Cerca

Il futuro del centrodestra

Forza Italia e il partito repubblicano: quanto vale

Forza Italia e il partito repubblicano: quanto vale

Il centrodestra e gli elettori. In queste settimane pre-elettorali si parla tanto della crisi del centrodestra in generale, e di Forza Italia in particolare. Le divisioni interne da una parte e il conflitto sono certamente il maggiore problema, tuttavia molti guardavano al futuro a quel nuovo partito che si ispira al modello del Partito Repubblicano degli Stati Uniti. Renato Mannheimer su Il Giornale ha realizzato un sondaggio che fotografa le opinioni degli elettori, anche davanti alla crisi del centrodestra. Un dato significativo è quello secondo cui il 29% degli elettori non percepisce la cristi del partito come definitiva, anche ritiene che alle prossime consultazioni possa anche vincere.  Questa convinzione è ancora più diffusa tra gli elettori di Salvini e di Alfano.  Chi vota a centrosinistra crede invece che la crisi del centrodestra non sia affatto risolvibile. Alla domanda: "Prenderebbe in considerazione per il voto una nuova forza del centrodestra moderato che si ispiri al Partito repubblicano americano?" il 23% degli italiani risponde affermativamente. Un risultato interessante soprattutto perché dà idea dei potenziali elettori di questa nuova forza politica.  Un numero che cresce con l'aumentare dell'età e nel centro Nord d'Italia. Il partito repubblicano piace agli elettori di Forza Italia ma anche a quelli della Lega e soprattutto convince circa  il 13% di quelli che attualmente hanno deciso di astenersi alle elezioni.

La leadership - A essere determinate per la sorte del nuovo partito - secondo il sondaggio di Mannheimer - è sicuramente la leadership. Per 82% dei votanti attuali di Forza Itlia a figura giusta è quella di Silvio Berlusconi  ma gli elettori che sono  genericamente nel centrodestra  si dividono a metà tra chi sostiene la riproposizione dell' ex Cavaliere e chi la  contrasta. In totale,  poco meno del 20% degli italiani vede con favore la proposta di Berlusconi come leader del Partito repubblicano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    21 Maggio 2015 - 21:09

    Mannheimer, bevi meno e fatti meno canne!

    Report

    Rispondi

  • oenne

    21 Maggio 2015 - 15:03

    gigi il negher_ mostra la tua vera foto non mi ,dire che ti sei abbronzato questo inverno _ ciao _you mao mao

    Report

    Rispondi

  • scostumato

    19 Maggio 2015 - 23:11

    Sono convinto che uno che "non può mai NON sapere",essendo disceso da Marte,anche a 79 anni d'età e con acciacchi vari,può fondare un nuovo partito Ecchè,Grillo non vi dice niente ? Solo che il ZENEIZE RISU REU,sbagliandosi nel confondersi,ha fondato una cosuccia incloncludente e incapace di fare la cosa giusta

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    18 Maggio 2015 - 11:11

    Il popolo bove non capisce. La crisi del centro-destra non esiste, la maggioranza degli italiani é di destra e continua ad esserlo a prescindere. Gli italiani sono in gran parte brava gente contro una cospicua percentuale, pur minoritaria, di rincoglioniti e faccendieri che votano comunista. Con altri uomini e altri mezzi il consenso tornerà quello di prima se non di più.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog