Cerca

Nodo fiscale

Franceschini: "L'Imu sarà abolita, ma non per tutti"

Il ministro Pd: "L'esenzione è priorità del Pdl, ma va regolata. Colpiremo di più le prime case di lusso, non le villette dei pensionati"

20
Dario Franceschini

Dario Franceschini

Dario Franceschini, alla fine, vuota il sacco e afferma: "L'Imu? Sarà abolita...ma non per tutti". In un'intervista a La Stampa, il ministro per i rapporti col parlamento non lascia spazio a dubbi: "Sappiamo che l'esenzione per la prima casa è una priorità per il Pdl, quindi si farà, ma in modo ragionevole. La sospensione del pagamento finora non ha riguardato le case di lusso: per esempio si può intervenire in tal senso, senza toccare in alcun modo le villette bifamiliari dei pensionati". E aggiunge: "Per l'Imu sulla seconda casa, bisogna immaginare un trattamento differenziato per le seconde, terze, quarte o quinte case. La logica deve portare ad una eliminazione dell'Imu prima casa dentro un disegno complessivo della fiscalità sugli immobili che coinvolga anche i comuni".

Riformare l'Iva -
Poi Franceschini parla anche di Iva, un'altra spina nel fianco per il governo: "Per l'Iva, il rinvio di un punto potrebbe essere accompagnato da un ridisegno in una logica di maggiore equità " perché "il paradosso della normativa mostra che i singoli prodotti nella fascia di Iva ridotta non rientrano in un disegno organico. Esempi: pasta al 4%, riso al 10%, frutta surgelata al 4%, verdura surgelata al 10%". Insomma Franceschini fa capire che il governo delle larghe intese sulle singole riforme fiscali andrà per la sua strada.

Con Saccomanni
- Ma avverte i "falchi" di Pd e Pdl che tifano per la caduta di Letta. Franceschini frena le tensioni schierandosi al fianco del ministro dell'economia, Fabrizio Saccomanni di cui, una parte del Pdl, ha chiesto le dimissioni:" Saccomanni è determinante per la credibilità europea e internazionale dell' Italia, fin qui ha fatto bene" e "le sue scelte non sono mai frutto di decisioni individuali, impegnano tutto il governo. Ma ormai è diventato - spiega Franceschini - una specie di sport nazionale attaccare il governo, sia dal nostro campo sia da destra".

Chi sta con Letta si logora - Ma l'esecutivo, conclude Franceschini, "non cerca consenso, deve affrontare l'emergenza e fare le riforme, ed è probabile che chi è dentro questo governo - dal premier a noi ministri - alla fine di questo percorso ne esca personalmente logorato". Insomma, Franceschini pensa già alle urne. Per chi ha teso la mano a Letta e a Saccomanni, alle urne saranno dolori. Forti. (I.S.)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    08 Luglio 2013 - 23:11

    Le prescrivo una dose massiccia di antabuse.

    Report

    Rispondi

  • gitex

    08 Luglio 2013 - 21:09

    Imu sulla prima casa (semmai alziamo un pò la franchigia) , si sta facendo un gran casino per nulla. Piuttosto con quei soldi abbassino il prezzo della benzina/gasolio

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    08 Luglio 2013 - 20:08

    sono mesi e mesi che si parla di imu,perche' non cambiamo un po' discorso? e se parlassimo del caso kazakistan che diciamo? o dobbiamo pensare che ci sono ordini dall'alto perche' questo giornale non ne parli?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media