «mariti e mogli condividono il potere di decidere».
Secondo Richard Fry, uno dei coautori del rapporto del Pew center, quello che è cambiato è che il matrimonio è ora «più vantaggioso» di prima per gli uomini: nel 1970 gli uomini single avevano uno status economico maggiore di quelli sposati, oggi la moglie lavora e spesso ha un titolo di studio più alto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dariorubes

    19 Gennaio 2010 - 14:02

    Da uno studio USA, e dove sennò, è emerso che una donna su cinque guadagna più del marito. Ben gli sta, cosi la prossima volta non commetteranno errori e si porteranno all'altare un politico italiano.

    Report

    Rispondi

blog