Cerca

Regione sprecona

Spese da 6 mln l'anno
La Finanza in Campania

I consiglieri avrebbero speso sei milioni di euro l'anno. Si indaga per peculato

Le fiamme gialle hanno acquisito i documenti del bilancio regionale per fare luce sulle spese legate a consulenze e rappresentanza
Spese da 6 mln l'anno 
La Finanza in Campania

 

Lo scandalo delle spese folli del Lazio sta per travolgere anche la Campania. Stamattina la Guardia di Finanza si è presentata nella sede del Consiglio regionale a Napoli per acquisire alcuni documenti relativi ad una indagine per peculato. L’inchiesta del pm Giancarlo Novelli coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Greco, riguarda la consiliatura in corso e vede sotto la lente dei magistrati le spese di commissioni e gruppi, in particolar modo quelle legate a consulenze e rappresentanza. La Finanza ha acquisito, in particolare, documenti del bilancio regionale in cui si fa riferimento alla ripartizione di fondi per i vari gruppi nonché la relazione della presidenza del Consiglio sulle modalità di rendicontazione. 

Le intercettazioni e i bonifici - Secondo quanto si legge sul sito Ansa.it l'attività della procura è scaturita da alcune intercettazioni telefoniche disposte durante un'altra inchiesta su reati di pubblica amministrazione in cui è coinvolto un consigliere e di cui non si sa al momento nulla. Gli inquirenti starebbero esaminando le spese dei consiglieri che ammonterebbero complessivamente a sei milioni di euro l'anno. Da quanto emerge dai primi accertamenti eseguiti dai finanzieri emerge inoltre che i fondi destinati ai gruppi consigliari regionali finivano in realtà nella disponibilità degli stessi consiglieri attraverso bonifici bancari. Ora bisogna verificare se e come quelle somme siano state successivamente spese.

"Politica dei tagli" - Solo ieri pomeriggio, si legge sul sito Dagospia, Paolo Romano, presidente del Consiglio regionale della Campania, aveva diffuso un comunicato nel quale si compiaceva dei risparmi effettuati quest'anno. Ovviamente la nota era stata inviata dalla nuova portavoce di Romano, Alessandra Cappabianca, nominata poche settimane dopo essere diventata la moglie di Massimo Grimaldi, a sua volta consigliere regionale ed esponente della "Lista Caldoro" e del Nuovo Psi (lo stesso Caldoro aveva fatto da testimone alle nozze). Ma al momento, Romano, si dice "tranquillo" e "disponibile a collaborare" con la magistratura. Nulla da temere. E insiste: "Questa consiliatura ha già approvato norme per il rigore e il contenimento di spesa". E le spese "per il funzionamento dei gruppi consiliari rientrano in questa ottica, circa un milione di euro l’anno suddivisi per 9 gruppi, secondo ilnumero dei componenti". Cancellati i gruppi con una sola persona, abolite le auto blu tranne che per il presidente di Giunta e Consiglio, "non abbiamo speso un euro di consulenze e abbiamo in bilancio 49mila euro di spese di rappresentanza". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    22 Settembre 2012 - 10:10

    Anche io vedo ladri dovunque,ma non mi so spiegare, come un politico, come Papa possa finire in carcere senza processo e uno come Bassolino,solo dopo vent'anni viene rinviato a giudizio,con il rischio che i tremini vadano in prescrizione.Ci sono cose insiegabili e gurda caso,sempre a sinistra.Se non sono complotti che cosa sono?

    Report

    Rispondi

  • roby347

    21 Settembre 2012 - 19:07

    le spese di 6 milioni sono in euro o in NAPO ?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    21 Settembre 2012 - 18:06

    Ma la Corte dei Conti che fa vacanza? Dove sono i giudici di quest'alta corte? Deve intervenire la finanza e la giustizia ordinaria? Allora che se ne vadano e lascino i loro ricchi stipendi all'erario, se non servono a niente a casa!

    Report

    Rispondi

  • bepper

    21 Settembre 2012 - 17:05

    Bassolino ha un paio di rinvii a giudizio per truffa peculato ed altro ed una condanna dalla Corte dei Conti. Il malcostume di uno non giustifica il malcostume altrui. Poi saranno visti anche i conti dei gruppi consiliari PD. In Italia per indagare c'è bisogno della notitia criminis, la magistratura non può aprire un procedimento autonomamente. Non vi stancate di vedere complotti dovunque? Io semplicemente vedo ladri dovunque...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog