Cerca

Se non ora quando?

Pd, è corsa al tesseramento: barboni, albanesi e africani

Tensioni in vista del congresso: in tutta Italia boom di nuovi iscritti. Il sospetto è che qualcuno voglia pilotare l'assise "comprandosi" i consensi

Matteo Renzi

Matteo Renzi

D’accordo, ci sarà pure un problema di croci  più che di bandiere a sinistra del Pd, come ha sostenuto Matteo Renzi alla Leopolda di Firenze. Ma qualcuno avverta il sindaco ex rottamatore, avvinto come l’edera all’immagine di se stesso, che il vero problema del Pd si chiama tesseramento, con congressi locali annullati, file sospette davanti alle sezioni, extracomunitari registrati a loro insaputa e via di questo passo. Di tessere false, o tarocche, si può anche morire. E non solo di quelle a dire il vero.

La kermesse fiorentina di superego LoRenzi il magnifico rottamatore non è stata solo una festa strapaesana per lanciare gli  slogan del predestinato alla segreteria del partito, ma una ghiotta occasione per allargare la mailing list di simpatizzanti e amici. Per accedere alla Leopolda, infatti, era necessario registrarsi. Una volta ottenuto il badge con il proprio nome, in  cambio, si riceve la E-news di Renzi. Alle primarie dell’8 dicembre questo formidabile elenco del telefono renziano tornerà molto utile. E sicuro servirà a mobilitare le truppe cammellate. Alla faccia dello spontaneismo e della politica fatta con formule semplici. Niente e più scientifico della  pseudo linearità di Matteo.

Nel frattempo il menù del giorno offre un primo ed un secondo a base di tessere gonfiate o taroccate con accuse e veleni sparsi dal nord a sud. «Com’è possibile che il tesseramento aumenti in modo così sensibile in un momento di distacco generale dalla politica?», si chiede retoricamente Roberto Morassut, parlamentare Pd e componente della commissione congresso del partito, «chi paga molte delle tessere che in molti circoli vengono fatte a sconosciuti che non versano nemmeno personalmente la loro quota?». C’è davvero la corsa a riempire gli elenchi in vista delle primarie, oppure è solo un’illusione ottica?  «A leggere certe cronache e certi resoconti,  la mia campagna congressuale costerà meno del costo del congresso di una singola federazione provinciale», scrive Beppe Civati sul suo blog. Insomma, ce n’è quanto basta per preoccuparsi e lanciare il grido d’allarme. 

Tanto per restare nella Capitale, fanno notizia i caso di Trastevere e Centocelle dove ai Democratici avrebbero aderito anche un clochard, mentre al circolo di Ottavia-Palmarola, nel Municipio XIV, gli iscritti in un solo giorno sono stati 40. A Trastevere, storico circolo nel cuore di Roma che vanta tra gli iscritti il direttore del quotidiano Europa, Stefano Menichini, e il vicepresidente della Camera, Roberto Giachetti, 30 persone in cerca di una tessera democratica sono arrivate all’ultimo istante, proprio mentre si chiudeva il dibattito congressuale e si aprivano le operazioni di voto. 

Non va meglio a Napoli e Salerno, dove è  iniziato il mercato delle tessere. A Caserta il congresso provinciale stato rinviato a novembre. C’è chi parla di un possibile commissariamento del partito come antidoto allo scontro tra renziani e cuperliani. Ad Avellino invece sono tre candidati su quattro a invocare uno slittamento dell’assemblea. «Questa è una guerra delle tessere, vogliamo giocare ad armi pari», hanno spiegato gli esponenti del Pd.  «Ci sono iscritti ad Avellino che risiedono in provincia o addirittura nel Napoletano». Visto il caos meglio corteggiare Gianni De Magistris. Emissari di Cuperlo  avrebbero contattato il sindaco di Napoli. E siccome il piatto è ghiotto anche gli uomini di Gianni Pittella avrebbero fatto altrettanto.

In Sicilia invece la macchina congressuale del Pd procede a ritmo alternato, tra sfide vinte, alcune da consumare e altre ancora bruscamente interrotte. Quasi tutte farcite di veleni e sospetti legati al diffuso boom di iscritti. A Palermo il renziano Carmelo Miceli, vicino dunque all’area di Davide Faraone, ha la meglio sul cuperliano Antonio Rubino, legato ad Antonello Cracolici. A Enna vola il dominus del partito Vladimiro Crisafulli, ritenuto incandidabile alle ultime politiche, ma candidabilissimo nella gara per i nuovi assetti del partito: per il neo segretario provinciale un risultato bulgaro che supera l’86%, nonostante gli anatemi a distanza di Pippo Civati e di Matteo Renzi. 

Che abbia ragione il sindaco di Bari Michele Emiliano? «Preferisco perdere un congresso piuttosto che vincerlo con delle tessere false o con una raccolta di figurine che non serve a niente, perché un segretario eletto così non conta niente». Perché anche in Puglia le tessere del Pd sono diventate l’oggetto più ricercato. Come gli albanesi a Livorno. Nella città «più rossa» ha vinto il cuperliano De Filicaia. Ma lui stesso a stupirsi della «Strana affluenza». «Bisogna capire se c’è stata una strumentalizzazione delle comunità straniere». In particolare senegalesi e albanesi. Cosa non si fa per un congresso...

di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mamex

    mamex

    06 Novembre 2013 - 15:03

    Perché comunque vada, spaccherà il PD e finalmente anche in Italia si aprirà la speranza per una sinistra moderna. Ciò detto non sono affatto di sinistra ne tanto meno di centro, ma questa ribongia maleodorante stantia e tossica di nome PD, igienicamente parlando deve sparire. Hanno l'investitura della cultura, l'esclusiva del verbo, ma sopratutto una bella pancia e buoni denti affilati il tutto contornato da capacità produttive pressoché a zero.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    31 Ottobre 2013 - 03:03

    Forse che in quella compagine sono mai mancate le categorie dei mantenuti di stato?

    Report

    Rispondi

  • wainer

    29 Ottobre 2013 - 21:09

    prima di scrivere bisogna imparare a leggere bene... il titolo dice: Pd, è corsa al tesseramento: barboni, albanesi e africani... ripeto DUEPUNTI barboni VIRGOLA albanesi CONGIUNZIONE africani - nella lingua italiana la virgola è usata per DIVIDERE i singoli elementi paralleli di una lista o di un elenco! Quindi non c'è scritto barboni albanesi e africani... ma barboni VIRGOLA albanesi e africani. etc - Congratulazioni, il fatto poi che ti paghino a 90 giorni a me non fa nessun comodo e ti deve solo consolare! A me lo stato "mi" paga a babbo morto (fattelo spiegare da qualcuno)... l'ultimo pagamento ricevuto è stato a 1115 giorni F.M. se poi ti trovi così male... una soluzione c'è non credi?

    Report

    Rispondi

  • arben

    29 Ottobre 2013 - 20:08

    quando votavo il pdl vi andava bene il voto dell albanese??, adesso noi albanesi siamo pari con i barboni,e africani,perche ???? i romeni ,serbi ,croati non votana ??? perché sempre in mezzo i albanesi o africani ????o quando lavoriamo e ci pagate dopo 90 giorni vi fa comodo signori di destra??? avete rotto..... con questo modo di fare politica,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog