Cerca

Manovre pesanti

Ecco come Monti "frega" Renzi al Pd,
al sindaco le chiavi di Scelta Civica

Il Prof dopo il magro bottino elettorale vuole una nuova veste istituzionale. L'incontro con Renzi è una mossa strategica. Il Loden vuole lasciare al rottamatore la sua creatura politica

Ecco come Monti "frega" Renzi al Pd,
al sindaco le chiavi di Scelta Civica

Matteo Renzi ha lasciato ieri la direzione del Pd dopo aver ascoltato il segretario Pier Luigi Bersani. La sua uscita di scena da quella dierzione alimenta sospetti e suggestioni. Una su tutte: un filo rosso che unisce Mario Monti e il giovane sindaco di Firenze. Il punto è semplice. Renzi ha incontrato in settimana Mario Monti. I due dicono di aver parlato solo di Firenze. Non ci crede nessuno. I due hanno parlato di politica. Con un Pd allo sbando e con un Renzi sempre più dissidente, il Prof ha fiutato l'occasione. Monti ha bisogno di ricostruire su di sè un' immagine istituzionale. La politica lo ha logorato. Tanto. Ora deve tornare il Prof austero di sempre ma ha bisogno di un timoniere politico per il suo movimento, Scelta Civica, che possa dare una spinta al nuovo centro. Chi meglio di Matteo Renzi?

Incontro decisivo - A quanto pare l'incontro tra il premier e il rottamatore è stato organizzato da Diego Della Valle e da Luca Di Montezemolo. L'obiettivo è quello di dare a Renzi le chiavi dei moderati di Monti e di preparare un lento ma inesorabile trasferimento di Matteo sul terreno che più gli appartiene. Monti ha anche detto tra le righe che un Renzi premier non è poi una cattiva idea. Intanto i due hanno giocato di strategia. Renzi va da Monti, dopo va alla direzione nazionale del Pd e l'abbandona a seduta ancora aperta. Il Prof nello stesso giorno parla del suo movimento alla stampa e prepara il consolidamento politico di Scelta Civica. Sono solo coincidenze. Ma quell'incontro tra il premier e il sindaco svela un retroscena: Renzi non sarà mai leader del Pd. L'offerta del Prof diventa l'occasione perchè Matteo possa fare finalmente il "capo" senza se e senza ma. Soprattutto senza primarie. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fraferra

    29 Marzo 2013 - 14:02

    Passeresti per un ""traditore"" e diventeresti un politico del binario dell'odiato prof. - ma per carità,,,,, resta col PD,,, col tempo salirai in testa e riuscirai fare molti cambiamenti,,, via il rimborso partiti, via gli uffici con 200 dipendenti, via il vecchio Bersani al gruppo anziani,,, dovrai tagliare con la mannaia,,,,

    Report

    Rispondi

  • Sillyhound

    07 Marzo 2013 - 23:11

    Spero che Matteo Renzi, con il quale mi scuso se mi permetto questo borbottio di vecchio che dunque non parla ormai più per sé, non si bruci. Non ceda cioè alla tentazione di commettere la stessa vergognosa azione compiuta da quel mascalzone di Fini. Credo che già oggi molti pensino che Renzi è probabilmente l'unica risorsa di cui il Paese disporrà nel medio lungo periodo in grado di aggregare democraticamente, senza tradimenti, il consenso di uomini e donne ragionevoli e disponibili, sia da sinistra sia da destra.

    Report

    Rispondi

  • Sillyhound

    07 Marzo 2013 - 19:07

    Mi pare tuttavia improbabile un "accordo" di medio/lungo periodo. Penso invece più probabili accordi per l'immediato dopo Bersani con Monti sherpa tra i Pdellini.

    Report

    Rispondi

  • neta94

    07 Marzo 2013 - 16:04

    matteo lascia perdere il professore, cosa vorresti fare : lo scolaretto che attende istruzioni dal professore. Non saresti per nulla credibile. Piuttosto cerca di rinnovare il PD dall'interno

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog