Cerca

Furto con destrezza

Mutui, spese e disabili: ecco gli sgravi tagliati

Grazie a Monti brutte sorprese nella prossima dichiarazione dei redditi: la riduzione di detrazioni e deduzioni potrebbe costarci 2 miliardi

Spiraglio dal ministro Grilli: "Il nostro non è un decreto, ma un disegno di legge. Siamo disponibili a modificarlo"
37
Mutui, spese e disabili: ecco gli sgravi tagliati
Spiraglio dal ministro Grilli: "Il nostro non è un decreto, ma un disegno di legge. Siamo disponibili a modificarlo"

 

di Francesco De Dominicis

Per le (brutte) sorprese bisogna aspettare il «730». Perché sarà compilando la prossima dichiarazione dei redditi - a casa, davanti al proprio commercialista o in un Caf -   che i cittadini  si accorgeranno della fregatura rifilata, in piena notte, dal Governo di Mario Monti con lo scambio Irpef-Iva. Anche se ieri il ministro Grilli precisava: «Non è un decreto   ma un disegno di legge: dunque per definizione siamo disponibili  al confronto» per eventuali modifiche. Per le famiglie italiane il 2013, insomma, «regalerà» un’altra stangata fiscale. Stiamo parlando delle misure contenute nella legge di stabilità (o finanziaria) che prevedono la riduzione delle due aliquote più basse dell’imposta sui redditi (dal 23 al 22% fino a 15mila euro e dal 27 al 26% fino a 28mila euro) e il contestuale ritocco all’insù dell’Iva (dal 10 all’11% e dal 21 al 22%). Uno scambio nel quale l’aggravio Iva (calcolato da diversi centri studi e associazioni) vale circa 7 miliardi di euro e l’abbattimento Irpef più o meno 5 miliardi. Risultato: botta da 2 miliardi sui contribuenti. Ma veniamo al «730»: il rischio è di vedere evaporare  altri 2 miliardi  di agevolazioni, fino a oggi riconosciute a una platea assai ampia: quasi 15 milioni di persone. Il totale della stangata, così, potrebbe arrivare attorno a quota 4 miliardi. Il Governo, insomma, è andato a testa bassa e  ha messo mano alle cosiddette tax expenditure, cioè alla giungla di sconti e sgravi che consentono di recuperare, con la dichiarazione dei redditi, una parte delle imposte versate l’anno precedente e prelevate dal datore di lavoro direttamente in busta paga (salvo gli autonomi).    

Leggi l'articolo integrale di Francesco De Dominicis
su Libero in edicola oggi, venerdì 12 ottobre

 

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    13 Ottobre 2012 - 16:04

    ovvio che non chiederò più fatture , mi conviene pagare in nero , mi fanno lo sconto anche del 30% , e non mi vergogno . loro debbono pensare che fanno schifo , così+ credo che si aumenti il nero. esci sempre con la ricevuta , ci mancherebbe .

    Report

    Rispondi

  • Phidry Hiellie

    13 Ottobre 2012 - 14:02

    ...quest'ipostori di merda oppure tecnici, chimali come vuoi, la laurea l'anno conseguita in un paese del 3° mondo si, in Italia!!!!

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    12 Ottobre 2012 - 18:06

    Se quanto leggo sulle intenzioni del Monti d'Azzate sono vere, credo che nessuno si farà più fare fatture. Crede che siamo tutti boccaloniani? Asvedomia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media