Cerca

Intese sempre più difficili

Nitto Palma, se il Pd lo boccia ancora
Silvio senatore a vita
o cade il governo

Francesco Nitto Palma e Silvio Berlusconi

 

L'ora della verità arriverà alle 15 di oggi mercoledì 8 maggio, quando il Pd dovrà dire l'ultima parola su Francesco Nitto Palma alla presidenze della Commissione giustizia bocciato nelle precedenti votazioni nonostante l'accordo con il Pdl su questo nome sembrava fatto. Una bocciatura che ha aperto un'altra crepa nella tessitura delle larghe intese e che rischia di compromettere la tenuta del governo. Il Pdl grida al tradimento: "Sono stati violati i patti", e chiede chiarimenti ai vertici del Pd su  quanto accaduto al Senato per la mancata nomina di Francesco Nitto   Palma alla presidenza della commissione Giustizia. A dispetto del   presunto accordo con i Dem, le prime due votazioni sul nome dell’ex   Guardasigilli si è conclusa con una fumata nera e questo ha fatto scattare   l'allarme in via dell’Umiltà. Il presidente dei senatori, Renato Schifani, tuona: “Ognuno si   assumerà le proprie responsabilità”. Rincara la dose il   vicepresidente di palazzo Madama, Maurizio Gasparri: “Quanto accaduto  è inaccettabile: Bersani e Zanda mettano in riga i propri senatori o   li sostituiscano con i principali esponenti del Pd a Palazzo Madama”.

 

  Il doppio stop a Nitto Palma, raccontano, avrebbe mandato su   tutte le furie Silvio Berlusconi- Il Cavaliere   avrebbe chiesto ai suoi di far valere tutto il peso politico del Pdl.   E secondo alcune indiscrezioni avrebbe persino minacciato di far   saltare il tavolo. C'è chi dice che nel corso di frenetici contatti   si sarebbe valutata anche la possibilità di cambiare il nome del   candidato pidiellino (è circolata l’opzione Giacomo Caliendo, gradita  al Pd). Ma alla fine, il leader azzurro avrebbe imposto la linea dura:  non cambieremo cavallo in corsa, gli accordi vanno rispettati. Se si   andrà al muro contro muro, però, non è escluso che alla fine venga  eletto un candidato di centrosinistra. E’ circolato in queste ore il   nome di Luigi Manconi. La partita della Commissione giustizia è molto importante per il Cavaliere che, a fine mese vedrà arrivare a sentenza i due processi che lo tengono in sospedo: Ruby e Mediaset. Secondo indiscrezioni l'ex premier starebbe pensando a un seggio di senatore a vita, intervistata da Affaritaliani.it Michela Biancofiore, la passionaria del Pdl, ha rafforzato queste voci dicendo: "Silvio si meriterebbe di andare alla presidenza della Repubbica. Qualunque incarico costituzionale sarebbe positivo, compreso quello di senatore a vita". Lo scenario, in sintesi, è questo: o il Pd si ricompatta su Nitto Palma o scatta il piano B, un posto da senatore a vita per Silvio Berlusconi. In caso contrario Silvio potrebbe "staccare la spina" al governo considerato che i sondaggi continuano ad essere dalla sua parte. Ora più che mai. Napolitano, potrebbe anche cedere alla nomina di Berlusconi se la posta in gioco è la tenuta in vita del governo Letta. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    08 Maggio 2013 - 15:03

    Nitto Palma presidente ed il governo è salvo. Ma, diciamolo francamente, il Pdl, no ho preconcetti e non simpatizzo per il Pd, non può fare il bello e cattivo tempo minacciando crisi. Tra l'altro non capito capito quali siano "gli altissimi meriti in campo sociale, scientifico, artistico e letterario" di Silvio Berlusconi che "pretende" la nomina a senatore a vita. Va bene che per queste nomine si è guardato poco a queste caratteristiche ma ci vuole anche un limite.

    Report

    Rispondi

  • primus

    08 Maggio 2013 - 15:03

    che il Pd sia un partito di incapaci non è una novità, queste ultime elezioni lo dimostrano, ma che siano degli irresponsabili, questa ne è la dimostrazione. Ieri la Biancofiore, oggi Nitto Palma, e domani chi ?? ... ma mandare a f.....o questo governo di parassiti al più presto non sarebbe una cosa utile ???

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    08 Maggio 2013 - 15:03

    e il problema è se fare berlusconi senatore a vita? Ma allora è l'ennesima dimostrazione che dell'italia, anzi degli italiani, non importa niente a nessuno.

    Report

    Rispondi

  • biri

    08 Maggio 2013 - 15:03

    ...non lavorerebbe più nessuno, dato che di certo non si può contare sui "fottuti destroidi". Ma forse questo genio dell'economia voleva mandare a lavorare - gratis, si intende - nelle aziende dei "fottuti sinistroidi" tutti quelli che fino ad ora i "fottuti sinistroidi" hanno mantenuto pagando le tasse al posto loro? Se è così, si può fare. Scriva un suggerimento a Silvio: magari lui qualche nipotino da mandare a lavorare (va bene anche in miniera) ce l'ha...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog