Cerca

Governo Renzi

De Benedetti di riprova: dopo Barca ora vuole Tabellini

De Benedetti di riprova: dopo Barca ora vuole Tabellini

Fuori Barca, dentro un altro. Carlo De Benedetti ci riprova. D'altra parte, lui è da mesi lo sponsor principale dell'ascesa a palazzo Chigi di Matteo Renzi. E come tale deve pensare di aver diritto a scegliere qualcuno degli uomini che il sindaco di Firenze si porterà nell'esecutivo. La casella più preziosa è quella di via XX Settembre, sede del ministero dell'Economia e delle Finanze. Lo è in ogni esecutivo, ma lo è ancor di più oggi che l'Italia e tante sue realtà economiche sono con l'acqua alla gola. Compresa una parte della galassia imprenditoriale della famiglia De Benedetti. L'opzione preferita, per il Mef, sembra essere quella di un "tecnico". E' di qualche ora fa la notizia delle pressioni che l'Ingegnere ha fatto su Fabrizio Barca perchè accettasse l'eventuale offerta di guidare il Mef. Le ha rivelate, involontariamente, lo stesso Barca nella telefonata al finto Vendola messa in onda a La Zanzara su Radio 24. Barca ha declinato, spiegando di non gradire le "operazioni politiche guidate da settori dell'economia".

Sfumato Barca, l'editore di Repubblica deve aver consultato la sua raccolta di figurine. E oggi, sui giornali (e in bella evidenza su Repubblica), è spuntato nel totoministri che impazza ormai da quasi una settimana il nome di Guido Tabellini per la casella dell'Economia. Accademico sconosciuto ad almeno nove italiani su dieci, nonostante abbia ricoperto per anni l'incarico di rettore dell'università Bocconi tra il 2008 e il 2012. Tanto di cappello, al curriculum di Tabellini, non fosse per un particolare: l'ex rettore della Bocconi siede attualmente nel consiglio di amministrazione della Cir, la holding della famiglia De Benedetti nella quale l'ingegner Carlo ha recentemente lasciato il timone di presidente al figlio Rodolfo. Cir è, per intendersi, la società che si è pappata i quasi 500 milioni di Fininvest della sentenza sul Lodo Mondadori. E il sito affariitaliani.it rivela un altro particolare: una donazione di tre milioni di euro effettuata da Carlo De Benedetti all'università Bocconi proprio nel perdiodo in cui Tabellini era rettore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cal.vi

    20 Febbraio 2014 - 12:12

    che la tessera n°1 di quel partito oltre a nominare i ministri, nomina anche i procuratori e i giudici? Ed allora tutto si spiega, o no!

    Report

    Rispondi

  • cal.vi

    20 Febbraio 2014 - 12:12

    che la tessera n°1 di quel partito oltre a nominare i ministri, nomina anche i procuratori e i giudici? Ed allora tutto si spiega, o no!

    Report

    Rispondi

  • seve

    20 Febbraio 2014 - 09:09

    Oltre a tutte le aziende che ha polverizzato e svenduto ,LA SME, c'è l'Olivetti , e se non ci fosse statoUmberto Agnelli e non il famoso Gianni ,avrebbe polverizzato anche la Fiat , e i magistrati sono dalla sua ,ditemi se non siamo un paese di deviati ,ladri e traditori.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    20 Febbraio 2014 - 08:08

    ...di aziende. Le sue. Ha preso in mano aziende floride e le ha tutte trasformate in quattro e quattr'otto in efficientissime fabbriche di debiti, ricavandone, suppongo, cospicui cespiti personali (altrimenti sarebbe anche più stupido di quel che appare). Adesso vuole imporre i ministri all'Italia, dalla sua Svizzera...Bella pretesa davvero. Ma mi faccia il piacere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog