Cerca

La sparata

Delirio del cognato di Di Pietro
"Noi cacciatori siamo i veri animalisti"

Cimadoro: "Siamo maltrattati dalle regole più restrittive al mondo. E poi troppe tasse. Siamo costretti a emigrare"
Delirio del cognato di Di Pietro 
"Noi cacciatori siamo i veri animalisti"

"Cacciatori veri animalisti", "cacciatori maltrattati", "costretti a emigrare". Gabriele Cimadoro, deputato dell'Idv e cognato di Antonio Di Pietro, a La Zanzara su Radio 24, urla tutta la sua rabbia contro chi ce l'ha con la categoria, di cui fa parte ovviamente. "L'Italia con i cacciatori è un paese incivile. Pensi che quest'anno in Val Brembana abbiamo fatto solo due giorni di caccia. Io non ho preso niente, ma ormai per andare a cacciare bisogna portarsi dietro l'avvocato, il codice civile e quello penale. In altri paesi più civili del nostro è una fonte di guadagno". 

Secondo Cimadoro, indagato a Bergamo per concorso nell'abuso d'ufficio perché avrebbe fatto pressione in Comune per indirizzare licenze edilizie e cambi di destinazione d'uso riguardanti alcuni terreni, "noi cacciatori siamo maltrattati da regole che deprimono l'attività, le più restrittive al mondo. E poi troppe tasse. Siamo costretti a emigrare". Colpa degli animalisti che "sanno fare solo propaganda e ideologia. Anche i politici però, vedi la Brambilla. Noi siamo i primi a proteggere gli animali. Come faremmo senza gli animali a esercitare la nostra attività, a cacciare? Voglio vedere la Brambilla e i suoi amici se portano il fieno con la neve a un metro e mezzo nelle nostre valli in inverno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • laghee

    08 Marzo 2013 - 10:10

    .. ha mille ragioni !

    Report

    Rispondi

  • gianko

    06 Novembre 2012 - 13:01

    perchè come mezzo di sostentamento è ormai superato da un pezzo (anche se andrebbe fatto un discorso serio sugli allevamenti CHE SONO PIU' OSCENI della caccia ma io sono favorevole agli sport 'da tiro' col fucile, la pistola, l'arco, la balestra, ecc..la Svizzera insegna, PAESE ULTRAPACIFICO ma con un n. di armi enorme .. da noi invece il MONOPOLIO DELLE ARMI l'hanno solo le forze dell'ordine (QUALE?) e la MALAVITA.. e questa sarebbe democrazia? GARIBALDI auspicava un tiro a segno in ogni città..

    Report

    Rispondi

  • laghee

    05 Novembre 2012 - 23:11

    sulla caccia ha mille ragioni, sul resto non posso dire.

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    05 Novembre 2012 - 15:03

    A sberle andrebbe preso, solo a sberle.

    Report

    Rispondi

blog