Cerca

Volano coltelli

"Tra un po' dirà che...". Furia Storace, lo sfregio: colpo al cuore della Meloni

Meloni e Storace

Ad aggiungere ulteriore pepe alla corsa romana per il nuovo sindaco di pensa Francesco Storace, anche lui candidato, che metaforicamente imbraccia il fucile ed apre il fuoco contro Giorgia Meloni. In un'intervista a Il Tempo, dopo aver ribadito che "correrò da solo", quando gli si ricorda che la Meloni ha detto che "le porte sono aperte", azzanna: "Ma che vuol dire? Lei deve semplicemente dire: mi fa piacere che ci siano i voti di Storace. Questa recita dovrà finire prima o poi: in tre mesi non è riuscita a pronunciare il mio nome nemmeno una volta. E non so che cosa le ho fatto, se non averla indicata come una risorsa della destra".

Dunque Storace insiste sul fatto che le mancate intese nel centrodestra le pagherà Roma. "È evidente che c'è stata questa scelta suicida di rifiutare quel percorso di alleanza che da mesi mi sto sforzando di solleticare - riprende -. Anzitutto con le primarie: se tre mesi fa mi avessero dato retto oggi il popolo del centrodestra avrebbe avuto un solo candidato con straordinarie possibilità di vittoria. Non lo hanno voluto fare, e in questo sono stati complici Berlusconi, Salvini e Meloni".

Ma su tutti, come detto, Storace ce l'ha con la Meloni: "Dice che non è mai stata fascista - riprende velenoso -, tra un po' dirà che non è mai stata nemmeno di An. O che non è mai stata con Berlusconi. Tutto questo lo dico con dolore, perché pensavo che si potesse arrivare a un'alleanza, ma se uno mi prende a sportellate in faccia...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • demaso

    28 Aprile 2016 - 19:07

    anche storace ormai fa parte del club Alemanno fini berlusconi, cioè persone che cercano di sopravvivere ma ormai sono morti e non lo sanno (o la sanno?)!

    Report

    Rispondi

  • rkmont

    28 Aprile 2016 - 18:06

    signori e signore, è ufficialmente partita la crociata contro Giorgia Meloni, l'unico candidato credibile per il Campidoglio. Adesso tutti i media dell'ex Cav e tutti i suoi giornalisti servi si daranno da fare.

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    28 Aprile 2016 - 12:12

    Perchè i forzisti, molti dei quali reduci del Psi, non sopportando i "traditori" e i "solisti", preferiranno astenersi. Con buona pace di Salvini, che continuerà ad urlare al vento, e sua che almeno, potrà allattare con tutta calma. Vedremo se mi sono sbagliato.

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    28 Aprile 2016 - 12:12

    Invece, s'è accodata a Salvini che, se si vince, è stato bravo lui, in caso contrario colpa di lei. La coerenza a lungo andare premia. Non capisce che alle prossime politiche, anche dopo aver perso a Roma, si sarebbe presentata come persona seria ed affidabile, potendo pretendere d'imporre idee e candidati. Così, sarà sempre destinata alla fatua ribalta, (forse le piace solo questo), (segue).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog