Cerca

La rotta di Baffino

D'Alema apre a Pdl e Cinque Stelle:
"A loro presidenze di Camera e Senato
e Pier Luigi va a palazzo Chigi"

L'ex premier prova a indicare la strada. "Tutti devono assumersi la responsabilità in parlamento, non faremo un governissimo, ma in autonomia dobbiamo collaborare insieme..."

Massimo D'Alema

Massimo D'Alema

A bocce ferme cominciano le riflessioni. Quelle più fredde e mirate a dare una chiave interpretativa al futuro. A farlo, per un Pd allo sbando, è Massimo D'Alema che fa quello che dovrebbe fare Pier Luigi Bersani, ovvero dare un'indicazione chiara dei progetti del centrosinistra. "Baffino" con un'intervista al Corriere della Sera indica la rotta: "Voglio essere chiaro, c'è qualcosa che non può essere fatto nel modo più assoluto e cioè offrire al Paese l'immagine di partiti che cominciano le trattative per un qualche governissimo".

Coinvolgere tutti -  Insomma D'Alema in questo momento chiude le porte ad un inciucio tra Pd e Pdl, ma lascia uno spiraglio. "Io parlo di un'assunzione di responsabilità. Mi riferisco alla possibilità che cisacuno, mantenendo la propria autonomia, possa confrontarsi in parlamento alla luce del sole. Il primo problema è il funzionamento delle istituzioni e ritengo che le forze politiche maggiori debbano essere coinvolte", spiega D'Alema. Tra le righe si legge la voglia da parte di "Baffino" di procedere a fari spenti per trovare magari una larga intesa anche lat-minute.

Presidenze della Camere a Pdl e M5S -  E D'Alema mette sul tavolo proproste concrete per gli altri partiti. "Al centrodestra e al Movimento Cinque Stelle devono andare le presidenze delle due assemblee parlamentari, ovviamente sulla base della proposta di personalità che siano adeguate a ruoli istituzionali". Dunque presidenza di Camera e Senato a Pdl e M5S. Le poltrone per "Baffino" sono pronte.

Bersani premier - E su quella di palazzo Chigi? "Lì ci sarà Bersani, che rappresenta il partito che ha la maggioranza relativa". Pier ha superato almeno l'esame del prof D'Alema. Ma a dettare legge nel Pd sembra che sia sempre "Baffino", che dopo aver indicato tutte le poltrone forse pensa alla più ambita, quella che sta dalle parti del Quirinale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    05 Marzo 2013 - 13:01

    hai capito Baffino...lui ha già fatto il programma.? Prendi incarta e porta a casa.!

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    04 Marzo 2013 - 19:07

    se non puoi vincere il nemico..alleati, altro che Macchiavelli, questo pur di stare al potere (soldi e benefit) venderebbe la madre al mecato degli schiavi...

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    28 Febbraio 2013 - 20:08

    Gli ex comandanti non vogliono lasciare la nave che sta affondando. Benissimo: andate a picco!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    28 Febbraio 2013 - 19:07

    Mi raccomando, sig. D'alema, prima i cazzi propri e poi il paese! Poi non si domandi attonito perché la gente vi prende a calci in culo nelle urne elettorali e preferisce Grillo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog