Cerca

Rosso di rabbia

Vendola bastona il Pd e avverte:
"Monti e Sel sono inconciliabili,
Bersani vuole rompere con noi?"

Nichi Vendola

Nichi Vendola

Pier Luigi Bersani non fa in tempo ad aprire ufficialmente a Monti che già Nichi Vendola manda in aria il centrosinistra. L'alleanza tra il Pd e Sel è debolissima quindi ad ogni scossa tellurica rischia di ver giù tutto. Nichi risponde a muso duro ad ogni ipotesi di inciucio e di accordo con Monti: "Spero - ha detto Vendola a margine di un convegno sulla cittadinanza - che Bersani non si voglia assumere la responsabilità di rompere l'alleanza del centrosinistra". "Bersani ha fatto riferimento al tema pregiudiziale dei programmi - ha continuato il leader di Sel - e nei fatti quelli di Monti e del centrosinistra sono inconciliabili". Insomma non c'è speranza per un'intesa tra Prof e Pd con in mezzo Nichi. Il centrosinistra esplode prima che diventi realtà. "L'agenda Monti non è conciliabile con quella di Bersani, sia chiaro, è un dato inequivocabile". Poi una nota di forma, che però rischia di suonare sinistra alle orecchie del leader democratico: "Se fossi stato in te - spiega ancora Vendola rivolgendosi direttamente a Bersani - mi sarei dimesso da segretario del Pd, per rimarcare che sono il capo della coalizione, più di un capo partito". Il capo di tutti, dunque, e non solo del Pd. Però, "ora Bersani non ha il potere di mutilare il centrosinistra nato con le primarie - avverte Nichi -. Siamo parte integrante dello stesso soggetto".

Tira e molla continuo - C'è poi da aggiungere il nuovo tira e molla a distanza tra Bersani e Monti. Il professore, quasi ribattendo il no di Vendola, ha dato pure lui un aut aut al Pd: "Deve scegliere, o me o Sel". Alla faccia della conciliazione e delle intese, il clima è furente. Da qui, probabilmente, la stizza di Bersani. Che già in mattinata si era lamentato con i giornalisti colpevoli di interpretare le sue parole sulla possibile intesa con i moderati "un giorno in un modo, un giorno in un altro. Un giorno apro, un giorno chiudo, quando invece sono due mesi che dico sempre le stesse cose". Poi, però, nel pomeriggio, la replica piccata a Monti: "Nessuno tocchi il mio polo". Non c'è che dire, buone basi per garantire dialogo e soprattutto governabilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VincenzoAliasIlContadino

    07 Febbraio 2013 - 10:10

    D'Alema:con monti e la Sinistra“L'Italia Giusta”.Carceri con 66 mila perchè un Popolo Italiano deve mantenere il 50% di quello carcerario innocente e il resto aspettare decenni per un processo non meglio pagare una cauzione aspettando il processo rapido e microchip-GPS?Perchè caro“George” Lei dov'era quando un gruppuscolo di magistrati Milanese, Tangentopoli che col tintinnio di manette e volendo rivoltare l'Italia come un calzino,ha preso il Potere Giudiziale e Politico decidendo le sorte di Aziende e dell'Economia con 500 blitz a Mediaset che da da mangiare oltre 80mln di famiglie,giusto le perquisizioni e provvedimenti,mentre con per Mps con moviola di Controcampo che di sicuro il risultato sarà come per Mitrokhin e senza Scaramella Rossa al polonio 210? http://vincenzoaliasilcontadino.blogspot.it/2013/02/sinistra-dello-sfascio.html

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    07 Febbraio 2013 - 10:10

    Sbaglio che in Italia grazie alla Sinistra“per grazia ricevuta dal danno”hanno ricevuto il '92 un pedigree di“Mani Pulite”che oggi fa Pena-ti e con Mps,cloaca Sinistrorsi da voltastomaco? Accettabile sprecare risorse esorbitante per intercettazioni divento Stato poliziesco o da Kgb?Mentre negli Stati Unita D'America e,manco alla Franceschiella Ue,ne abusano?Dov'era quando fu arrestato Enzo Tortora che dopo il danno il Pm fu eletto al“suo Csm?”SMEmo o era a Mosca nell'URSS per la repressione dei moti ungheresi,che la Dirigenza del PCI condannerà come controrivoluzionari (l'Unità arriva persino a definire gli operai insorti"teppisti"e"spregevoli provocatori").Nel momento stesso degli eventi,egli stesso elogia l'intervento sovietico dichiarando:«L'intervento sovietico ha non solo contribuito a impedire che l'Ungheria cadesse nel caos e nella controrivoluzione,ma alla pace nel mondo».Pensaci Giacomino.

    Report

    Rispondi

  • aldogam

    06 Febbraio 2013 - 20:08

    Finito il prmo atto della sceneggiata con il matrimonio Bersani-Monti officiato dalla crucca, continua quella Bersani-Vendola, indispensabile per consentire ad orecchino di diamante di conservare il suo 3%, altrimenti eroso da Ingroia & C. Stiamo tranquilli, subito dopo le elezioni Monti e Vendola scopriranno, improvvisamente, di avere affinità e consacreranno la ritrovata pce con un abbraccio La Merkel li benedirà e tutti vissero felici e contenti, di cosa? ai posteri ecc. ecc.

    Report

    Rispondi

  • alrom

    06 Febbraio 2013 - 19:07

    Dalle cronache di oggi, si è paragonato Monti ad on rottamatore. Lui si è dichiarato soddisfatto e lusingato. Ma perchè non rottama Fini e Casini ? suoi degni compari. La vuole smettere di prenderci per i fondelli ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog