Cerca

Sul carro dei 5 stelle

Cristiano De Andrè: "Mio padre avrebbe votato Grillo"

"Altro che caste siamo governati dai peggiori politici dal dopoguerra", dichiara. E sul comico: "Lo conosco, non farebbe male a una mosca"

6
Fabrizio De Andrè

Fabrizio De Andrè

Grillini si diventa. Uno degli ultimi a fare 'coming out' è Cristiano De Andrè che, in un'intervista rilaciata al settimanale Il Venerdì di Repubblica, ha dichiarato: "Ha ragione Beppe Grillo quando si augura che diventi di moda l’onestà". E aggiunge, riprendendo uno dei refrain del Movimento cinque stelle: "Altro che caste, siamo governati dai peggiori politici del dopoguerra e chi osa criticarli viene giudicato un asino”. De Andrè figlio, poi, si dice convinto che anche suo padre, il mitico Faber, avrebbe votato per Beppe Grillo. E prova a spiegare il perché: "Il Movimento 5 Stelle nasce da un principio anarchico, non è un partito, è un’associazione, una comunità. Sono grillino, penso che lo sarebbe stato anche mio padre", afferma. Su Grillo e le sue pulsioni dittatoriali non ha dubbi: "Conosco Beppe da sempre, è uno che non farebbe mai del male a una mosca, non direbbe mai una cosa per un’altra, io sono dalla sua parte”. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    30 Marzo 2015 - 23:11

    Mamma mia un altro che invece di tacere sproloquia

    Report

    Rispondi

  • Marcello Sanna

    03 Aprile 2013 - 19:07

    Che Cristiano De Andrè conoscesse poco il padre era una certezza. Confermata oggi pienamente. Se solo si considera la sua posizione nei confronti di certa magistratura (condivisa fieramente con Giorgio Gaber) e dei populisti arraffavoti descritti nella "Domenica delle Salme". Con la sinistra aveva pochi punti in comune e con Grillology ASSOLUTAMENTE NESSUNO !

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    03 Aprile 2013 - 18:06

    Adesso capisco perché non mi è mai piaciuto De André

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media