Cerca

Ma quale spending review?

Grasso e Boldrini, taglio allo stipendio reale solo del 7%

Grasso e Boldrini, taglio allo stipendio reale solo del 7%

 

di Franco Bechis

Il primo ad averlo capito al volo è stato Beppe Grillo, che ormai è esperto della materia. Lui è stato il solo italiano a non essersi bevuto tutto di un fiato l’allegro e commendevole annuncio fatto dai presidenti delle due Camere, Pietro Grasso e Laura Boldrini: «ci tagliamo lo stipendio del 30%». Quale stipendio scusate? Se lo è chiesto solo Grillo mentre tutti i principali media già cantavano i peana ai due nuovi potenti così sobri. E la domanda è più che fondata. Tanto da avere una risposta chiara: sia Grasso che la Boldrini al momento hanno deciso un taglio ai propri emolumenti che ridurrà il loro stipendio del 6,9% netto e del 7,2 per cento lordo. Una percentuale assai lontana da quel 30% sbandierato addirittura in diretta tv  a Ballarò facendo emozionare il povero Giovanni Floris. Il taglio infatti per ora solo deciso e non ancora operativo riguarda infatti la sola indennità di funzione dei presidenti delle Camere, che è solo piccola parte di quello che riceveranno ogni mese. È  un taglio a un costo della politica, ed è benvenuto. Ma riguarda il 30% su circa 6 mila euro lordi e non tutti i 24.965,11 euro lordi che sono assegnati ogni mese ai presidenti delle Camere. A quella cifra una volta che sarà resa operativa la decisione al momento solo annunciata in tv e con un comunicato stampa verranno quindi sottratti 1.800 euro lordi al mese, pari al 7,2 per cento. 

 

Leggi l'articolo integrale di Franco Bechis
su Libero in edicola oggi, giovedì 30 marzo

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgio_collarin

    24 Marzo 2013 - 15:03

    subito sotto scorta anche se a metà!!! chi ha stabilito che necessitino di essere "scortati"??? ancora non hanno operato da lestofanti!!! e già si inietta loro paura di essere gambizzati!!! potenza del clan (leggi casta) dei disonesti!!! in quanto alla riduzione sbandierata del 30%: una presa in giro bella e buona!!!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    22 Marzo 2013 - 10:10

    l'ignoranza dei Maldestri mette paura: Grasso e Boldrini erano candidati alle elezioni e sono stati eletti in Camera e Senato. Tonto! Ed il Parlamento li ha eletti alle Presidenze. Bi-Tonto!! Ma si può?

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    21 Marzo 2013 - 17:05

    Forse saranno anche bravi.... ma certo vedendo le loro facce..... FACCE DA CACTUS....

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    21 Marzo 2013 - 16:04

    Ma possibile che tutti quelli che vengono eletti (dico meglio: nominati) per rappresentarci vogliano prenderci per il culo? Che male abbiamo fatto noi povero cittadini per meritarci questi lestofanti? Sputtanateli in tutte le sedi possibili !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog