Cerca

La rilevazione

Sondaggio Swg: il centrodestra vuole Renzi,
il Pd primo partito, crollo M5S

Il Pd dopo le amministrative sale al 28,1%, il Pdl cala al 26. Tonfo dei 5 Stelle al 17%. Gli elettori del Cav vogliono il sindaco leader

Matteo Renzi

Matteo Renzi

La prima rilevazione sulle intezioni di voto del dopo amministrative risente ancora del risultato dei ballottaggi. Secondo il sondaggio Swg per Agorà, il Pd sorpassa il Pdl. I democratici toccano quota 28,1 per cento, mentre il Pdl scende al 26. Ma il vero crollo è per il Movimento Cinque Stelle. I grillini perdono due punti in sette giorni e crollano al 17,9 per cento. Gli altri partiti sono pure in calo. Il vento dell'astensionismo e della poca fiducia nella politica si fa sentire soprattutto sui partiti minori. Sel perde oltre mezzo punto (-0,7%) e scende sotto la soglia del 5 percento (4,8%). Al 4,8 percento anche Scelta civica (+0,1%), seguita dalla Lega Nord al 4,4 percento. Fratelli d'Italia guadagna mezzo punto e si attesta al 2 percento, mentre l'Udc ne perde quasi mezzo (-0,4%) e chiude con l'1,8 percento dei consensi. Guadagna consensi invece il governo Letta che guadagna 4 punti rispetto alla scorsa settimana e sale a quota 35 per cento.

Il centrodestra vuole Renzi
- Ma la rilevazione non tiene conto delle ultime tensioni nell'esecutivo per l'aumento dell'iva e soprattutto per la mancata abolizione dell'Imu. "Sarà interessante vedere l'andamento nelle prossime settimane- ha sottolineato Roberto Weber, presidente swg- l'aumento (o meno) dell'iva a luglio inciderà sicuramente". La soprpresa invece arriva da Matteo Renzi. Il 73 per cento degli elettori di centrodestra vuole il rottamatore segretario del Pd. A pensare che Renzi debba partecipare alla corsa per il dopo-Epifani è il 68 percento degli elettori del pd e il 61 percento di quelli del movimento 5 stelle. Secondo il 71 percento degli italiani (e il 70 percento dei sostenitori democratici), inoltre, Renzi ha le capacità per guidare il partito. Insomma Renzi piace a tutti tranne che al Pd di Epifani e Bersani. In  fatto di gradimento Renzi supsera perfino Giorgio Napolitano che perde un punto e scivola al 54% contro il 60% di Renzi. Anche la fiducia in Letta in quanto premier cresce di5 punti e raggiunge e il 49%m perde un punto Silvio Berlusconi che si ferma al 26%. Stabile al 25% Nichi Vendola seguito a due punti di distanza da Angelinio Alfano. Sale la fiducia degli italiani nel governo Letta che guadagna quattro punti in una settimana e arriva al 35% . E' l'effetto delle elezioni amministrative che hanno rafforzato l'esecutivo per il 38 per cento degli italiani, il 36% pensa invece che il governo sia più debole dopo le ultime elezioni. 


 


 


.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • unarosa?unarosa

    16 Giugno 2013 - 12:12

    Conosciamo la storia delle primarie,ma potresti spiegarmi gli aspetti positivi della condotta di Renzi in seguito?A me sembra che abbia adottato metodi che ricalcano quelli tradizionali,finalizzati soprattutto alla propria carriera.Tu vedi uno spirito innovatore nel suo essere favorevole a Prodi come candidato alla presidenza della Repubblica?

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    16 Giugno 2013 - 09:09

    renzi è stato silurato alle primarie con il metodo caro a napolitano e bersani , cioè metodo stalinista . non è stato ammazzato , in italia qualche volta è vietato , in genere se sono extra o musulmani , non è vietato , se ricorda cara rosa poiché stava vincendo renzi alle primarie , ecco che il grande , si fa per dire , bersani cambia le regole in corsa per fregare renzi . so come funzionano i partiti : io comando e gli altri obbediscono e non debbono avere idee . questa regola vale per tutti i partiti di destra di centro o di sinistra . renzi non poteva avere un programma , anzi ne aveva uno , ma è stato zittito anche dal mostro BINDI , che poverina adora il suo bersani per non morire di fame . ti ho risposto ? no? fammi altra domanda , ciao

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    15 Giugno 2013 - 15:03

    Semplice mia cara,Renzi è la perfetta evoluzione di Silvio,più giovane,meno ricco,con tutti i suoi capelli naturali,senza tacchi e cerone,...pare che conservi la stessa passione per la gnocca ma questo può passare! Ha,dimenticavo,Renzi a differenza di Silvio non ama dire che la magistratura è una merda e va cambiata,ovviamente,sono tutti dalla sua parte!

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    15 Giugno 2013 - 12:12

    con il Governo delle larghe intese. Il PDL propone nel possibile, per ora, la sua politica economica per migliorare le condizioni del Paese, ma viene dato merito al Governo Letta che rappresenta il PD. Come avevamo detto pure che questo Governo sta facendo risuscitare la sinistra e le amministrative lo hanno confermato. E' anche vero che Berlusconi temporeggia per capire la sua sorte giudiziaria e qui bisognava capire subito il tranello del PD o Napolitano. Forse il Governo Letta se nasceva doveva essere formato solo dal PD e m5s. Di fatto ora avremmo un Governo completamente occupato per i propri interessi dimenticando totalmente la politica economica e forse già si poteva andare a rivotare. E' Vero che molto probabilmente Berlusconi è quasi certo che verrà condannato, speriamo proprio di no, comunque mettiamolo in conto, ma il PDL per reazione sarà più forte e numeroso, anche vedendo nel frattempo il nulla di fatto del PD e m5s. Insomma per il PDL si sta complicando la questione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog