Cerca

Enrico tira fuori il pallottoliere

Letta aumenta l'Iva
Tanto può governare
anche senza Alfano

Il premier parla solo di una "rimodulazione fiscale" nella manovra. Se Angelino non sarà con lui, al Senato può farcela coi voti di Sel e di transfughi 5 Stelle

Letta aumenta l'Iva
Tanto può governare
anche senza Alfano

La strada maestra resta quella di una fiducia da una parte consistente del Pdl soto la "guida" di Angelino Alfano. Sarebbe quella la via che consentirebbe a Enrico Letta di governare fino al 2015, come ha sempre sostenuto di voler fare per "blindare" il semestre italiano di presidenza della Ue. E quella sarebbe una maggioranza vera, in assenza della quale Letta ha più volte detto di essere prontio a mollare Palazzo Chigi. Ma col passare delle ore, e dopo il vertice Pdl a Montecitorio, la frattura interna al Pdl pare ridursi e Letta potrebbe essere costretto a rivedere i suoi piani, puntando su una maggioranza diversa, che gli permetterebbe di fare a meno di Alfano e dei 'transfughi' azzurri. E' per questo che il premier resta impalato sulla questione Iva, fermo nella posizione che ha espresso anche domenica sera a "Che tempo che fa": sulle tasse ci sarà una rimodulazione in sede di manovra, ma il premier non ritene possibile o praticanile una retromarcia che la riporti al 21%.

L'altra maggioranza, Letta la potrebbe trovare nelle file di Sel, dei Gal e di qualche 'traditore' dei 5 stelle disposto a mollare Grillo per sostenere un governo che vedrebbe Berlusconi e i suoi all'opposizione. Poi avrebbe dalla sua i 5 senatori a vita (CIampi più i 4 appena nominati) e forse qualche transfuga pidiellino isolato. Certo, sarebbe proprio la 'maggioranza raccogliticcia' che Letta ha sempre sostenuto di vole evitare. Ma l'evolversi della situazione (con Alfano che al vertice Pdl sarebbe stato visto applaudire il Cavaliere) e le pressioni del capo dello Stato Giorgio Napolitano potrebbero indurre il premier a tapparsi il naso e a tirare fuori il pallottoliere per tirare a campare. Fino a quando, non si sa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    01 Ottobre 2013 - 14:02

    ma Berlusconi, D.L. n. 138 del 13 agosto 2011 la firma sul documento è di Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri e Tremonti, Ministro dell'economia e delle finanze... l'IMU? sempre una tassa introdotta da Berlusconi e Tremonti

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    01 Ottobre 2013 - 11:11

    il PDL vuole abbassare le tasse e aumentare gli sprechi, (tanto l'italia fallirà lo stesso) il PD vuole aumentare le tasse e gli sprechi, così l'Italia fallirà qualche anno dopo.

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    01 Ottobre 2013 - 11:11

    In due anni sono cambiate notevolmente le condizioni che avevano determinato tali scelte. Oggi si sarebbe trattato d'attuare un preciso punto dell'accordo sul quale il governo è nato, con precise indicazioni di come attuare le coperture, ma la voglia di eliminare sempre e comunque l'avversario di sempre è prevalsa in tutti questi mesi inconcludenti. Nessuno ricorda la faccia e le sparate ostili e velenose di Letta durante la campagna elettorale ed in precedenza, nonché nei due mesi persi da Bersani? Informati e ragiona, ignorante come una capra comunista.

    Report

    Rispondi

  • 01 Ottobre 2013 - 10:10

    Tutto per ripicca e dispetto,così come le acide zitelle,senza rispetto ed a tutto danno degli "stupidi" cittadini italiani che li votano. Si spacciano per politici ma sono solo dei bambini inadeguati: antipatici e dispettosi. Per giunta

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog