Cerca

Chi ha in mano le nostre sorti

Mario Giordano spietato, Renzi demolito: Ci vuole come lui, in mutande

Mario Giordano spietato, Renzi demolito: Ci vuole come lui, in mutande

L'Italia in mutande, Renzi quasi. Sprezzante del pericolo e della tempesta che lo circonda, l'eroico premier in vacanza a Courmayeur affronta la neve a viso aperto, come se fosse un fiocco di Landini qualsiasi. E per dimostrare che il rigore dell'inverno lo spaventa meno del rigore della Merkel, scopre il polpaccio un po' inflaccidito e denuda il ginocchio sotto un paio di braghette corte che dovrebbero essere sanzionate dalla buoncostume. Purtroppo la sequenza fotografica non immortala le scene seguenti: possiamo immaginare infatti che il nostro glorioso premier abbia proseguito l'opera dello spogliarello, togliendosi anche l'inutile pastrano per esporre al gelo il petto villoso e i fianchi sufficientemente protetti dal grasso per non aver bisogno né di maglioni né di giacca a vento. Tutta roba che, si sa, serve solo ai gufi che vedono ovunque tempesta. E non capiscono che dove passa Renzi c' è sempre sereno.

A chi non fosse convinto, arriverà adeguato sms di Filippo Sensi per dettare lo storyballing di giornata: non continuate a parlare di neve, in realtà c'è il sole e dunque Renzi è, come sempre, perfettamente in sintonia con l' ambiente che lo circonda. In mano ha uno straccio, o forse è una maglia, ma potrebbe avere anche secchiello e paletta, come in spiaggia. Il salvagente attorno alla vita, beh, quello non c'è bisogno, ce l'ha già naturalmente. Da notare anche le scarpette da ginnastica che sono quello ci vuole per camminare sulla neve: in realtà il premier è stato indeciso fino all'ultimo se mettere le ciabatte infradito o i sandali aperti davanti, poi siccome non voleva esagerare ha optato per le Adidas (o sono Nike?) che forse fanno sudare un po' il piede, però consentono di scivolare come De Zolt sulla pista da fondo olimpica. È l'Italia che riparte, è l'Italia che va. Per terra.
L'anno scorso Renzi a Courmayeur si era fatto vedere con gli sci ai piedi e tutti avevano applaudito: «Il premier si è tuffato con stile sicuro in una non stop di discese durata più di tre ore», recitava l'Ansa commossa.

«Giacca azzurra, occhiali a specchio e attrezzatura impeccabile, non hanno impedito agli increduli sciatori di riconoscerlo». Quest'anno niente sci, e anche sull'attrezzatura impeccabile ci sarebbe forse qualcosa da ridire, ma in compenso Renzi un anno dopo rimane perfettamente riconoscibile: quell'uomo che si aggira sul cucuzzolo della montagna con i polpaccetti scoperti e i calzini corti è chiaramente quello che ha in mano le sorti dell'Italia. Infatti è attrezzato ad affrontare le tempeste economiche e internazionali esattamente come è attrezzato ad affrontare le tempeste di neve. Si salvi chi può.

Ma sulla tempra del nostro premier, ah su quello non c'è niente da dire. Guardate quant'è tosto, guardate quant'è rude. Al punto che, dopo questa esibizione di virilità alpestre, ci interroghiamo sulle sue prossime uscite: che potrà fare di meglio? Si farà fotografare mentre attraversa il Polo Nord con le espadrillas? Si metterà in posa fra i pinguini dell'Antardide a torso nudo e con il tanga? Oppure, per stupire, andrà all' Equatore vestito come Messner sull'Himalaya? E poi a proposito di prestazioni virili: a giugno si cimenterà con la battaglia del grano? Ai giochi olimpici in Brasile si esibirà agli anelli e alle parallele? Si butterà pure nel cerchio del fuoco?

Sarà stupendo scoprire dove ci porterà quest'anno renziano cominciato con le scarpette da ginnastica sul ghiaccio, oltre al fatto che inevitabilmente ci porterà a prendere una culata. Ma pazienza: noi siamo pronti a tutto, anche a prendere per vera la versione del premier. Tanto lo sappiamo che le bugie hanno le gambe corte. Proprio come le braghette. Tempesta perfetta Il premier che affronta in calzoni corti la neve è la stessa persona che ha in mano le sorti dell' Italia... Renzi ci vuole come lui: in mutande.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    08 Gennaio 2016 - 22:10

    ma chi è sto signore con pelliccia e mutante, mica lo riconosciuto, ma che ha fatto porta in mano forse i pantaloni per aversi cagato sotto, be uno che va in giro così sotto la neve o se l'ha fatto addosso, oppure non e normale, che ci vuole la scienza a capire una persona che va in giro così con una bufera di neve!

    Report

    Rispondi

  • piero49

    08 Gennaio 2016 - 18:06

    A me che sono vecchiotto,ricorda molto il conte Mascetti, interpretato da Tognazzi in quella serie di film " Amici miei" gia' amici miei.Quando la moglie gli telefona preoccupata dalla montagna,dove lui l'aveva spedita per non intralciare le sue scorribande,gli telefona infreddolita in scarpe da tennis, quando fuori nevicava.....cosi ci ridurra' il "monello" Mascetti.

    Report

    Rispondi

  • GRISO59

    08 Gennaio 2016 - 16:04

    ci ha già inculato anche con la Ferrari il menestrello toscano. Suona suona la campanella dal 04 gennaio - 20%

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    07 Gennaio 2016 - 19:07

    Copertina di CHI Ricordo l'articolo quando naufrago' una petroliera nelle isole del nord polare. CHI scrisse che c'erano dei microbi che avrebbero mangiato subito il petrolio in mare e quello in terra sarebbe stato coperto dalle cacchine delle capre. Cacchine? Sì' di CHI. Dove arriva l'ignoranza !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog