Cerca

La solitudine di Re Giorgio

Napolitano nel mirino: dopo Pdl e Grillo, la rivolta di Renzi e mezzo Pd

I 5 Stelle propongono l'impeachment, il rottamatore critica sull'amnistia, i dem insofferenti per il suo attivismo: il presidente fa il premier-ombra e ora ne paga le conseguenze

Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano

Ha passato il sabato a studiare la normativa sul diritto d'asilo, Giorgio Napolitano. Per questo motivo non ha potuto seguire la manifestazione di Rodotà, Zagrebelsky e gli altri in difesa della Costituzione, a Roma. L'impegno del capo dello Stato non è un dettaglio: più che presidente, negli ultimi mesi si sta muovendo da premier. Incontra i leader di partito e della società civile, ne ascolta i "report" sullo stato della maggioranza e dei vari settori culturali e produttivi, suggerisce linee guida a Parlamento e governo. Una moral suasion decisamente più forte perché obbligata dal vuoto politico creato dalle elezioni di febbraio scorso e dai mancati accordi tra Pd e Pdl (e soprattutto "dentro" il Pd) su quello che sarebbe dovuto essere il suo successore al Quirinale. Giocoforza, insomma, Napolitano ha dovuto prendere in mano le redini della difficilissima situazione italiana. Fino a oggi, pochi se ne sono lamentati. I falchi del Pdl, un po' più spesso degli altri, perché preoccupati dalla prudenza del Colle sul caso-Berlusconi. I grillini, naturalmente, che in Napolitano vedono l'esempio della vecchia politica, della Casta autoreferenziale. 

Napolitano amareggiato da Grillo - Sabato, però, qualcosa è cambiato. Mentre Re Giorgio studiava un modo per risolvere l'emergenza-clandestini, in stretto contatto con Lampedusa, dal web e da Bari sono partiti un paio di attacchi nucleari verso di lui. Ha iniziato Beppe Grillo, con un tam tam mediatico sul proprio blog per chiedere addirittura l'impeachment, vale a dire la sfiducia del presidente dopo il suo invito al Parlamento di votare una misura svuota-carceri, amnistia o indulto. Il sospetto di Grillo e dei 5 Stelle è che con queste misure si vogliano salvare non tanto i poveracci chiusi in galera, quanto chi in galera o affini potrebbe finirci, come Silvio Berlusconi. "La politica pensa sempre alle minoranze. Ma chi si occupa dei diritti della maggioranza silenziosa?", chiede polemicamente nel suo ultimo blog il leader del M5S, riferendosi appunto all'amnistia. Napolitano ha incassato la richiesta di impeachment-dimissioni con amarezza. 

La rivolta di Renzi e mezzo Pd - Ma il colpo di grazia al weekend (poco sereno) del presidente ci ha pensato Matteo Renzi, con l'affondo sempre sull'amnistia definita un "clamoroso autogol". Presa di posizione, quella del probabile futuro segretario del Pd, che non è andata giù al premier Enrico Letta e pure ai ministri democratici. E' sembrata, non a torto, un attacco diretto al Quirinale. "Dire non non è lesa maestà", si è difeso Renzi. Ma dietro c'è qualcosa di più che un dibattito. C'è un sentimento di insofferenza montante. Per mesi (diciamo dal dicembre 2011, con Monti premier) il Partito democratico si è messo (più per necessità che per convinzione) sotto il cappello di Napolitano, seguendone gli obiettivi: stabilità e larghe intese sono state le parole d'ordine, digerite fin qui. Ma con Renzi una parte del partito ha ritrovato la voglia di andare al voto, sentendo la vittoria possibile. E soprattutto sta maturando l'idea che stare sempre agli ordini di Napolitano significa andare a braccetto con il Pdl. Per quanto ancora si può fare? Renzi non manca mai di sottolineare sarcasticamente il suo maldipancia per governare con Brunetta. Una polemica, questa sì, diretta anche al Colle, unico vero garante e collante della maggioranza allargata. "Le critiche le facciano nel merito, tutti dovrebbero stare ai fatti", si è lamentato Napolitano. Ma forse, dopo gli attacchi a Letta ("Se fa dura, se non fa va a casa"), era inevitabile che Renzi (e mezzo Pd, compresi bersaniani, veltroniani e Giovani turchi) se la prendesse anche con Re Giorgio, il premier-ombra più ingombrante di quello vero. Il commento di un anonimo parlamentare democratico è emblematico: "Napolitano è sempre presente, controlla tutto e tutti".

di Claudio Brigliadori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldo delli carri

    14 Ottobre 2013 - 20:08

    se voleva fare la rivolta contro napolitano bastava far cadere il governo...paese di bla,bla, bla......

    Report

    Rispondi

  • voiturderi

    14 Ottobre 2013 - 19:07

    se la maggioranza degli italiani è a livello dei tuoi post.................. altroche comunisti e cattolici qui arrivano le madrasse.

    Report

    Rispondi

  • dxsolodx

    14 Ottobre 2013 - 15:03

    sono d'accordo con te.Il Quirinale deve diventare l'Eliseo italiano,lo stato cominci a risparmiare e tagliare le spese.L'Italia è una repubblica non una monarchia.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    14 Ottobre 2013 - 15:03

    sono dei miseri individui di cultura Comunista o Cattolica che, partendo da dgmi morti, credono di essere Migliori degli altri, migliori del popolo. Per questo fanno i prepotenti, perchè snobbano e non hanno alcun rispetto per l'intelletto altrui. Sono i prepoitenti che pensano di poter insegnare, MA CHE NON SONO E NON SONO MAI STATI CAPACI DI COSTRUIRE ALCUNCHE'DI BUONO. Cattolicesimo e comunismo hanno fatto più morti che tutte le altre guerre della storia da 3.000 anni a questa parte. Però loro, i beceri, continuano a fare danni, e NOI li sopportiamo e non facciamo nulla.... ma si può esser più cretini, sia gli oppressi che gli oppressori ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog