Cerca

Soffiate

Roma, la suggestione di Enrico Mentana: Massimo D'Alema candidato Pd?

Enrico Mentana

"Io a Roma candiderei Massimo D'Alema". Così il senatore Stefano Esposito, braccio destro di Matteo Orfini nonché ex assessore ai Trasporti della giunta Marino, in un colloquio con Il Foglio. E ancora: "Un partito esiste se ha un vero gruppo dirigente. Ma un vero gruppo dirigente ce l'hai solo se lo responsabilizzi. Dunque - continua Esposito - uno può affidarsi anche al Profumo o al prefetto di turno, certo. Ma attenzione. Di Marino in Marino, di Profumo in Profumo, di prefetto in prefetto, del Pd alla fine cosa resta?". Un appello chiaro e tondo, quello di Esposito. Un appello che stuzzica Enrico Mentana, interpellato nello stesso articolo a firma di Salvatore Merlo.

Il direttore del TgLa7 fa il punto della situazione e spiega: "È come se Renzi, che è il segretario del Pd, dicesse: Guardate, io non mi fido del Pd. Non mi fido dei miei politici". Dunque Mitraglietta mostra di avere qualche idea in più: "A Torino, dov'è obbligato, Renzi sceglie un politico, cioè Piero Fassino, che è il sindaco uscente che ha ben governato. Ma dove può scegliere - continua Mentana -, come a Roma, o come a Milano, dà invece l'idea di considerare il suo partito alla stregua di una foglia morta. Che il nome sia Sabella, Gabrielli, Marhini o chi altro, non è uno dei suoi". Secondo Mitraglietta, insomma, le elezioni a Roma "sono un punto di svolta, un tornante per Renzi. O la definitiva rottamazione del partito che lui ha scalato, o il suo rilancio con la scelta di un candidato politico. Puntare su D'Alema, o su Nicola Zingaretti, non sarebbe una scelta bislacca. Come non sarebbe bislacco candidare Enrico Letta, se solo non ci fossero quei precedenti tra lui e Renzi". Quello di Mentana, insomma, si colloca a metà tra un consiglio e una suggestione: il Pd, a Roma, potrebbe davvero puntare su Baffino D'Alema. Il più improbabile dei ritorni (nel nome di un'ipotetica pax nel partito).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    30 Novembre 2015 - 10:10

    Azz il Bombarolo della FGCI oltre che fare il vino si candida pure a fare il sindaco a roma.Azz..E' polivalente.Non è che tanto tanto al canto di "Noi tireremo dritto fino alla prima curva"si vanno a schiantare contro le urne?Speriamo.

    Report

    Rispondi

  • Amos59

    03 Novembre 2015 - 18:06

    La sinistra è proprio alla frutta. Noooo!!!! ancora D'Alema in mezzo ai c... Ma non si era ritirato in Toscana a fare il produttore di quel vinello da vendere alle cooperative rosse?

    Report

    Rispondi

  • routier

    03 Novembre 2015 - 18:06

    Candidare D'Alema? Cos'è, una proposta o una minaccia?

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    03 Novembre 2015 - 18:06

    Se fosse vero sarebbe il trionfo dei rottamati, così gli altri partiti aumenterebbero le loro possibilità di crescita ed il Pd di flessione

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog