Cerca

Caccia alle streghe

Pd, la mozione di 4 senatrici: vietate le pubblicità con belle ragazze

L'inquisizione di Valentini, Fedeli, Amati e Granaiola: arresto e 5 milioni di multa a chi sgarra

Pd, la mozione di 4 senatrici: vietate le pubblicità con belle ragazze

Da sinistra, Daniela Valentini, Valeria Fedeli, Silvana Amati e Manuela Granaiola

Vietata Belen in ogni sua apparizione. Oscurata Uma Thurman che si beve un’acqua tonica. Bruciata come una strega ogni immagine di Letitia Casta che reclamizzava un profumo di due stilisti italiani. Seppellito sotto colate di cemento lo spot di una marca di jeans girato da una sensualissima Megan Fox. Tremate, tremate, perché le cacce alle streghe sono tornate. A volere scatenare la nuova Inquisizione e fare  roteare come negli anni ‘50 le forbici della censura è un nutrito gruppo di senatrici del Partito democratico. Un drappello guidato da Silvana Amati, e con subito a ruota Manuela Granaiola, Daniela Valentini e il vicepresidente di palazzo Madama, Valeria Fedeli, che ha appena firmato un disegno di legge già incardinato dal titolo «Misure in materia di contrasto alla discriminazione della donna nelle pubblicità e nei media». Il titolo sembra generico, ma il contenuto non lo è affatto. L’obiettivo infatti è quello di vietare con pesanti sanzioni (fino a 5 milioni di euro) l’utilizzo del corpo della donna nella pubblicità televisiva o stampata (giornali e manifesti).

 

Siccome tutte e quattro le prime firmatarie avevano venti anni nel 1968, erano di sinistra e in prima linea a sventolare la bandiera della rivoluzione sessuale, per fare tornare l’Inquisizione nel secondo millennio provano a scegliere le parole adeguate. La sostanza è quella del rogo per tutte le pubblicità che utilizzano il corpo della donna. Ma certo scagliarsi contro «immagini che trasmettono, non solo esplicitamente, ma anche in maniera allusiva, simbolica, camuffata, subdola e subliminale, messaggi che suggeriscono, incitano o non combattono il ricorso alla violenza esplicita o velata, alla discriminazione, alla sottovalutazione, alla ridicolizzazione, all’offesa delle donne», è modo assai più elegante e consono ai tempi per accendere il fiammifero sotto quel cumulo di manifesti e celluloide.

Una Belen o una Uma Thurman sensuale in uno spot devono rassegnarsi al rogo perché «stereotipi di genere», che «restringono dunque il margine di manovra e le opportunità di vita di donne e ragazze, ma anche di uomini e ragazzi». Come avrebbe detto negli anni Cinquanta un Oscar Luigi Scalfaro pronto a coprire la balconata abbondante di una matrona in un ristorante romano, «pubblicità e media presentano il corpo femminile come mero oggetto sessuale, esistente per l’uso e per il piacere altrui». Così - dicono le Inquisitrici del Pd, «nelle adolescenti, nelle donne giovani», diventa epidemia «un’ossessiva attenzione al corpo che provoca manifestazioni di ansia e aumento di emozioni negative, riduce la consapevolezza dei propri stati interni». Di più - perché le inquisitrici Pd hanno a cuore soprattutto la salute - vedere una Belen con farfallina evidente «provoca anche conseguenze molto serie sul benessere psico-fisico delle persone che la subiscono: è infatti correlata a un aumento dei disturbi depressivi, delle disfunzioni sessuali, dei disordini alimentari».

È dunque Belen-pandemia, e di fronte ad emergenze di questo tipo le senatrici Pd sono pronte a trasformarsi in crocerossine e perfino in poliziotte della buon costume. A un solo grido: «oscurare, anzi vietare la gnocca». Si preparino i pubblicitari, perché la controriforma è pronta, e naturalmente l’oscuramento di gnocca ce lo chiede «l’Europa», pronta a metterci in mora se tergiversiamo ancora. Ecco la soluzione: «Inserire al codice delle pari opportunità un articolo 1 bis che disciplina il divieto di utilizzare l’immagine della donna in modo vessatorio o discriminatorio ai fini pubblicitari». Chi farà rispettare quel divieto? «Il ministro delle Pari opportunità, anche su denuncia del pubblico, di associazioni e di organizzazioni, nonché di ogni altra pubblica amministrazione che vi abbia interesse in relazione ai propri compiti istituzionali». Ad applicare le sanzioni ci penserà una apposita sezione-commissione «per il contrasto alla discriminazione della donna nella pubblicità e nei media», istituita all’interno della Autorità garante della concorrenza e del mercato, che avrà perfino poteri di censura preventiva. La commissione apporrà «un apposito bollino» a «certificare la conformità del messaggio pubblicitario a criteri di qualità e finalità socio-educative per linguaggio, immagini e rappresentazioni, in linea con i criteri di tutela della donna stabiliti dalla presente legge». Sarà quindi vietata «la trasmissione sui circuiti televisivi pubblici e privati sul territorio nazionale di pubblicità o messaggi pubblicitari che non hanno ottenuto il bollino di cui sopra». Oltre all’antitrust, anche i comuni potranno brandire la scimitarra della nuova inquisizione, «inibendo a monte l’affissione di pubblicità sessiste o discriminatorie, lesive della dignità delle donne». I manifesti delle varie Belen dovranno essere «coperti con una scritta adesiva, ben visibile, che recita: SANZIONATO».  Gli operatori pubblicitari che non rispetteranno i divieti di spot e manifesti saranno puniti «con l’arresto fino a tre mesi e con l’ammenda fino a 5 milioni di euro. 

Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlo.lauletta7

    06 Agosto 2014 - 01:01

    Sospetto che gli uomini che dichiarano di apprezzare questo tipo di pubblicità siano insinceri con se stessi e forse complessati. Inoltre, mentre l'uso del corpo nella pubblicità di vestiti ha senso, in quella di automobili offende l'intelligenza del possibile cliente, perché è come volergli far credere che se compra quella scatola la fotomodella correrà da lui come mosca al miele. Grazie.

    Report

    Rispondi

  • carlo.lauletta7

    06 Agosto 2014 - 01:01

    Concordo pienamente. Gli uomini che si dichiarano contrarî sono insinceri con se stessi. Inoltre, mentre se il corpo è usato nella pubblicità di vestiti la cosa almeno ha senso, quando è usato nella pubblicità di un'automobile offende l'intelligenza di chi guarda, perché è come se gli volesse far credere che se compra quella scatola la fotomodella gli casca addosso come mosca sul miele.

    Report

    Rispondi

  • argo92

    19 Luglio 2013 - 00:12

    come vi permettete chiamare streghe queste bellissime donne io

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    17 Luglio 2013 - 14:02

    Questa sì che <é un'idea !!! Verranno tante donne col cartello della tariffa. Prendi una e paghi due

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog