Cerca

Numeri che fanno paura

La Kyenge: "Non c'è rapporto tra immigrazione e reati"

Cècile Kyenge

Cècile Kyenge

 

di Ignazio Stagno

"E' troppo facile dire che esiste un'equivalenza tra immigrazione e reati, ma non è vero". Ne è così sicura il ministro per l'integrazione Cecile Kyenge? A quanto pare le carte il ministro non le ha studiate bene. La relazione c'è, eccome. I fatti di Milano e le picconate di Kabobo hanno lasciato uno strascico di polemiche infinite sull'opportunità o meno di eliminare il reato di clandestinità e introdurre in Italia lo ius soli, il diritto alla cittadinanza per nascita.

C'è un'equivalenza -  Ebbene per sgombrare il campo dai dubbi sul fatto che ci sia o meno una relazione tra reati e immigrazione, vanno visti per bene i dati. Quelli ufficiali rilasciati dal viminale. Così la realtà che appare dall'ultimo "Rapporto sulla criminalità" rilasciato da ministero dell'Interno è abbastanza preoccupante. Si legge nel documento: "C'è una tendenza alla crescita della percentuale di stranieri sul totale dei denunciati come presunti autori reati. Una crescita d’altronde prevedibile sulla base del forte aumento degli stranieri in percentuale alla popolazione".

Numeri da paura - Insomma al viminale sanno bene che gli immigrati autori di reati sono sempre di più. Per quanto riguarda ad esempio il tentato omicidio, su 100 denunciati per il reato, nel 1988, 6 erano immigrati. Ma nel 2006 ad esempio la quota sale vertiginosamente a 31. Per quanto riguarda invece l'omicidio consumato, nel 1988 solo 5 immigrati su 100 denunciati erano accusati del reato. Nel 2006 invece la percentuale sale al 32 per cento. Insomma ora gli stranieri accusati di omicidio sono uno su tre denunciati.

Le cifre del rapporto -
 "Gli stranieri costituiscono il 51% dei denunciati per rapina in abitazione o furto in abitazione, e il 45% dei denunciati per rapina in pubblica via, il 19% per le estorsioni, il 29% per le truffe e le frodi informatiche.Intorno ad un terzo dei denunciati troviamo gran parte dei reati violenti", prosegue il rapporto.

Violenza fisica - Ma è sui reati contro la persona che la percentuale tocca vette preoccupanti: "La quota di stranieri qui va dal 39% dei denunciati per violenze sessuali al 36% per gli omicidi consumati e al 31% per quelli tentati, al 27% dei denunciati per il reato di lesioni dolose". C'è un'altra nota dolente di cui la Kyenge dovrebbe tener conto. Il 74 per cento degli stranieri denunciati per omicidio è senza permesso di soggiorno. Ma non finisce qui perchè anche il 62 per cento dei denunciati per lesioni e il 61 di stranieri denunciati per rissa è senza per messo. Prima di dire che non c'è relazione tra immigrazione e reati bisognerebbe guardare i numeri. Basta poco.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgio_collarin

    08 Febbraio 2015 - 17:05

    ballotelli - madre e padre ghanesi - prima della ius soli e' diventato italiano!!! ce lo spieghino gli addetti ai lavori??? dall'affido...all'adozione e all'italianita' per Super Mario!!! Un mistero irrisolto!!!

    Report

    Rispondi

  • alejob

    01 Luglio 2013 - 18:06

    se non c'è correlazione tra reati ed immigrati, c'è correlazione tra immigrati e disoccupati e tra immigrati e quello che pensionati e lavoratori tartassati, vengono salassati, perchè questi vengano sfamati. CHIARO !!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    30 Giugno 2013 - 07:07

    No assolutamente.La nazionalità del nascituro viene data d'autorità a quella di appartenenza della madre o del padre se cittadino straniero.In medio oriente vale la stessa cosa,in Africa,idem.In Gran Bretagna si sta andando in direzione opposta allo jiu soli,al nascituro viene data la nazionalità della madre,se straniera,o quella del padre se a sua volta non inglese.Qui da noi siamo i soliti fessi.Concediamo loro tutto e di più facendo ovunque la figura meschina dei cioccolatai.

    Report

    Rispondi

  • stefano1972

    22 Maggio 2013 - 21:09

    Dire che non esiste rapporto tra immigrazione e reati è un balla colossale: certo i criminali ci sono anche senza immigrazione, ma non c'è dubbio che chi campa di espedienti può arrivare a commettere reati (gravi o meno). Poi vi sono immigrati che decidono da subito di dedicarsi ad attività come spaccio, furti nelle case, taccheggio, commercio abusivo di falsi e altri persone che sono proprio delinquenti abituali (alcuni zingari pluripregiudicati appartengono a famiglie con tradizione di 3-4 generazioni di pregiudicati). Il fatto che le carceri siano er più della metà riempite da stranieri immigrati è un fatto (eh ma hanno avvocati meno bravi e poi sono sfortunati....le forze dell'ordine beccano solo loro)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog