Cerca

I Vigili al campanello

Il marito della Polverini sfrattato
dalla casa popolare: è troppo ricco

L'appartamento nel prestigioso quartiere di San Saba era occupato abusivamente insieme alla ex presidente del Lazio da 24 anni. Pagava 380 euro al mese

Renata Polverini

Renata Polverini

Hanno suonato al campanello alle 7 della mattina per buttarlo fuori di casa perché in quell'appartamento lui non ci doveva stare: è un abusivo. Ha dovuto fare i bagagli e andarsene. Non stiamo raccontando la storia di uno dei tanti disperati che si ritrovano senza un tetto perché non possono pagare più l'affitto e vengono sfrattati con la forza. Questo è quello che è successo a Massimo Cavicchioli, l'ex marito di Renata Polverini che questa mattina è stato svegliato dai vigili urbani che gli hanno tolto la casa popolare in via Bramante, nel lussuoso quartiere di San Saba, dove è vissuto da inquilino abusivo per 24 anni, 15 dei quali insieme all'ex governatrice del Lazio. L'appartamento era finito nell'inchiesta su "Affittopoli" nel 2011 e la procura di Roma aveva avviato un'indagine dalla quale non sono emersi reati, ma l'Ater, l'azienda pubblica delle case popolari, ha intimato lo sfratto all'ex marito della Polverini perché privo dei requisiti per abitare in un alloggio riservato ai cittadini disagiati. 

Il Corriere della Sera racconta lo sgombero di questa mattina: "Cavicchioli ha aperto la porta, in casa c'era una donna di 40 anni, la sua compagna. Non ha opposto resistenza, ma ha protestato: «È una persecuzione politica, qui è pieno di case occupate e siete venuti solo da me (e in un'altra abitazione in viale Giotto dove abitava una studentessa, ndr). Qui ci sono nato 52 anni fa e non mi è mai stata data l'opportunità di acquistare questo appartamento». In casa sono entrati gli operai e un fabbro per il ripristino dei luoghi". Dalle carte dell'Ater, scrive il Corsera, risulta infatti che Cavicchioli è stato «occupante abusivo non sanabile» dell'appartamento fin dal 1989, quando era morta la nonna, titolare del contratto. Per anni i 60 metri quadri in una zona di altissimo pregio qual è l'Aventino sono costati all'ex marito della Polverini solo 380 euro al mese, appunto il «canone sanzionatorio» previsto per gli abusivi. Cavicchioli ha chiesto per (almeno) due volte il subentro nel contratto, ma l'istanza è stata respinta «per mancanza di requisiti reddituali», perché il cumulo tra le sue entrate e quelle della moglie è sempre risultato superiore al tetto massimo previsto. La Polverini infatti ha acquistato altri immobili fin dal 2001 e in base alla legge la separazione del 2004, all'epoca solo di fatto, non è servita ad abbassare i redditi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    28 Marzo 2014 - 18:06

    Questa si che è una FAVOLOSA NOTIZIA. Consiglierei pure di chiedere i danni per tutti gli anni che ha abitato abusivamente. Da questo, una sola conclusione: questi nostri politici hanno nel sangue un cromosoma particolare denominato "betrügen ohne Scham".

    Report

    Rispondi

  • brunicione

    27 Novembre 2013 - 10:10

    Non dobbiamo meravigliarci, sono tutti uguali, per fare il politico bisogna essere degli incapaci, degli approfittatori, e rubare il più possibile.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    27 Novembre 2013 - 09:09

    Perché non sfrattate anche Lei dalla politica ? Ha mangiato a sufficienza ora basta !!!!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    16 Settembre 2013 - 19:07

    Col PDL s'é guastata ma partecipa sempre alle riunioni. La caccerei, ma al PDL sta bene...sono tutti piu' o meno così.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog