Cerca

L'allarme

I Comuni sono vicini alla resa:
"Ad agosto stipendi a rischio"

Il vicepresidente dell'Anci: "Ci sono delle pubbliche amministrazioni che faticano a pagare gli stipendi"

Nel giorno in cui il governo ha smentito in via ufficiosa che saranno tagliate le terdicesime di statali e pensionati, arriva subito una nuova grana. Ci sono delle pubbliche amministrazioni che faticano a pagare gli stipendi: per i lavoratori italiani, insomma, non c'è tregua. L'allarme è stato lanciato da Alessandro Cattaneo, sindaco di Pavia e vicepresidente dell'Anci, l'associazione dei Comuni italiani: "Alcuni Comuni - ha spiegato -, anche capoluogo, iniziano ad avere difficoltà di cassa e ad agosto potrebbero non riuscire a pagare gli stipendi ai proprio dipendenti". La medesima preoccupazione è stata rilanciata anche da Graziano Delrio, che dell'Anci è presidente: "Oggi si è certificato il ritiro completo dello Stato dalle politiche di Welfere". Un messaggio duro, che fotografa la crisi in cui versa l'Italia, e che ha seguito a stretto giro di posta quello di Confesercenti degli scorsi giorni, in cui si spiegava come le tredicesime fossero a rischio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fossog

    26 Luglio 2012 - 14:02

    basterebbe, a noi cittadini, prendere qualche libro dei tanti che elencano e descrivono analiticamente le centinaia di cespiti di spreco di questo stato marcio e, bastone alla mano, recarci nelle stalle occupate dalle zecche che occupano poltrone inventate, enti inutili, doppioni istituzionali, ecc. e buttarle fuori materialmente. Sono oltre un milione trecentomila le zecche che vivono di sola politica in questo paese marcito in decenni di malapolitica, e Centinaia sono i miliardi buttati ogni anno per foraggiare le bestie della politica. Ci potremmo pagare velocemente il debito, e fare anche gli investimenti che a causa del furto organizzato/legalizzato sono in arretrato ormai da decenni. Basta solo decidere di agire, sapendo che se non agiamo la fine possibile è solo una.... morire sempre più di fame. , dstutto pèer decenni con uno spreco ormai stutturale, sancito con leggi fatte in un parlamento che è più un cesso, che inv

    Report

    Rispondi

  • pasquale_tibur

    26 Luglio 2012 - 13:01

    Diamogli la medaglia. Questi sono i Comuni virtuosi: sprechi, debiti e tasse. Perché non ci fanno vedere come hanno dilapidato le risorse finanziarie disponibili? Cosa vogliono? Altre tasse per dare soldi a loro? Se non possono pagare gli stipendi è perché hanno amministrato in modo fallimentare, per cui si dimettano e si ritirino a vita dall’attività politica.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    26 Luglio 2012 - 12:12

    ... Basta licenziare i politici che stazionano nei consigli di amministrazione, inutili e non richiesti per legge, delle società di proprietà comunale e regionale. Ciascuna di queste zecche costa oltre 100.000 euro l'anno, e ogni consiglio ha almeno 12 di queste zecche. Se un comune ha anche Uno Solo di questi baracconi, può avre a disposizione un milione e duecentomila euro per pagare gli stipendi a chi lavora davvero. Ma i politici sono disonesti/ladri, la fame la fanno fare agli stupidi che li votano, mica vanno a lavorare, loro !

    Report

    Rispondi

  • acstar

    26 Luglio 2012 - 12:12

    Per quello che i dipendenti pubblici fanno, non basta solo l'Agosto senza stipendio, ma almeno fino a Dicembre !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog