Cerca

Occhio al 18 luglio

Ruby, Silvio Berlusconi in caso di condanna può far saltare il tavolo con Matteo Renzi

Ruby, Silvio Berlusconi in caso di condanna può far saltare il tavolo con Matteo Renzi

Per capire cosa succederà della riforma della Costituzione targata Matteo Renzi bisognerà aspettare il 18 luglio, il giorno il cui la corte d'appello di Milano emetterà il suo giudizio su Silvio Berlusconi processato per il caso Ruby. Ovviamente il premier spinge il testo sia incardinato in aula il prima possibile, senza ulteriori rinvii, ma ci sarebbe una fronda che punta all'esatto contrario sperando che sia il Cav a mandare all'aria il tavolo. "Il nostro obiettivo è tirarla per le lunghe fino al 18 luglio. Poi cosa accadrà in caso di condanna di Berlusconi? Forza Italia salterà in aria e tutto potrà essere rimesso in discussione", avrebbe detto sottovoce in Transatlantico il dem Paolo Corsini a Pino Pisicchio secondo il retroscena di Repubblica.

Da parte sua Berlusconi, che ieri ha riunito un vertice a Palazzo Grazioli con Verdini e Ghedini punta ancora alla grazia. "L’unica speranza per avere la grazia — spiega un forzista vicino al cerchio magico a Francesco Bei — è restare seduti al tavolo delle riforme. Dopo aver riscritto il Senato e il Titolo V passeremo alla giustizia. A quel punto sarà Renzi stesso a spendersi per non farlo andare in galera". Berlusconi è fiducioso: il nuovo corso garantista del Pd lo fa ben sperare. Del resto, sulla soglia degli ottant’anni, con un premier non ostile e la riforma della giustizia scritta a quattro mani con il Pd, anche la condizione posta nel 2013 da Napolitano — il temuto passo indietro dalla politica — diventerebbe meno oneroso. Ma sono discorsi che gli uomini più vicini al leader accettano malvolentieri di fare, quasi che il solo parlarne potesse compromettere l’operazione.

Anche perché in Forza Italia sono molti quelli che non vogliono la riforma del Senato così come l'ha concepita Renzi: ieri 22 senatori azzurri hanno chiesto al presidente Grasso di rimandare di un giorno la discussione in aula. Tanto da far urlare Verdini: "I patti si rispettano dalla A alla Zeta. Chi è contrario sappia che mette in discussione una decisione presa da Berlusconi". Ad affrontare a muso duro Verdini, rivela Repubblica, ci si è messa Cinzia Bonfrisco. "Verdini dice che Berlusconi vuole questa riforma. Ma io lo voglio sentir dire da lui in assemblea, poi mi regolerò". Insomma, racconta Mei, la situazione interna resta tesa. E lo ha dimostrato anche il pranzo con gli eurodeputati a Palazzo Grazioli, occasione colta da Raffaele Fitto per ribadire al leader tutte le perplessità sulla "fretta da Gran Premio di Formula 1" con cui il premier vuole archiviare la pratica Senato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jerico

    11 Luglio 2014 - 17:05

    Lo scopo è ormai chiaro,la Magistratura vuole prendere due piccioni con una fava; estromettere definitivamente Berlusconi (ucciderlo politicamente) , e mandare un ''avviso di garanzia virtuale'' a Renzi,con l'intento che se prova a toccare la Magistratura, l'ex sindaco di Firenze ,farà la fine del Cavaliere ...

    Report

    Rispondi

  • Chry

    11 Luglio 2014 - 12:12

    La politica e la giustizia per fortuna sono due cose nettamente divise, solo un pazzo può pensare che le sentenze si decidano in base agli accordi politici, o che si debba vendicare sui cittadini, ma quel pazzo purtroppo esiste, questa carogna ha il nome di Berlusconi

    Report

    Rispondi

    • exbiondo

      11 Luglio 2014 - 16:04

      ma vaaaaaa? nettamente divise?' o sei un fesso o sei una merda comunista in piena malafede , propendo per tutte e due

      Report

      Rispondi

  • iltrota

    11 Luglio 2014 - 12:12

    Spero che la data del 18 Luglio possa un giorno comparire a caratteri cubitali nei libri di Storia, ricordando a tutti i giovani italiani la fine di un' epoca di m...a !!!!

    Report

    Rispondi

  • direttoreemilio

    11 Luglio 2014 - 10:10

    sarà Renzi stesso a spendersi per non farlo andare in galera, e in regalo Silvio gli dará la villa al mare, con barca a vela, cosi pure il pupazzo fiorentino sará alla pari dei suoi predecessori Violante Veltroni e D´Alema. loro regalarono le reti televisive e il parlamento Italiano , renzi l´innocenza per farlo poi presidente dell´Italia Repubblica di bananisti corrotti e mafiosi atroci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog