Cerca

Le mani di renzi sulla magistratura

Legnini nuovo vicepresidente del Csm

Legnini nuovo vicepresidente del Csm

Non era mai accaduto prima, in 58 anni di storia repubblicana. Nessun membro in carica di un governo era "asceso" al vertice dell'organo di autogoverno della magistratura italiana. Roba che se l'avesse fatto Berlusconi, l'avrebbero linciato, e forse non solo politicamente parlando. C'è riuscito Matteo Renzi, complice la regia di Giorgio Napolitano, piazzando il 57enne Giovanni Legnini, sottosegretario all'Economia del suo governo, alla vicepresidenza del Csm. Cioè, escluso Napolitano che del Csm è presidente in quanto capo dello Stato, alla piazza più alta del supremo orgaano di autogoverno della mgistratura.

Nato a Roccamontepiano nel 1959, sposato e con due figli, Legnini è stato sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Editoria e all’Attuazione del programma di Governo nell’esecutivo guidato da Enrico Letta. Eletto in quota Pd dalle Camere il 10 settembre scorso
componente laico dell’organo di governo autonomo della magistratura, Legnini è avvocato cassazionista, docente di ruolo in aspettativa di discipline giuridiche ed economiche. Specializzato in diritto dell’impresa e della pubblica amministrazione, ha assunto incarichi di commissario liquidatore ed è stato consigliere di amministrazione di società. La sua nomina è avvenuta  a larga maggioranza, con 20 voti a favore. Un voto è andato a Giuseppe Fanfani (Pd) e uno a Teresa Bene (Pd), poco prima dichiarata ineleggibile dal plenum (scheda dichiarata nulla). Tre le schede bianche. Sono stati 25 i voti espressi: il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, come di norma, non ha votato.

Il presidente Napolitano ha sottolineato come l'ampio consenso ricevuto da Legnini per la nomina di vicepresidente al Csm "accresca il prestigio" dell'istituzione e "darà un nuovo slancio" all'organo di autogoverno dei magistrati. "Sono persuaso che - ha aggiunto il capo dello Stato - sotto la sua guida il Csm saprà affrontare con concretezza anche i problemi più complessi". E ciò, si è augurato Napolitano, "in un confronto sereno, non viziato da contrapposizioni". Il presidente ha aggiunto, rivolto a Legnini, "lei assume un ruolo nel quale sarà chiamato a rappresentare e garantire tutti".

 



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • AG485151

    01 Ottobre 2014 - 11:11

    Legnini : fai onore a l tuo cognome e comincia a legnare di brutto quelli che fanno durare i processi per decenni , quelli che non lavorano le 8 ore giornaliere , quelli che dicono di portare il lavoro a casa , quelli che fanno scappare informazioni riservate , .... buon lavoro .

    Report

    Rispondi

blog