Cerca

Anticasta

La Rauti dà l'esempio
e rinuncia alla poltrona:
Non mi candido più

La consigliera regionale del Pdl dopo il Laziogate: esperienza chiusa. Alfano: tu non hai nulla da rimproverarti

La Rauti dà l'esempio
e rinuncia alla poltrona:
Non mi candido più

Isabella Rauti dà l'esempio. Un vero politico di destra che fa onore all'ideologia di suo padre Pino e dimostra che la politica non è per tutti solo un magna magna Su Twitter la consigliera regionale del Pdl, dopo lo scandalo di Batman, scrive: "Non ho nessuna intenzione di ricandidarmi in Regione. Esperienza chiusa". E aggiunge: "Il partito non me l’ha chiesto e neanche io". Immediata la rispota del segretario del Pdl Angelino Alfano:   "Averti in lista nel Pdl sarebbe stato un onore. Prendo atto   della tua scelta ma non hai nulla da rimproverarti", risponde il   segretario del Pdl Alfano. E  arriva anche il twee di Mara Carfagna "Mi auguro che Isabella Rauti ci ripensi e continui a lavorare nel Pdl e con il Pdl. Sarebbe un peccato  se il nostro partito perdesse una donna con le sue capacità, la sua   competenza e con la sua grande esperienza politica". Lo scrive Mara Carfagna, deputato Pdl, su Twitter e Facebook. I suoi colleghi di partito fanno bene a insistere perché torni, ma bisogna prendere atto che il suo gesto, in una politica fatta di gente incollata alla poltrone, è sicuramente esemplare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frid54

    05 Ottobre 2012 - 15:03

    Ma se non si fosse chiamata Rauti IN ALEMANNO, qualcuno l'avrebbe mai candidata? Adesso dovrà ... sopravvivere con il solo stipendio del maritino sindaco di Roma!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    05 Ottobre 2012 - 13:01

    Ma se non si fosse chiamata Rauti, qualcuno l'avrebbe mai candidata?

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    05 Ottobre 2012 - 13:01

    ora dove sono le dimissioni promesse dagli altri? e i soldi? che fanno? li tengono o li restituiscono alla gente? Facciamo la cosa bella: dimissioni e restituzione dei soldi, niente vitalizi senno' so' cazzi. E ora? come la mettiamo? maiali. I soldi, maiali: li dovete restituire, tutti. Forza, uno ad uno: tutti i partiti, dimissioni e resdtituzione dei soldi, niente vitalizi e cercarsi un lavoro come tutti gli altri. Solo allora possono parlare, non prima.

    Report

    Rispondi

  • Spaventapassere

    05 Ottobre 2012 - 12:12

    Buon sangue non mente! Ad maiora Isabella!

    Report

    Rispondi

blog