Cerca

Idee da tecnici

E il ministro Clini delira:
"Pedaggi autostradali più cari
per chi inquina di più"

Il titolare dell'ambiente: l'obiettivo è la crescita sostenibile. Ma così si impennerebbe il costo dei trasporti e quello delle merci

E il ministro Clini delira:
"Pedaggi autostradali più cari
per chi inquina di più"

 

Pedaggi autostradali differenziati a seconda dei consumi di carburante e quindi delle emissioni di andidride carbonica rilasciate in atmosfera. E' questa la proposta più appariscente del pacchetto di iniziative a sostegno della crescita sostenibile che il ministro dell'Ambiente Corrado Clini sta presentando al Consiglio dei ministri in corso a Palazzo Chigi. Cioè: chi inquina di più pada di più, chi inquina meno paga di meno. Obiettivo: la crescita sostenibile. E si può star certi che sarà così: cresceranno infatti i pedaggi. Quanto al "sostenibile", può darsi che la misura favorisca un ulteriore rinnovamento del parco macchine italiano (ma chi non se lo può permettere e gira con un catorcio pagherà di più e inquinerà come prima, oppure rinuncerà alle autostrade per andare a intasare le giù congestionate strade statali e provinciali. 

Dal punto di vista economico, però, l'idea potrebbe avere effetti devastanti: la maggior parte delle merci, in Italia, viene trasportata su gomma. E tir, camion e furgoni sono tra i mezzi più inquinanti (perch, in molto casi, datati). Quindi, l'autotrasportatore dovrà scegliere: comprare furgoni e camion nuovi spendendo decine o centinaia di migliaia di euro (a seconda delle dimensioni del parco-mezzi) oppure tenere quelli che ha, pagare di più il pedaggio e scaricare la spesa aggiuntiva sul costo del trasporto delle merci. Le quali, inevitabilmente, rincareranno. Su i prezzi, su l'inflazione, giù i consumi. Non bisogna essere ministri per intuirlo.

 

 

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    25 Agosto 2012 - 09:09

    ma tra tutti questi "ministri" non ce ne sarà uno non dico normale ma non deficente? partendo dal bidello della Bocconi sino all'ultimo sconosciuto io, una banda di squinternati così, non l'ho mai vista.

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    25 Agosto 2012 - 00:12

    Ma vaffanculo

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    24 Agosto 2012 - 18:06

    Non abbiamo i soldi per mangiare, ma, come al solito, dobbiamo svenarci per cambiar macchina, per sostenere il signor Fiat (che poi va a produrre dovunque fuorchè in italia) e per far girare i soldi... che non abbiamo. Già, grazie a prodi (che il Cielo lo fulmini) dobbiamo pagare una sovratassa sul bollo per i veicoli più datati: è noto a tutti infatti che la gente non cambia la macchina per sfizio e perchè "fa figo girare con una macchina di 15 o 20 anni", non certo perchè non può permetterselo. E il grand'uomo di Arcore, nonostante lo avesse espressamente promesso in campagna elettorale, si è ben guardato dal togliere questo iniquo balzello! Adesso anche in autostrada chi meno ha più paga? Questa è la famosa "equità" di monti. Voglio solo vedere come fanno ai caselli a stabilire la categoria di appartenenza, se è vero che non riescono neanche a distinguere un'automobile da una motocicletta... che infatti paga uguale perchè ha sempre due assi.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    24 Agosto 2012 - 17:05

    Ma di pagare di piu' l'autostrada. Si dimentica che l'Italia é il punto di passaggio tra penisola iberica e sud della Francia e est europeo. Di Camion con targhe straniere ne vedo a bizzeffe.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog