Cerca

Trattativa interrotta

Riforma del Senato, Sel spiazza Matteo Renzi: non ritira gli emendamenti al ddl Boschi

Riforma del Senato, Sel spiazza Matteo Renzi: non ritira gli emendamenti al ddl Boschi

Sel dice no alle proposte di Matteo Renzi. I senatori vendoliani non ritirano i circa 6.000 emendamenti presentati per fare ostruzionismo sulla riforma del Senato, mettendo a questo punto a rischio serissimo la possibilità di approvare il ddl Boschi entro l'8 agosto. Un colpo di scena dopo che nelle ultime ore si era fatta strada l'ipotesi di un accordo tra governo e opposizioni: il ritiro degli emendamenti e il via libera dei punti fondamentali della riforma entro 10 giorni, con slittamento dell'ok definitivo a settembre, in cambio di modifiche anche importanti sulla legge elettorale, alla ripresa dei lavori. Il "ribelle" del Pd Vannino Chiti aveva già deposto le armi, con un discorso chiaro in mattinata a Palazzo Chigi. E Renzi, dopo aver scritto una lettera di intenti ai senatori dem, proprio a Chiti aveva affidato il compito lunedì di trattare con Sel, . Trattativa fallita, con il risultato che i renziani ora mettono sul banco degli imputati lo stesso senatore democratico.

La "gazzarra" - Intanto in Aula è scoppiata la protesta dei grillini e delle opposizioni. Fischi e urla da parte delle opposizioni hanno costretto il presidente dell'aula a sospendere la seduta. Ma alla ripresa i toni non sono cambiati. Il nodo è la decisione di votare per parti separate gli emendamenti che al loro interno hanno riferimenti sia all'elezione diretta dei parlamentari sia alla tutela delle minoranze linguistiche (su cui è stato accolta la richiesta di voto segreto): "La vogliamo finire con questa gazzarra? Prego i presidenti di gruppo di richiamare i propri senatori", ha detto Grasso. E avverte: "Chi prosegue con la protesta andrà fuori dall'Aula". Ma i senatori dell'opposizione e, in particolare, quelli grillini, gridano in coro: "Non si può, non si può". Insomma ormai la strada per le riforme si fa davvero in salita. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • EhEhEh

    29 Luglio 2014 - 19:07

    Un partitino del caxxo come SEL che non prende nemmeno il 2% blocca tutto il senato!!!BENVENUTI IN ITALIA E CI CRDO CH VOGLIONO CAMBIARE LA LEGGE ELETTORALE ALTRIMENTI SPARISCONO!!!

    Report

    Rispondi

  • munarigluca

    29 Luglio 2014 - 19:07

    dunque 315 senatori più quelli a vita e gli ex presidenti..cadauno hanno un indotto nell'apparato statale di circa diciamo 1.000 fancazzisti parassiti e quant'altro che fanno parte di parenti amici conoscenti caste lobbies raccomandati che a loro volta fanno lo stesso come per la catena di sant'antonio, quindi più o meno per fare il conto tondo 600.000 ladroni che si fanno mantenere dal popolo....

    Report

    Rispondi

  • er sola

    29 Luglio 2014 - 17:05

    Strano, di solito quelli non sbattono le porte in faccia.

    Report

    Rispondi

  • mauriziobenito

    29 Luglio 2014 - 16:04

    VATTI A FIDARE DEI COMUNISTI..CARO RENZI, SE POSSONO TE LO METTONO IN QUEL POSTO...E SI CHE DOVRESTI CONOSCERLI BENE.

    Report

    Rispondi

blog