Cerca

Interrogazione al Senato

Agnese Renzi, il leghista Candiani: "L'ho vista sfrecciare con 4 auto blu"

Agnese Renzi, il  leghista Candiani: "L'ho vista sfrecciare con 4 auto blu"

«Agnese Landini, moglie di Matteo Renzi, sfrecciava per il centro di Roma con ben quattro macchine di servizio». È la denuncia del senatore leghista Stefano Candiani, che ha deciso di presentare un’interrogazione per avere risposte ufficiali su quanto racconta di aver visto in diretta. Era mercoledì sera, verso le 23,30. Via degli Orfani, nel cuore della Capitale. Alcune vetture, senza sirena, sfrecciano ad alta velocità verso il Pantheon: Candiani sta percorrendo la stessa strada a piedi ed è davanti alla libreria Borromini. Arrivato in zona Pantheon, vede le quattro auto (tra cui una Bmw) ferme a pochi passi dall’Albergo del Senato, hotel a tre stelle in Piazza della Rotonda.

Candiani racconta di essersi avvicinato a una delle vetture, e di aver fatto presente all’autista che sarebbe stato meglio guidare con maggiore prudenza. «Non ho detto di essere un parlamentare» spiega l’esponente leghista, che però non riceve risposta dal tizio al volante. «È rimasto una statua di sale. Sa, a quell’ora e in quelle strade è pericoloso andare così veloce». È a quel punto che Candiani, incuriosito dal corteo di macchinoni, sostiene di aver visto Agnese Landini in Renzi. Domanda di Libero: Candiani, è proprio sicuro che fosse la first lady? Risposta: «Certo, era lei. Ho anche scattato alcune fotografie ma non ho fatto in tempo a immortalarla. Comunque sto preparando una interrogazione per avere la conferma ufficiale. Sa, siamo in un Paese dove i servizi segreti fanno sparire e apparire le persone…».

Abbiamo provato a contattare l’albergo, che però - ovviamente - non commenta e non conferma. Di sicuro, la moglie del premier ha recentemente cambiato idea sulla sua residenza. Quando il marito era stato nominato capo del governo, infatti, aveva assicurato che sarebbe rimasta a Firenze insieme ai tre figli. Da poco ha invece deciso di spostare tutta la famiglia nella Capitale, tanto che la signora ha chiesto l’aspettativa dalla scuola dove fa l’insegnante precaria. Tornando alle auto blu, poche ore prima che Candiani s’imbattesse nelle quattro vetture in zona Pantheon, Renzi aveva convocato i giornalisti annunciando di voler vendere un centinaio di macchinoni in dotazione dell’esecutivo al grido «venghino, signori, venghino». E aveva citato il caso di Firenze. Nel 2012 aveva messo all’asta i quattro mezzi a disposizione del sindaco. Ma - come ha raccontato l’Espresso - l’operazione non s’era rivelata un’affare. Palazzo Vecchio aveva rastrellato la miseria di 17.774 euro, più o meno 4mila euro a macchina, nonostante si trattasse di una berlina Volvo e di tre Alfa Romeo a gasolio acquistate cinque anni prima.

di Matteo Pandini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    26 Marzo 2014 - 17:05

    Anche il Pifferaio toscano non e`diverso dagli altri.............

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    19 Marzo 2014 - 09:09

    ammazza...e' luxuria spiccicata. ma brutta.

    Report

    Rispondi

  • paolino46

    18 Marzo 2014 - 20:08

    Come quattro auto blu ? Tutte quattro insieme ?? Guardi sig. Candiani lei però prima di spargere concime, ci lasci controllare se per caso anche lei non abbia comprato a spese nostre un paio di mutande verdi !!!

    Report

    Rispondi

  • macciacb

    16 Marzo 2014 - 21:09

    Renzi è arrivato ma votato da chi? Se sono Traraglio e i suoi amici rossi ad arrampicarsi sugli specchi però va bene eh caro mio comunistello da strapazzo? Io non andrei mai su un sito di cui non condivido quello che scrive ad offendere ed infamare chi non la pensa come me. La classe non appartiene a tutti però..... Saluti padani!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog