Cerca

Odio quotidiano

Silvio Berlusconi sta tornando, Marco Travaglio ha un travaso di bile: l'ultimo editoriale, colata di insulti

7 Febbraio 2018

5
Silvio Berlusconi sta tornando, Marco Travaglio ha un travaso di bile: l'ultimo editoriale, colata di insulti

"Fortuna che c'è B. a ricordarci chi è B.", scrive Marco Travaglio. E fortuna che c'è Silvio Berlusconi, aggiungiamo noi, a ricordarci chi è il direttore del Fatto quotidiano. Il cui fegato, evidentemente, di fronte all'ipotesi di un nuovo, quasi impronosticabile miracolo elettorale del Cavaliere, pare rischiare di esplodere dalla rabbia. L'editoriale di mercoledì è una colata di veleno, un esercizio di stile con cui Marco Manetta va a pescare nell'archivio e vomita insulti e sberleffi dall'inizio alla fine. 



L'occasione che fa il direttore ladro è il ricorso alla Consulta dei legali di Gianpaolo Tarantini contro la legge Merlin, che ha visto bloccare il processo sulle escort che l'imprenditore pugliese avrebbe portato ad Arcore. A Travaglio non par vero, e in poche righe rispolvera chicche andate per anni in soffitta (visto che il nemico non era più Berlusconi, ma Matteo Renzi), come "i legali del suo pappone personale (uno dei tanti)", "il vecchio satiro brianzolo", "l'ometto di Stato" e così via. Ma a far uscire di testa il direttore del Fatto è la testimonianza di Berlusconi a Reggio Calabria, nel processo che vede il forzista Scajola accusato di favoreggiamento della latitanza di Matacena. Testimonianza rinviata per un incontro, poi non avvenuto, tra il Cav e il presidente turco Erdogan, suo amico personale, a Roma. L'avvocato del leader di Forza Italia Niccolò Ghedini ha spiegato che "il presidente aveva chiesto un incontro privato con Erdogan e proprio per questo è rimasto a Roma, ma non è stato possibile realizzarlo".


Ovviamente Travaglio non gli crede e parte in quarta, inanellando tutti i precedenti "rinvii per giusta causa" chiesti da Berlusconi negli ultimi 20 anni di processi e guai giudiziari. "Lui alla Camera non andava quasi mai e, le rare volte, non apriva bocca - conclude per sfotterlo -. Ma, appena partirono i suoi processi, si trasformò in un presenzialista da piaghe da decubito e in un oratore infaticabile su tutti i temi dello scibile umano". L'elenco che ne segue porta con sé uno strano odore: forse è quello della paura, o della gioia indicibile perché tra un mesetto Travaglio potrebbe aver ritrovato il suo nemico amatissimo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucianodarby52

    20 Febbraio 2018 - 12:12

    TRAVAGLIO UN NOME CHE è TUTTO UN PROGRAMMA PIU TRAVAGLIO DI COSI

    Report

    Rispondi

  • Rexxanthony

    08 Febbraio 2018 - 13:01

    Sta tornando ???? Da dove ??? Fatevi furbi !!! Lo sapete bene che son balle ! Quando,molto presto,cesseranno i finanziamenti pubblici all'editoria ... Il vostro cosiddetto giornale,sarà uno dei primi a chiudere ! Poi toccherà al foglio a repubblica e così via ... Raccontate solo una merea di cazzate ! Ma da dove vi vengono ? Silvio è incandidabile,lo sapete benissimo ! Non tornerà mai più ! Amen.

    Report

    Rispondi

  • Antonio blaki

    08 Febbraio 2018 - 12:12

    Travaglio?Poverino!!Con tutto il veleno che ha dentro avrebbe bisogno di una lavanda gastrica,si una lavanda gastrica fatta con la candeggina.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media