Cerca

Riforma elettorale

La telefonata Renzi-Silvio sull'Italicum: ecco cosa si sono detti

La telefonata Renzi-Silvio sull'Italicum: ecco cosa si sono detti

Il nuovo accordo Renzi-Berlusconi ormai è cosa fatta. Silvio ha accettato la riforma della legge elettorale con un Italicum dimezzato che verrà applicato solo alla Camera. La battaglia sulla riforma della "regola delle regole" continuerà in Parlamento con gli emendamenti, ma a quanto pare ormai il patto tra il premier e Silvio non dovrebbe subire ulteriori scossoni. Ma come si è arrivati a questa nuova intesa sull'Italicum che di fatto ha ribaltato i patti siglati al Nazareno? Secondo i bene informati domenica sera ci sarebbe stata una telefonata tra il premier Renzi e Silvio Berlusconi.

La telefonata - Il retroscena lo racconta Affaritaliani.it. Squilla il telefono a casa Berlusconi. Dall'altra parte dell'apparecchio c'è Matteo Renzi. Tema della chiamata la legge elettorale, alla vigilia di quella che è detta di tutti sarebbe stata e di fatto è una delle settimane cruciali per l'Italicum in Parlamento. Il premier arriva subito al dunque e più o meno si appella al Cavaliere usando queste parole: "Caro Silvio, il 70% dei parlamentari del Partito Democratico è pronto a votarmi contro. Troviamo una soluzione insieme. Per favore, dammi una mano". Il nodo è appunto quello dell'approvazione della nuova legge elettorale solo per la Camera e di fermare tutto per il Senato in attesa della sua trasformazione in Camera delle autonomie. Proprio quello che Berlusconi e Forza Italia osteggiavano fino alla scorsa settimana e poi con un colpo di scena hanno accettato al termine di un vertice a Palazzo Grazioli.

La contropartita - Renzi di fatto ha chiesto una mano a Silvio. Ma Berlusconi in cambio ha ottenuto una contropartita. Al di là delle dichiarazioni ufficiali, Berlusconi avrebbe ottenuto in cambio del via libera al nuovo patto sull'Italicum due cose molto importanti: un occhio di riguardo sulla Giustizia, in sostanza la riforma non dovrà essere invisa agli azzurri, e l'assicurazione che il governo non metterà mano al conflitto di interessi, nonostante le pressioni della minoranza del Pd e del Movimento 5 Stelle.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • al59ma63

    27 Novembre 2014 - 13:01

    Leggosotto di giovani estremizzati che danno contro a tutto, non si accorgono di quello che e' sotto i loro occhi e dentro il loro portafoglio ora ed in futuro, quando saranno vecchi: Sono stati depredati da questa classe dirigente di sessantottini, due generazioni, con lo scopo di alimentarsi a consensi elettorali, queste due generazioni vedono fumo gettato dai Grillini e da buonistii svegliatevi

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    06 Marzo 2014 - 10:10

    Un morto di fame che chiede aiuto a un morto che cammina...Siamo proprio messi bene. Queste sono le "magnifiche sorti e progressive" d'Italia. Finché gli Italiani non si sveglieranno e daranno a ciascuno il fatto suo. È quasi ora, prepariamoci.

    Report

    Rispondi

  • mulazzaniantoni

    mulazzaniantoni

    06 Marzo 2014 - 08:08

    Se fosse vero io mi chiedo....con tutta l'arroganza e la prepotenza che ha usato nel presentarsi....con questo ragazzo dove andremo a finire!!!!!Torno a ripetere se nel 2011 non avessero fatto dimettere Berlusconi non saremmo in queste condizioni...

    Report

    Rispondi

  • frankie stein

    06 Marzo 2014 - 08:08

    'Silvio dammi una mano...'. Ahhhhhhhahhhhh! ' Occhio di riguardo sulla giustizia'. Ahhhhahhhhhhhh! 'Il conflitto di interesssi...' Ahhhhhhhhhhhhhh...! Mitici!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog