Cerca

Tutte le rilevazioni

Sondaggi, il Movimento 5 Stelle in risalita: punta al record del 25%

Grillo sorride: le larghe intese gli fanno bene. Pd primo partito, Pdl al 23%: tra centrosinistra e centrodestra c'è un punto e mezzo

Beppe Grillo

Lo spaccamento del Pdl e la bufera che ha investito le larghe intese sembra aver riportato un fiotto di consensi al Movimento 5 Stelle, sempre pronto a cavalcare l'onda della discordia. A fine giugno veniva infatti stimato dai sondaggisti tra il 17 e il 18% di consensi, mentre ad agosto intorno al 19%. Ad oggi sfiora invece il 22% e punta al record del 25,5% raggiunto alle politiche del 24 e 25 febbraio. E l'ascesa preoccupa i piani alti occupati dai partiti tradizionali. I dati sono forniti dai principali istituti di ricerca, che monitorano le intenzioni di voto degli italiani e che hanno segnalato proprio negli ultimi giorni il passo avanti dei grillini. 

Il Movimento 5 Stelle - Il partito di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio vale oggi in media il 21,7% delle preferenze, circa 4 punti in meno di quanto conquistato otto mesi fa alle urne, ma più di quanto ci si aspettasse alla vigilia della tornata elettorale. I grillini, dunque, salgono a metà ottobre di 4 punti rispetto ai dati di inizio estate ed oscilla tra il 16,9% indicato da Lorien Consulting (sondaggio realizzato del 12 e 13 ottobre e pubblicato sul quotidiano Italia Oggi) al 25,4% segnalato dal sito Scenari Politici (interviste web effettuate tra il 7 e il 10 ottobre). Complessivamente ben 10 autori su 11 stimano il M5S oltre la soglia del 20% dei voti. 

Il Partito Democratico - Il Pd si conferma primo partito d'Italia, con consensi al 28,9%, circa mezzo punto in meno rispetto alla scorsa settimana. Il partito capitanato da Guglielmo Epifani si muove  precisamente dal 27% netto segnalato da Swg (sondaggio realizzato nei giorni 7 ed 8 ottobre e diffuso dal Corriere della Sera) al 30,9% stimato da Ipso Ricerche (interviste del 10 e 11 ottobre e risultati resi noti nel corso della trasmissione Porta a Porta). Resta stabile il consenso di Sinistra Ecologia Libertà, che dopo il 3,2% ottenuto alle urne, viene indicata dai sondaggisti mediamente sopra il 4% (4,3%) e varia tra il 3,5% di Ipso e il 5,1% di Swg. Stando alla media di questi dati, il Centrosinistra sarebbe al 33,9%, mentre il centrodestra si fermerebbe al 32,4 per cento.

Il Popolo delle Libertà - Il Pdl mantiene comunque un buon livello di consensi. E' stimato al 23,8%, oscillando dal 21% di Scenari Politici al 25,2% di Emg (interviste del 10 e 11 ottobre e dati resi noti dal TgLa7). La Lega Nord rimane sopra il 4%, mentre Fratelli d'Italia si  muove invece su livelli più elevati rispetto alle ultime elezioni nazionali. Dopo il 2% netto ottenuto a febbraio il partito di Giorgia Meloni si muove ora tra il 2,1% stimato da Ispo al 3,4% di Scenari Politici. La Destra di Francesco Storace, infine, 1,1% di media, varia tra lo 0,6 e l’1,4%.

Sel e Rifondazione Comunista - Brutte notizie per Scelta Civica. L'ormai ex partito di Mario Monti non supera il 6,7%, quando otto mesi fa alle urne aveva raggiunto l'8%. Segnali negativi anche per la sinistra radicale che in occasione del voto di febbraio ha presentato Antonio Ingroia come candidato premier e leader della lista unitaria Rivoluzione Civile. Il consenso resta basso e sono quasi nulle le possibilità di ingresso in Parlamento che richiede il superamento di una soglia di sbarramento del 4% alla Camera. Rifondazione Comunista, dal canto suo, non supera l'1,5%, insieme all'Idv che non sfonda l'1,3% segnalato da Ispo. I Verdi si fermano allo 0,7% stimato da Emg. L’istituto Ixè, intanto, registra (sondaggio del 9 ottobre per la trasmissione di Raitre Agorà) lo 0,8% di consenso per Azione Civile, nuovo movimento di Ingroia. Il miglior dato relativo all’intero schieramento, infine, il 3,4%, viene diffuso da Tecnè (interviste del 10 ottobre per SkyTg24). I radicali, infine, e gli ultraliberali. La Lista Pannella viene indicata allo 0,5 e all’1,2% (rispettivamente da Ixè e Lorien). Fare per Fermare il Declino, invece, allo 0,7 e all’1,5% (da Emg e Lorien).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    18 Ottobre 2013 - 16:04

    poi nell'articolo: "... Il Pd si conferma primo partito d'Italia, con consensi al 28,9%; Il Pdl mantiene comunque un buon livello di consensi. E' stimato al 23,8%, oscillando dal 21%..." Ovvero l'arte di fare i titoli

    Report

    Rispondi

  • arwen

    18 Ottobre 2013 - 10:10

    Questa tattica il buon Beppe l'ha mutuata dritta dritta dalla sx che, esclusa dalla corsa al governo del apese per anni, ha costruito le sue fortune sull'opposizione dura senza se e senza ma, salvo dimostrare, alla prima occasione utile, che a governare non sono proprio buoni neancge loro. Beh,ora potremo dire che per sapere che il M5s non è capace di governare non serve nemmeno la prova, bastano questi pochi mesi di nulla assoluto.

    Report

    Rispondi

    • arciboldd

      22 Marzo 2014 - 16:04

      sei un piduista?...pardon...un piduino?...sei un poveraccio...perché non ti ricoveri?se ti ricoveresti faresti un bene all'umanità...secondo questa faccia di bronzo il m5s è il niente assoluto mentre i partiti che ci hanno rubato per 40 anni sono il tutto...dio mio...non ho parole davanti a tanta ignoranza!

      Report

      Rispondi

  • Garrotato

    18 Ottobre 2013 - 09:09

    Queste percentuali sono per i giocatori del lotto. È vero che servono anche a scrivere qualche articolo quando non c'è di che riempire una pagina di giornale, o per allietare o rovinare la giornata a qualche leaderino rampante o a qualche stagionato leader, ma questi sono effetti collaterali, i destinatari sono precipuamente i giocatori del lotto. Magari i sondaggisti sono foraggiati da Sisal & co., va' a sapere. Il fatto che le percentuali varino fra zero e cento lo conferma indefettibilmente. Sono penalizzati, è vero, i numeri sopra il trenta, ma c'è sempre modo di introdurre un coefficiente correttivo...chiedere al Ministero delle Finanze, sono esperti in questi trucchetti dei coefficienti per addomesticare i numeri.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    18 Ottobre 2013 - 04:04

    Mi sembra strano che il PD sia il primo partito italiano....Con le boldrinate che fa Faccetta Nera e la sua degna compare pro immigrati e dalla lacrima facile difficilmente dovrebbe raggiungere la percentuale del sondaggio in oggetto.Mio parere personale?i sondaggi servono a poco o a nulla.Gli Italiani sono imprevedibili.Ma questo sondaggio è stato commissionato dalla Curia?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog