Cerca

Le trappole

Legge finanziaria, clausola di salvaguardia da 20 miliardi

Enrico Letta

Enrico Letta

Si chiama "clausola di salvaguardia" che, tradotto dal linguaggio tecnico, vuol dire "fregatura". Accade questo: nella legge di Stabilità sarà inserita una clausola di salvaguardia che prevede 20 miliardi di nuovi aggravi fiscali dal 2015 al 2016. A Palazzo Chigi spiegano che si tratta di una garanzia da dare alla Commissione europea suil fatto che l'Italia rispetterà il percorso di risanamento dei conti pubblici e che ha una sorta di "piano B". La norma dovrebbe essere generica e il piano prevede che nel corso del 2014 con un decreto del Presidente del Consiglio si individueranno tutti gli interventi necessari a realizzare 3 miliaerdi di maggiori entrate nel 2015, 7 miliardi nel 2016 e 10 nel 2017. Come? Si potrà ricorrere al taglio delle agevolazioni fiscali, a detrazioni, deduzioni ed edenzioni. Ma anche all'aumento di aliquote di prelievo ed imposte alle accise. In pratica l'aumento di benzina, sigarette e alcol. Si ricorrerà a queste maggiori entrate nella misura in cui i 20 miliardi nel triennio non verranno assicurati dai tagli di spesa che dovrebbero essere individuati dal Commissario per la spending review Carlo Cottarelli. Intanto per il 2014 scatterà una riduzione dell'aliquota delle spese detraibili (mediche, istruzione etc) dal 19% al 18%. La detraibilità al 18% colpirebbe le spese effettuate nel 2013 portate a sconto nella dichiarazione del 2014. Il punto è che se non si raggiungerà l'obiettivo, la percentuale dello sconto fiscale scenderà al 17% nel 2014. 

Toni accesi - Intorno alla legge di Stabilità sta crescendo la tensione politica: il vicemistro Pd Stefano Fassina ha addirittura minacciato le dimissioni e i sindacati hanno già annunciato scioperi. Il provvedimento dovrebbe essere licenziato in prima lettura e passare all’esame della Camera entro il 15 novembre. Il percorso parlamentare del testo di "finanziaria" messo a punto dal governo e trasmesso a Bruxelles per il vaglio della Commissione Ue si annuncia accidentato. I due maggiori partiti di maggioranza preannunciano "un attento esame" che sfocerà con ogni probabilità nell’approvazioni di modifiche, anche se non dovranno comunque cambiare i saldi di bilancio inscritti nella nota di aggiornamento al Def già approvata dal Parlamento. Le principali mine vaganti, per la tenuta dell’intelaiatura costruita da Letta e Saccomanni, sono l'individuazione delle coperture finanziarie previste, le relative clausole di salvaguardia e il peso redistributivo del nuovo sistema di imposizione locale che subentrerà all’Imu sulla prima casa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    18 Ottobre 2013 - 16:04

    diciamola tutta : se un partito potesse assicurarsi la maggioranza in cambio di posti (che gli altri dovranno pagare) lo farebbe senz'altro (come hanno fatto in effetti). Non c'e' niente da fare: quando in un gruppo la maggioranza campa sulle spalle della minoranza i delegati saranno sempre gli stessi e faranno sempre gli interessi dei parassiti. In Italia pero' c'e' un problema: che i soldi sono finiti. E ora? Resisteranno fino alla fine? ne puo' essere sicuro, come vede tirano i debiti finche' possono e i servizi di informazione (TUTTI) fanno finta che i problemi sono altri. perche'? Una mezza idea io l'avrei, lei che ne dice?

    Report

    Rispondi

  • dx

    18 Ottobre 2013 - 15:03

    buon titolo per il mio prossimo libro /semmai mi venisse la voglia di sprecare energie/ che tanto la sinistra non mi pubblicherà mai.

    Report

    Rispondi

  • dxsolodx

    18 Ottobre 2013 - 15:03

    lei dice le cose giuste ma come potranno sx e centro licenziarli? Non dimentichi che sono molti anzi moltissimi voti comprati,non li possono certo perderli.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    18 Ottobre 2013 - 15:03

    ... che questo governo, come gli altri precedenti, hanno una sola preoccupazione : mantenere una pressione fiscale Finalizzata Solo al Mantenimento e finanziamento dello spreco Annuo stato/politica. Migliaia di enti inutili, Diecimila soc pubbliche locali zeppe di politici, inefficenza finalizzata alla gestione del potere, burocrati senza meriti che bloccano lo stato, appalti pubblici che superano del 40% i costi medi, Un Milione trecento mila politicanti nel paese.... sovvenzionati dalle tasse... OVVIO che serva rubare molto per sprecare molto. E lo spreco è tutto nei centri di potere di Pd e Pdl, visto che gli altri partiti sono nani e non contano nulla. SVEGLIA, siamo un popolo di sfruttati. Ancora per quanto vogliamo esserlo ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog