Cerca

Città sbagliata

La Kyenge in visita a Bergamo
E un sindaco leghista prepara
il comitato di anti-accoglienza

Il primo cittadino di Siprano vuole contestare le politiche del ministro. Su Facebook piovono insulti e minacce al titolare dell'Immigrazione

Cecile Kyenge

Cecile Kyenge

Ancora scintille tra Cecile Kyenge e la Lega Nord. Il ministro per l'integrazione domani, giovedì 11 luglio, sarà a Bergamo per un convegno sull'immigrazione. La Kyenge parlerà di cittadinanza e immigrati ospite dell'ateneo bergamasco. Poi parteciperà ad un incontro organizzato dall'ufficio migranti della diocesi. Insomma per la Kyenge sarà una giornata tutta su e giù tra città alta e citta bassa. Ma Bergamo è "territorio" leghista, così l'accoglienza a quanto pare non sarà delle migliori. A far scattare le polemiche ci pensa Ettore Pivano, presidente della provincia e leghista d.o.c.: "Non ho ricevuto nessun invito", afferma Pirovano, sottolineando il fatto che comunque non "avrebbe incotrato il ministro". A rincarare la dose arriva Giovanni Malachini, il sindaco di Spirano, piccolo centro bermamasco. Secondo l'Eco di Bergamo, Malachini, starebbe organizzando un comitato anti-accoglienza per la Kyenge.  “Chi è d'accordo nel far giungere un chiaro messaggio di contrarietà della gente bergamasca rispetto alle politiche che sta portando avanti. Un po' di fantasia e ci organizziamo”, scrive su Facebook Malachini. Ed è proprio sulla pagina Facebook del quotidiano bergamasco che la notizia dell'arrivo della Kyenge ha scatenato commenti razzisti pieni di minacce nei confronti dell'italo-congolese: “La incontreremo noi con mazze e bastoni!”, “eviterò di andare in centro per non sentire la puzza” , “disinfettate tutto appena se ne va!”. Se la visita "non è istituzionale", certo non sarà di piacere.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Tobyyy

    14 Luglio 2013 - 16:04

    Tanto per cominciare, da paladini delle buone maniere che caratterizza voi compagni...(eeeeh....), astenetevi dagli epiteti offensivi...! Chi si deve vergognare, non siamo noi, ma quelli che come te, ad ogni costo,desiderano rendere più miserabili i già poveri...! Penso tu abbia dimenticato, che il buon Dio, nel momento in cui ci ha creati, a sua immagine e somiglianza, ci ha destinati ognuno a casa propria: nessuno di tutti noi ha scelto di stare dove siamo....! Quindi, il mio saggio consiglio, sarebbe quello di evitare atteggiamenti di paladini delle cause perse...!

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    14 Luglio 2013 - 15:03

    Prima fatela entrare nell'ateneo e nella parrocchia, poi bollate porte e finestre e date lo zolfo.....e tenerla lì in quarantena...! Se poi intendete completare l'opera, infilateci dentro anche coloro che l' hanno dove non dovevano...! Poi, rammentate a lei, ai comunisti ed a certi preti buonisti, che i suoi simili, unitamente a quel cannibale di Lumumba, uccisero e banchettarono con i corpi dei nostri cari militari, che erano andati giù, nel suo Congo, non a fare la guerra, ma a portare aiuti umanitari....!!!

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    14 Luglio 2013 - 12:12

    non avendo voluto incontrare un sindaco cosa si aspetta allora? forse nel congo si usa fare cosi`.

    Report

    Rispondi

  • emi58

    12 Luglio 2013 - 09:09

    VERGOGNATEVI Chi ca..o credete di essere per preparare un comitato anti accoglienza. come ca..o vi presentate davanti al Padreterno se non avete un minimo di umanità, se pensate di essere perfetti e invece non siete altro che cialtroni senza cervello e senza un minimo di cuore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog