Cerca

Anti-rigore

Unione europea, depositato in Cassazione un referendum contro il Fiscal compact e l'austerity

Unione europea, depositato in Cassazione un referendum contro il Fiscal compact e l'austerity

Un referendum contro Angela Merkel e la legge del rigore che domina l'Unione europea. Non è fanta-politica ma realtà, almeno a spulciare la proposta di voto popolare depositata in Corte di Cassazione contro l'austerity e il fiscal compact che ha come obiettivo l'abrogazione della legge 243 del 2012. Quella, appunto, che ha ratificato e attuato l'introduzione in Costituzione del tanto criticato "pareggio del bilancio". E non solo. Approvato il 2 marzo 2012 da 25 dei 27 stati membri dell'Unione europea (hanno detto no Regno Unito e Repubblica Ceca), come ricorda il sito QuiFinanza.it il patto prevede anche il non superamento della soglia di deficit strutturale superiore allo 0,5% del Pil (1% per i paesi con debito pubblico inferiore al 60% del prodotto interno lordo), la riduzione del rapporto fra debito pubblico e Pil, pari ogni anno a un ventesimo della parte eccedente il 60% del Pil e l'impegno a coordinare i piani di emissione del debito con il Consiglio dell'Unione e la Commissione europea. Praticamente, una mannaia per quei Paesi con i conti a rischio, come l'Italia.

"Il rigore non ci fa crescere" - "Il Fiscal Compact rischia di rivelarsi deleterio per la ripresa - spiega sul sito EconomiaPolitica Riccardo Realfonzo, professore di economia all'Università del Sannio e tra i promotori del referendum -.Costringerebbe infatti il governo italiano a praticare ulteriori drastiche politiche di austerità, per i prossimi due decenni. Si tratta di impegni che tecnicamente non possono essere rispettati, a meno di volere trascinare il Paese in una prolungata recessione dagli effetti sociali devastanti". "In Italia - aggiunge Realfonzo -, a causa della risposta sbagliata alla crisi, il Pil resta oggi a un livello del 9% più basso rispetto allo scoppio della crisi e la disoccupazione è più che raddoppiata, passando da 1,5 a 3,1 milioni".

"Prima gli aiuti, poi le riforme" - Il responsabile del comitato Gustavo Piga, sul Garantista, rincara la dose, puntando il dito contro la strategia fallimentare di Ue e Bce, che promettono aiuti economici solo in cambio di "riforme ben avviate". Invertendo, di fatto, una sequenza logica in un momento di crisi profonda: "Il timing strategico del cambiamento in Europa deve essere rovesciato: prima si interviene a sostegno di chi soffre, riportando il sereno nei Paesi in difficoltà, e prima si rivelerà semplice e fruttuoso il cammino delle riforme. Al Whatever it takes di Mario Draghi, frase celebre per indicare che si farà tutto quanto il necessario per non affondare, deve ora seguire una nuova fase, quella del Wherever it aches, del sostegno dovunque ci sia sofferenza. Per intervenire ovunque vi sia sofferenza c'è bisogno di rimuovere il tappo principale all'avvio di una fase di aiuto concreto alle economie in maggiore difficoltà come l'Italia". Il guaio, sottolinea il professore, è che l'Europa si è dotata di un pilota automatico chiamato Fiscal Compact, ovvero più tasse e minore spesa pubblica anche a forza di tagli lineari, dolorosissisimi. "E evidente che nell'attuale turbolenza l'aereo europeo rischia di schiantarsi contro la montagna. A meno che non si ridiano le leve del comando al pilota. Il che significa permettere ad ogni Paese membro dell'area euro di adeguare la sua rotta tramite la moratoria a monte sulle riduzioni acritiche di debito e deficit che impone il Fiscal Compact".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    08 Agosto 2014 - 11:11

    Non c'è dubbio che si debba fare pulizia in casa anche a costo di usare il santo manganello ,ma assolutamente bisogna liberarsi dall'associazione per delinquere di Bruxelles. Ne va della sopravvivenza della Patria rubata e svenduta da una classe politica inetta e LADRA . Il paese è allo stremo ,non paga nessuno ,le banche usurano,il fisco saccheggia ,le aziende chiudono .

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    08 Agosto 2014 - 10:10

    Autarchia e basta ma ci vuole Salvini e la sua squadra, ci vuole la ns moneta finalmente risorta e la riconquista del mercato russo. Quindi via dall'euro e ricominciamo liberi e indipendenti e finalmente senza nessun cappio al collo.

    Report

    Rispondi

  • bernardroby

    08 Agosto 2014 - 10:10

    Uscire dall' Europa e dall'euro , potremmo abbassare le tasse al 10% e diventare più della la Svizzera in Europa , con le tasse al 10% il lavoro arriverebbe , gli investitori come le mosche sul miele, Ritornare alla lira , nel frattempo per mantenere lo stato chiedere un prestito agli USA , non è fantasia , ma chi governa ha fatto l'università se la tira come se fosse Dio . Roberto

    Report

    Rispondi

  • encol

    02 Agosto 2014 - 08:08

    DIWA 130 ha ragione, tuttavia i nostri e non solo nostri guai potrebbero lenirsi non uscendo dall'euro ma buttando fuori la germania dalla zona euro. E, non è detto, che la germania stessa non aspetti altro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog