Cerca

L'equità dell'esecutivo

Manovra, il governo Letta dà 1,5 miliardi di euro di sgravi alle banche

Manovra, il governo Letta dà 1,5 miliardi di euro di sgravi alle banche

Da sinistra, Saccomanni, Letta e Giovannini

La legge di stabilità continua a essere  un oggetto misterioso. Tra bozze,  correzioni a pioggia e passi indietro, la manovra sui conti pubblici non ha ancora assunto la forma definitiva. Tra tanti dubbi, però, spicca una certezza: il doppio regalo del Governo alle banche.   Con la finanziaria  di Enrico Letta e Fabrizio Saccomanni, infatti, gli istituti incassano la garanzia di Stato sui derivati (cioè il gioco d’azzardo sui mercati finanziari) e un maxisconto fiscale. E  proprio lo sgravio tributario è stato benedetto in tempi record da Mediobanca e Fitch: piazzetta Cuccia stima una crescita boom dei profitti, mentre  l’agenzia di rating prevede un miglioramento sul versante dei  prestiti ai clienti. Tutti contenti: evviva.

E invece. Ai piani alti degli istituti regna la   prudenza. Fino a che  il provvedimento varato mercoledì dal consiglio dei ministri  non diventerà legge dello Stato i banchieri restano con le dita incrociate. Grosso modo a Natale, però, lo sconto fiscale sulle sofferenze e il paracadute sul gioco d’azzardo regalati da Alfano e Letta saranno impacchettati dal Parlamento che, salvo sorprese, approverà definitivamente la legge di stabilità. Legge che, secondo Mediobanca, metterà le ali agli utili del settore, destinati a crescere in media del 7% nel 2014 e dell’11% nel 2015 proprio grazie alla norma   che riduce da 18 a 5 anni l’arco di tempo in cui le banche possono dedurre le svalutazioni sui crediti. Bper e Creval saranno quelle che beneficeranno di più del provvedimento, con un aumento potenziale fino al 20% degli utili attesi l’anno prossimo. Per Unicredit l’attesa è di un miglioramento del 5% dei profitti, per IntesaSanpaolo del 6% e per Credem del 3%. Secondo Fitch, come accennato, lo sgravio «aiuta a migliorare la qualità del credito»: l’agenzia riconosce che l’attuale regime italiano è «particolarmente restrittivo» rispetto a quello di Francia e Gran Bretagna. La riforma, perciò, riequilibrerebbe  il quadro normativo su scala europea.

Un bel risultato  per il presidente Abi, Antonio Patuelli. Il quale ha negoziato il dossier per mesi col Governo e ora  non si sbottona. Anzi. Da un paio di giorni il leader dei banchieri è rinchiuso nel  bunker al primo piano di palazzo Altieri:  studia le carte gomito a gomito con gli esperti  dell’associazione e in particolare con l’ex funzionario del Tesoro, Laura Zaccaria, da alcuni anni a capo del servizio fiscale  della Confindustria del credito. Ore e ore di analisi  al termine delle quali Patuelli ha spiegato che l’intervento inserito dal governo nella bozza del ddl è «insufficiente». In effetti  non è stato previsto lo sgravio sui nuovi titoli  ibridi che le banche utilizzeranno da gennaio per ingrassare i coefficienti patrimoniali. Non solo. Sui vantaggi fiscali ottenuti, i big del credito temono che con un cambio della guardia a palazzo Chigi quei cinque anni previsti dal ddl possano salire a  sette  o a nove. Il che ricreerebbe di nuovo una situazione sfavorevole anche rispetto al resto d’Europa.

Patuelli non vuole mostrare troppa soddisfazione. Pura tattica.    Il  favore alle banche, però, non è sfuggito ai sindacati di categoria. Che, nel confermare lo sciopero del 31 ottobre, ieri hanno mandato un chiaro messaggio all’Assobancaria: «Il Governo ha dato dimostrazione di attenzione al settore - così il segretario generale Fabi, Lando Maria Sileoni - attenzione che l’Associazione bancaria non ha verso di lavoratori ai quali è stato disdettato il contratto nazionale con 10 mesi di anticipo».

Insomma, si è alzato  più di un sopracciglio fra gli addetti ai lavori: l’aiuto è sotto gli occhi di tutti. E lo è ancor di più se  si considera  la garanzia che lo Stato  potrà offrire  smobilitando la liquidità dei conti di tesoreria per assicurare i derivati degli istituti. Una misura che, stando alle carte di via Venti Settembre, non grava  tecnicamente sui conti pubblici, ma che politicamente, invece, ha un peso enorme. Perché l’unico settore concretamente aiutato con la legge di stabilità  confezionata dal governo delle larghe intese è l’industria bancaria. 

Non a caso  le associazioni dei consumatori gridano allo scandalo. L’Adusbef parla di «ennesimo regalo alle banche» e fa due conti:   il vantaggio legato alla revisione del trattamento fiscale delle perdite su crediti potrebbe essere stimato, nel triennio 2013-15, in 1,5 miliardi di euro. Un bel po’ di quattrini da confrontare coi 14 euro al mese (182 euro l’anno) concessi  ai lavoratori con gli sgravi sul cuneo fiscale. Soldi da buttare? Macché. C’è da pagare l’aumento del bollo sui depositi bancari e la nuova Trise sulle prime case. E quei 182 euro, calcolatrice alla mano, nemmeno basteranno.  

Francesco De Dominicis

twitter@DeDominicisF


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tristano.libero

    23 Ottobre 2013 - 09:09

    Voglio vedere se c'é ancora qualche pirla che alle prossime elezioni voterà ancora il governo delle tasse (PDL+PDmenoL) credendo per l'ennesima volta alle panzane che ci raccontano giusto in campagna elettorale.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    19 Ottobre 2013 - 11:11

    Ma quanti me ne chiede indietro lo stato?

    Report

    Rispondi

  • libero

    19 Ottobre 2013 - 10:10

    dopo aver assistito,in vero per poco tempo per tutelarmi lòa salute fisica e mentale,alle performance del duo Letta/Obama,mi e' tornata la memoria del "vieni avanti cretino" della coppia W.Chiari & C.Campanini.Il sentire Letta sproloquiare in modo fallace e vergognoso,sulle proprieta'"curative "della sua profilassi italiana da un lato e ascoltare il peana di approvazione da parte di Obama,non ho potuto fare a meno di interrogarmi su quale dei due fosse il piu' stupido,tanto simile era l'interscambiabilita' dei ruoli.Noi italiani,siamo assuefatti purtroppo a tale tragicomico teatrino,ma il fatto grave e' che l'opinione pubblica americana,da Letta e' stata raggirata e peggio se con il consenso di Obama,perche' se cosi' non fosse,nutrirei pesanti dubbi sulle capcita' del presidente della piu' importante nazione del mondo.

    Report

    Rispondi

  • acstar

    19 Ottobre 2013 - 09:09

    A Firenze si dice : meglio un morto in casa che un pisano all'uscio (porta)! E pure ce lo ritroviamo a capo del governo.......in agricoltura il "governo" vuol dire "governare" (concimare) le produzioni agrarie e quindi.....letame a volontà ! Questo governo ci prende per i fondelli e, comunque, c'è qualche "luminare" ( magari bancario.....non banchiere....) che gli va bene così ! Vedi, magari, "bellunolibero" qui sopra !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog